Overblog
Segui questo blog
Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Post con #mmt - barnard categoria

Adesso gliela facciamo vedere ai greci… fanno schifo…adesso davvero tiriamo fuori le mazze, e li macelliamo…. li stritoliamo...

Pubblicato su 13 Novembre 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in MMT - BARNARD

Di: Paolo Barnard

SONO LEADERS, DEMOCRATICI. VANNO IMPICCATI COME A NORIMBERGA. ARRESTATEMI.

 

Le teste tagliate in video dall’ISIS muovono armate internazionali e disgustano il pubblico. Sono piccolezze di principianti confronto a quello che hanno fatto i leader europei alla Grecia, e COME LO HANNO DECISO. Non siamo nel 1942, siamo nel terzo millennio e dopo il Nazismo abbiamo costruito un intero mondo di democrazie e leggi, trattati, tutele dei diritti umani ecc. Inutili a Dio e all’uomo. Infatti accade che per una manciata di soldi le grandi ‘democrazie’ europee siano, nel 2010, tornate alla Gestapo Nazista per decimare, torturare, punire, cioè per perpetrare crimini contro l’umanità in Grecia, contro innocenti. Ora lo sappiamo, ora che le trascrizioni delle VERE interviste all’ex ministro del Tesoro americano Timothy Geithner sono state rese pubbliche. E fanno inorridire, io sono sotto shock. (fonte Financial Times)

Inutile che io scriva parole. Ribadisco prima alcuni fatti: la Germania e il codazzo che le obbedisce, incluso il governo italiano, hanno, secondo la più autorevole rivista medica del mondo, il The Lancet, imposto alla Grecia la ‘giusta punizione economica’ e l’hanno ridotta così: 

560.000 bambini denutriti

1.000.000 di cittadini senza più accesso alla medicina di base

Oltre 2.000.000 di Greci che devono bruciare i mobili di casa o rubare gasolio per scaldarsi d’inverno.

È tornata la malaria in Grecia.

Le infezioni da HIV sono aumentate del 3.126% per assenza di siringhe usa e getta.

L’assistenza agli ammalati di tumore è calata del 48%, abbandonati a morire senza neppure l’aspirina.

La mortalità infantile è aumentata del 43%, un tasso doppio di quello del Sudan. Bambini morti al parto (guarda il tuo piccolo ora, adesso!, mentre leggi). Una strage infame.

Ora, questo Olocausto fu deciso con un sadismo da SS a tavolino a un incontro dei G7 nel paesello di Iqualuit in Canada nel febbraio 2010, e il racconto di Geithner, ovviamente censurato nel suo recente libro, fa accartocciare il sangue. Vi si legge:

Io mi siedo a tavola e guardo il mio Blackberry… cazzo sta succedendo un macello in Europa, la Borsa francese sta precipitando e tutti si chiedono chi ha messo soldi in Grecia… Gli europei ragliavano “adesso gliela facciamo vedere ai greci… fanno schifo… adesso li stritoliamo”. Questo era l’atteggiamento di tutti i leader europei. E dicevano “adesso davvero tiriamo fuori le mazze, e li macelliamo”, li volevano realmente fare a pezzi.

E qui arriva l’ovvia fredda, disumana reazione di Geithner stesso, che come tutte queste belve da uccidere a vista per la strada, non considera neppure per un minuto che si sta parlando di donne, figli, persone, ammalati, e di future sofferenze da ghetto di Varsavia. No. Tutto quello che Geithner ha da dire è questo:

Ok, potete schiacciare la testa a quei greci, se è quello che volete fare, ma dovete essere certi che manderete un segnale opposto all’Europa e al mondo di rassicurazione, per dirgli che saprete gestire la faccenda… Insomma, che saprete proteggere il resto d’Europa. Ok, insegnategli una lezione…”.

Infanticidio, ammalati che muoiono urlando di dolore, un popolo devastato, una nazione tornata al medioevo, generazioni condannate, e TUTTI INNOCENTI.

A quell’incontro di Iqualuit in Canada nel febbraio 2010, e c’eravamo anche noi italiani, si decise una GUERRA D’AGGRESSIONE contro un popolo ignaro e innocente

Vi ricordo che a Norimberga fu il giudice della Corte Suprema americana, Robert Jackson, che definì la guerra d’aggressione contro inermi come “IL CRIMINE INTERNAZIONALE SUPREMO”. E impiccarono i responsabili.

Oggi la giustizia non esiste più, esiste un mondo deforme oltre ogni limite dove “hanno reso plausibile l’inimmaginabile” (E. Herman), e quei leader di quel G7 genocida possono farla franca.

No. Vanno uccisi a vista, senza pietà, come fu a Norimberga. E ora aspetto un mandato d’arresto. Ma io i bambini greci morti non li voglio sulla coscienza. Guarda il tuo piccolo ora, adesso!, tu madre, tu padre, mentre leggi. GUARDALO!

PB

Tratto da:http://paolobarnard.info

Adesso gliela facciamo vedere ai greci… fanno schifo…adesso davvero tiriamo fuori le mazze, e li macelliamo…. li stritoliamo...
commenti

SPIEGARE IL CORAGGIO A VOI VIGLIACCHI di Paolo Barnard

Pubblicato su 11 Marzo 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in MMT - BARNARD

Non vogliamo entrare nel merito della diatriba, pubblichiamo questo articolo consapevoli che ha, in parte, ragione da vendere.

Quando c'è da rischiare, da metterci la faccia, da andare avanti a muso duro, dove sono tutti questi " rivoluzionari".....e non solo quelli del MEMMT ?

Claudio Marconi

 

Ho passato la vita a spiegare il Vero Potere. Ho passato la vita a fornire strumenti per combatterlo. Ho rischiato tantissimo, ho vissuto con la paura, ma non mi ha fermato. E anzi, ogni volta ho rincarato la dose, che rincarava i rischi che correvo. Ho avuto molta più paura di essere distrutto da un processo assieme a tutta la mia famiglia che dell’elicottero Apache israeliano che poteva incenerire me e il mio taxista palestinese nel West Bank nel 2003. Ma non mi sono mai fermato.

E’ il coraggio che cambia la Storia, e se è il coraggio di tanti, la travolge, la Storia. E con essa il Vero Potere.

Ho perso tempo e vita. Neppure i miei più affezionati seguaci hanno capito nulla. Oggi mi è chiaro. Mi è stato offerto di andare al parlamento europeo (che fra l’altro non conta un cazzo) e io ho detto no, perché non servirei a nulla senza aver ottenuto prima dal popolo il coraggio di lottare. Ho detto no anche perché lo abbiamo già l’esempio, disperante, di ciò che dico: si chiama Nigel Farage, parlamentare europeo oggi ridotto a una patetica macchietta che fa ridacchiare Herman Von Rompuy mentre lo ascolta in aula. Von Rompuy sa benissimo, BENISSIMO, che alla fine delle catilinarie del Farage il 100% degli europei farà 700 click col mouse ciascuno poi tutti a fare l'aperitivo, al cinema, al ristorante. Volevate che Paolo Barnard si riducesse così fra un anno. Vi fottete vigliacchi.

Siete insorti perché ho rifiutato la poltrona della UE e avete addotto decine di motivazioni, solo per nascondere che siete dei vili che “vai avanti tu Barnard”, solo per nascondere che non sarete mai capaci di rischiare niente per salvarvi i diritti. Quello che IN VERITA’ v’infuria è che io non vi permetta di stare a casa col pc e con le chat sentendovi eroi che ‘lottano’ con Barnard. Non siete eroi, siete buffoni sul divano.

Se passavo la vita a spiegare la metafisica a un fritto misto era meglio. Morirete da fritti misti, e questo in fondo è giusto. Una giustizia c’è.

Che bella settimana. Lunedì cacciato da La Gabbia. Poi i Gruppi Territoriali MEMMT perdono la dignità che io gli urlavo di tenere per invece compiacere i due culi di cane Basciu e Invernizzi che hanno sequestrato Warren Mosler e che non ci permettono di vederlo,dopo che la MEMMT di Paolo Barnard lo ha creato dal nulla in Italia in anni di lavoro. I Gruppi Territoriali MEMMT non mi hanno cagato di striscio e si sono ridotti a supplicare i 2 culi di cani. Poi Mosler stesso che, avvisato da me 10 volte di questa ignobile situazione, rimane imbambolato e non muove un dito per me, sta coi culi di cane anche lui. Chiedo ai Gruppi Territoriali MEMMT di protestare DIGNITA' con Mosler, ma loro si macchiano il pannolino, e a sto punto i Gruppi Territoriali MEMMT sono una vergogna italiana. Poi voi adesso con le elezioni...

Il primo o la prima che ora mi scrivono “io sono con te!” gli sputo in faccia. Levatevi dal cazzo per un motivo: vi disprezzo. Avete letto bene.

Tratto da: http://paolobarnard.info

 

SPIEGARE IL CORAGGIO A VOI VIGLIACCHI di Paolo Barnard
commenti

BARNARD LASCIA 'LA GABBIA' DOPO I TWEET CONTRO LE DONNE. "PARAGONE PUÒ AFFOGARSI"

Pubblicato su 6 Marzo 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in MMT - BARNARD

Lo scopo di aver pubblicato questo articolo è solo quello di portare a conoscenza di un fatto. Ognuno tragga le sue conclusioni. Claudio Marconi

 

MILANO - Litigio in diretta tv su La7, nel programma La Gabbia, tra il giornalista Paolo Barnard e Gianluigi Paragone
Le cause del litigio sono da ricercarsi in alcune pressioni da parte delle donne della redazione della trasmissione, dopo le offese di Barnard al mondo femminile.
Infatti scrisse sul suo blog:
"Le donne sono al 99% esseri mediocri, solo capaci di creare miseria ai propri figli o al mondo. Purtroppo hanno quello che hanno fra legambe. E ok. Ma non fosse per quello, e per la cultura di sinistra dei Pddini cerebromancanti, sapremmo come giustamente apostrofarle. Al99%. Così come meritano gli uomini al 99%. Solo che…se si scrive che gli uomini sono al 99% dei porci disumani o troppo stupidi per esistere, nessuno dice nulla. Se lo dici delle donne… Uhhhhhhhhh!". IL PRIMO TWEET INCRIMINATO

Va ammesso.Le donne sono tutte troie, inclusa mia madre, mia moglie e la mia fidanzata, e le altre 16 che mi scopo.Ordino la 7a Ceres. Notte


 
Bernard cerca di fare una ricostruzione di ciò che è accaduto in studio, scrive sempre sul suo blog:
"Io che con 800 euro di reddito al mese sfido denunce da rovina economica per difendere l’Italia… Io. Mentre lui ha fatto carriera a star zitto mentre la sua Lega diceva di sparare ai disperati sui barconi nelMediterraneo. Lui, Paragone Gianluigi. E mi sento dire da sto zero che devo abiurare le mie idee per 5 donne isteriche sue amichette in un ufficio di Milano. La mia risposta a Gianluigi Paragone è scontata. Può affogarsi, e io non sarò più alla Gabbia."

Tratto da: http://www.leggo.it

BARNARD LASCIA 'LA GABBIA' DOPO I TWEET CONTRO LE DONNE. "PARAGONE PUÒ AFFOGARSI"
commenti

L’EUROZONA HA GIA’ UCCISO IL GOVENO RENZI.

Pubblicato su 23 Febbraio 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in MMT - BARNARD

Di: Paolo Barnard

Tragica cosa per le persone di questo Paese, non per sto egocentrico servo della finanza europea. Renzi fallirà come un cretino qualsiasi. Perché neppure può provarci.

Non sto provocando, è che la sua è una missione impossibile. Se non fosse sto pupazzo pompato che è, se conoscesse l’Eurozona e la macroeconomia, non si sarebbe cacciato in questo pasticcio (e badate che sto dicendo che pure i suoi padroni speculatori ci smeneranno il muso, perché sto gioco di creare una moneta unica per distruggere mezza Europa e fare un gran banchetto si è già ritorto contro chi l’ha pensato. Gli speculatori ci hanno fatto un po’ di fortune per pochi anni, ma sta finendo).

 

NO SOVRANITA’ MONETARIA.

Per prima cosa Renzi si ritrova senza sovranità monetaria, quindi senza nessuna delle leve economiche fondamentali di cui deve godere un governo degno di questo nome, e di cui godono gli USA, la GB, la Svezia o il Giappone. Non ha una Banca Centrale che possa controllare inflazione, prezzo del denaro, tassi d’interesse, né monetizzare la spesa decisa dal Parlamento. Renzi non possiede una moneta, e deve usare gli euro, da restituire con tassi non decisi da lui ai mercati di capitali internazionali. Dovrà dunque tassarci a morte sempre, per fare quanto appena detto. Dovrà quindi mentire all’Italia fingendo col gioco delle tre carte di spostare fondi e investimenti essenziali (lavoro, infrastrutture, crescita…) da qui a lì, per poi rimangiarseli tutti con gli interessi. Dovrà rispettare il Pareggio di Bilancio, che peggiora ciò che ho appena scritto. Ovvero: Chemiotassazione garantita, impossibilità di investire per le aziende e tagli alla spesa. Qui abbiamo la garanzia della decapitazione di: speranze di posti di lavoro; salari; pensioni; modernizzazione del Paese; Sanità; risparmi privati; piano industriale; risanamento bancario; crescita del PIL; e domanda aggregata. Potrei finire qui, ce n’è già a sufficienza, ma purtroppo…

 

I DEFICIT NEGATIVI.

Renzi si ritroverà in una spirale di Deficit Negativi mortali, cioè di tutte quelle spese di Stato imposte dalla crisi dell’Eurozona ma che non risolvono nulla, non producono nulla e che aumentano il debito di Stato. Per prima cosa l’economia continuerà a contrarsi, come è già previsto per l’Italia dal FMI, Bloomberg, OCSE, Commissione UE, e quindi calerà sempre il gettito fiscale, che quindi va aingrandire il debito. L’economia impantanata significa che il miliardo di ore di cassa integrazione rimarranno e aumenteranno,pompando di nuovo il debito. I fallimenti aziendali non caleranno, la curva dei prestiti bancari insolventi aumenterà, e le banche italiane che già sono in parte fallite, dovranno essere ri-salvate, a suon di denaro pubblico, e ancora il debito sale. Assieme ad esso salgono gli interessi da pagare, sempre spesa di Stato, ancora più debito. Ma stando in Eurozona, un debito che lievita è grave (con la Lira non lo sarebbe) perché porta all’allarme delle agenzie di rating, che porta all’allarme dei mercati di capitali che prestano a Renzi gli euro, che porta a tassi più alti sui titoli di Stato, che porta a più debito. Che farà Draghi a sto punto? Si metterà a comprarci i titoli di Stato per far scendere i nostri tassi? Farà cioè la famosa Outright Monetary Transaction? Se lo fa, la Germania lo ammazza. Non lo farà. Renzi rimane nel letame.

 

NO CRESCITA E DEFLAZIONE.

Renzi si ritrova con un’economia che si è contratta del 18% dalla fine degli anni ’90. Per riportarci a quel livello di vita, dovrebbe riuscire a far crescere l’Italia del 20%. No, calma, visto che oggi cresciamo dello 0,1% se va bene…. Il 20% fa ridere. Renzi non è Roosevelt e non ha la sua testa. Poi abbiamo il problema delladeflazione che sta aggredendo tutta l’Eurozona, con la BCE disperata perché non sa più che fare per fermare il crollo dei prezzi (deflazione = contrario di inflazione). E quel che è peggio, è che in un clima di crisi di queste proporzioni la gente corre a risparmiare disperatamente per il timore del domani (mica scemi), ma questo sottrae denaro in circolo, cosa che non solo affama tutta l’economia, ma peggiora la deflazione stessa. Vorrei che capiste che questo è uno dei mali economici peggiori e che c’è tutta la tecnocrazia europea che non sa più come fermarlo. Immaginatevi Renzi, il bulletto del PD.

 

CROLLO BANCHE.

Renzi, poi, fra otto mesi si ritroverà l’implosione del sistema creditizio europeo, quando i test dei regolamentatori dell’EBA inevitabilmente mostreranno che alcune delle maggiori banche sono irrecuperabili. Da qui il terremoto delle piccole medio banche,fra cui quelle italiane sono quelle messe peggio d’Europa sia come buchi di bilancio che come capitale di copertura. Prometeia stima che solo per i prestiti insolventi le banche italiane siano scoperte per 150 miliardi di euro. E chi le salva? E con che soldi? No, Renzi, la sovranità monetaria non ce l’hai, non le puoi nazionalizzare. Che fai? Chiami Benigni?

 

SVENDITA PUBBLICA INUTILE.

Ma Renzi almeno ha la carta delle privatizzazioni… Vendi il vendibile, incassa l’incassabile. Funziona? No. Non ha funzionato in nessun Paese del mondo, meno che meno da noi quando proprio il centro sinistra si mise negli anni ’90 a svendere pezzi di beni di Stato a un ritmo talmente forsennato che fece il record europeo delle privatizzazioni nel 1999. Sapete di quanto ridussero il debito di Stato italiano? Di un maestoso 8%... E che allora i prezzi contrattati per i beni pubblici da alienare erano, circa, decenti. Oggi, con l’Italia sprofondata dall’Eurozona in una svalutazione della sua economia da piangere, Roma deve svendere a prezzi stracciati qualsiasi cosa offra, con margini che saranno patetici. Renzi, farà la Thatcher dei poveri.

 

DISOCCUPAZIONE

E la disoccupazione? Sapete cosa costa all’Italia avere il 12% (fasullo, è molto di più) di disoccupati? Trecentosessanta miliardi all’anno perduti. E i giovani? Il 76% di loro è costretto alla flessibilità, con limiti invalicabili all’acquisto di una casa o al matrimonio. L’Eurozona fu pensata ed edificata proprio per ridurre il sud Europa a un serbatoio di lavoratori pagati alla kosovara ma in strutture moderne. Il futuro di questo ragazzi è ormai certo: stipendi dai 600 agli 800 euro per i più qualificati, al lavoro per investitori stranieri. Questo non è più un Economicidio, è un olocausto economico e generazionale, che Renzi dovrà gestire sotto l’egida della Germania che già oggi sta affossando il resto d’Europa coi suoi diktat criminosi. Tradotto in termini specifici: il potere Neomercantile della mega-industria tedesca, quello della Bundesbank, quello dei maggiori speculatori-rentiers del mondo, contro Renzino da Firenze. Matteo tu fai fesso qualcun altro. Perché è vero che ignori il 70% di tutto questo, ma sul restante 30% sei pienamente d’accordo, da bravo leader del partito di destra finanziaria peggiore d’Italia, il PD.

 

CONCLUSIONE.

Renzi non si rende conto di cosa lo aspetta, ma soprattutto del fatto che la catastrofe dell’economia italiana è un MACROPROBLEMA STRUTTURALE nell’Eurozona, e finché esisteranno i parametri economicidi dell’euro non esiste salvezza. Il governo Renzi è morto prima di nascere. Poi, sapete, uno si stufa di scrivere sempre le stesse cose.

L’EUROZONA HA GIA’ UCCISO IL GOVENO RENZI.
commenti

MA PIU’ CRIMINALI DI COSI’ SI PUO? DITEMI COSA MERITANO.

Pubblicato su 16 Febbraio 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in MMT - BARNARD

C’è un documento della Commissione Europea che dice tutto quello che c’è da dire sulle politiche economiche europee. Basterebbe quello per zittire qualsiasi dibattito Tv su Eurozona sì o Eurozona no, Trattati UE sì o no. Basterebbe quello che scatenare una rivolta europea simile a una guerra civile. In sintesi la Commissione Europea, quella che ci ha imposto la catastrofe dell’euro assieme a poche elite di tecnocrati che sappiamo, sa benissimo oggi… che nel 2023… nel 2023!, l’Europa sarà crollata nello standard di vita dei cittadini, rispetto agli USA, del 40%, ovvero uno standard di vita, sempre rispetto all’America, inferiore a quello che avevamo negli anni ’60.

Il documento si chiama: Quarterly Report on the Euro Area, Volume 12, N. 4.

Altro che ‘ripresa’, altro che fiducia che l’euro porterà stabilità, altro che promesse di crescita. Naturalmente, nella parte che concerne come reagire, la Commissione raccomanda la stessa MEDESIMA ricetta che ci ha portati a questo agghiacciante scenario. Stiamo morendo avvelenati, ci vuole altro veleno.

Vi rendete conto di cosa stiamo dicendo? Lo sanno già, che milioni di famiglie, di persone vere, sono condannate a vivere per altri 10 anni senza democrazia e negli stenti sempre più feroci. Qui, nella civile Europa. Ma sapete capire che razza di sofferenze saranno? Ma più criminali di così si può? Ditemi cosa meritano. Dimmelo Enrico Letta.

p.s. Perché il Corriere della Sera non ne ha fatto la prima pagina di questa notizia? Il M5S? Renzi?

Tratto da:http://paolobarnard.info

MA PIU’ CRIMINALI DI COSI’ SI PUO? DITEMI COSA MERITANO.
commenti

IL TERRORISMO DI CASALEGGIO. I RETROSCENA PER L’INTERESSE PUBBLICO.

Pubblicato su 18 Novembre 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in MMT - BARNARD

di Paolo Barnard

Questo è di interesse nazionale, pubblico, e mi spiace se qualche povero grillino ci andrà di mezzo. Ma ripeto:

QUESTO E’ DI INTERESSE NAZIONALE E OGNI CONSIDERAZIONE PERSONALE NON VALE PIU’.

Il M5S è una mostruosità politica partorita solo dal Paese più ammalato del mondo, l’Italia, e questo partito rischia veramente di infliggere una tragedia agli italiani paragonabile a una guerra. Si leggano le dichiarazioni economiche di Grillo e i progetti della Casaleggio Associati. Qui non scherzo cari lettori, io sono adulto e non un ragazzino che gioca a fare il grande con la cravatta e le scarpe da tennis a Montecitorio. Io conosco il mio Paese e vedo l’orrore che avanza sui volti di padri e madri, gente VERA, non patetici nick internettiani che vagheggiano di democrazia virtuale. Gente che non sta in chat, ma che la sera piange davvero nel tinello di casa. La disperazione di una nazione sull’orlo del Kosovo pre-guerra merita STATISTI, non l’abominio di cui sopra e di cui più sotto, e a questo punto io non posso essere reticente e non dire quello che ho visto nel M5S.

Il contatto mio e del macroeconomista Warren Mosler con il M5S a livello di parlamento nasce dal lavoro di un loro deputato e da alcuni attivisti. Tutto il processo di contatti, scambi, colloqui coi deputati 5S fu perennemente punteggiato da questo. Leggete bene:

“BARNARD NON PARLARE DI CASALEGGIO! SMETTILA. TE LO CHIEDIAMO PER FAVORE!”

“BARNARD SE VUOI UN’INTERVISTA CON SALVO MANDARA’ DEVI METTERE PER ISCRITTO CHE NON ATTACCHI CASALEGGIO!”

“BARNARD PER PIETA’ NON DIRE MAI CHE IO (il deputato grillino di cui sopra, nda) TI HO ORGANIZZATO L’INCONTRO DELLA ME-MMT CON LA COMMISSIONE FINANZA! MAI, MAI, MAI, MAI!” (questo detto 10 volte a voce, più altre in sms)

“BARNARD, IL M5S E’ ZEPPO DI DEFICIENTI, NE ABBIAMO TANTISSIMI ELETTI, SONO GLI EPURATORI, QUELLI CHE ESEGUONO LE SENTENZE DI MORTE DI CASALEGGIO. DOBBIAMO MUOVERCI CON CAUTELA!”

“BARNARD GUARDA CHE ALL’INCONTRO APPENA CONCLUSO CON MOSLER E TE ABBIAMO PUTUTO DIRTI LA META’ DI QUELLO CHE VOLEVAMO… C’ERANO FEDELI DI CASALEGGIO Al TAVOLO!”…

Questo non è un partito nuovo, meno che meno LA NUOVA SOCIETA’ CIVILE che salverà l’Italia. Questa è la Stasi della DDR comunista. Questo è un incubo di terrore. Questo è un regno di sotterfugi e di camuffamenti identici a quelli dell’Italia di Craxi. Questa è la Democrazia Cristiana della famiglia Gava di Napoli, la DC di Salvo Lima, dove la deviazione dalla dittatura era punita con la morte. Nel caso del M5S la morte politica.

Una deputata grillina esce da un’aula di Montecitorio, invasata, e mi aggredisce dicendo che io ho dileggiato tutto il movimento, che sono un distruttore del 5S, e, fate attenzione, dice questo.

“IO, COI MIEI TITOLI, SE NON C’ERA CASALEGGIO COL CAZZO CHE OGGI ERO QUI! GLI DEVO TUTTO!”

Io le rispondo che lei, povera figlia, ha gli occhi foderati di piombo per non vedere le ormai colossali evidenze di che razza di pazzoide pericoloso e affarista senza scrupoli è Casaleggio, colui che il bugiardo Grillo spaccia per un ex Colaninno e Telecoms che oggi si è convertito magicamente! al bene dei ragazzini pentastellati, e gratissssssss! Ma il punto non è questo. Lo avete già visto il punto?

Questa povera sciagurata mi ha in realtà detto esattamente quanto segue:

“IL PADRONE MI HA PESCATA DAL FANGO E OGGI HO UNO STRACCIO DI POTERE. IL MIO PADRONE E’ IL MIO DIO, A LUI IO SONO VENDUTA DA CAPO A PIEDI. NON LO TOCCARE!”

Questi non sono politici, questi sono dei morti viventi svuotati nella scatola cranica e comandati con la peggior forma di manipolazione cerebrale mai apparsa in Italia. E col terrore di perdere il francobollo di potere che ora hanno. Nel nome di questo, aderiscono a un partito azienda che è, ripeto, la cosa più pericolosa mai apparsa nella storia politica dell’Italia.

Il mercoledì romano dei contatti col M5S mi è dentro come un incubo di tensione, paura, sotterfugi, umma-umma, cui mi sono sottoposto perché poi non si potesse dire che io non ci avevo provato. Ma a 55 anni, dopo aver vissuto i Forlani, i Di Donato, gli Ingrao, i Napolitano, la Milano da bere, la P2 e tutto il resto, io sono sotto shock per aver ritrovato tutto questo, e forse peggio, nel ‘nuovo’ parto della società civile italiana… la grande promessa a 5 stelle.

Che vergogna, che tragedia.

 
IL TERRORISMO DI CASALEGGIO. I RETROSCENA PER L’INTERESSE PUBBLICO.
commenti

PAOLO BARNARD A LA GABBIA: DEFICIT POSITIVO E DEFICIT NEGATIVO

Pubblicato su 7 Novembre 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in MMT - BARNARD

commenti

LA VERITA' SUL DISASTRO DEL MODELLO TEDESCO di PAOLO BARNARD

Pubblicato su 6 Settembre 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in MMT - BARNARD

stabilimento

Ecco il disastro del modello tedesco, quello che secondo i tromboni televisivi dovrebbe essere il nostro modello. Le fonti sono autorevoli, cioé: OCSE, German Institute for Economic Research, Peterson Institute for International Economics, WSJ. Non aggiungo commenti, se non ci arrivate da soli…

- il modello di competitività della Germania porta un solo nome: tagliare gli stipendi. Solo abbassando i redditi la Germania è riuscita a rimanere la prima economia dell’Eurozona, perché è riuscita ad esportare masse di prodotti a costi bassi. Ci hanno guadagnato in due: le multinazionali Neomercantili tedesche, e i numerini sui computer del Tesoro di Berlino. Ci hanno perso tutti gli altri tedeschi.

- Carsten Brzeski del colosso assicurativo ING ci dice che la Germania si è sostenuta durante la crisi esportando fuori dalla UE, ma ora col crollo dei Paesi emergenti, dei BRICS in particolare, la Germania è esposta a shock economici pericolosissimi. Questo conferma uno dei capisaldi della ME-MMT che sconsiglia a qualsiasi economia di contare sull'export.

- la bassa disoccupazione tedesca è una truffa: hanno creato posti di lavoro part-time, flessibili, a stipendi da miseria e senza le tutele sociali delle generazioni precedenti, e li hanno contati come occupazione. Oggi la Germania ha la proporzione più alta di lavoratori sotto-pagati, a fronte del reddito nazionale medio, di tutta l’Europa.

- La Commissione Europea non ha ancora cancellato la sua stima di "stagnazione" dell'economia tedesca. Il fatto è che la cosiddetta ripresa ci segnala solo che le stime al ribasso non si sono verificate, ma nulla nel senso di una crescita.

- I consumi in Germania rimangono a livelli bassissimi, infatti la cosiddetta ripresa della "fiducia in business" ha favorito solo gli azionisti in borsa, ma ha ignorato l'economia reale dei cittadini.

- la Germania ha il tasso di giovani lavoratori con istruzione superiore più basso fra Canada, Giappone, USA, Francia, Spagna e Gran Bretagna. Berlino non ha affatto investito nelle sue università pubbliche, e nemmeno il settore privato ha fatto gran che in questo settore.

- la sbandierata produttività della Germania pro capite è una bufala. Il PIL prodotto in Germania x ora lavorata è il più basso di tutta la media OCSE. Di fatto le aziende tedesche possono competere solo tagliando gli stipendi e producendo nell’Est europeo.

- la Germania ha avuto stipendi medi stagnanti e non al passo dell’inflazione per 10 anni. Lo testimonia l'autorevole Real Wages in Germany, numerous years of decine, di Karl Brenke del German Institute for Economic Research.

- Il 15 marzo del 2013 il Wall Street Journal pubblicava i dati sugli investimenti in Germania: il quadro era deprimente, col governo tedesco che ha ignorato gli investimenti in infrastrutture, istruzione e tecnologia per almeno 20 anni, particolarmente nel settore pubblico, con lo sguardo invece sempre rivolto all'export. I danni sono oggi evidenti.

Questa è la verità del tanto sbandierato modello tedesco, nel nome del quale gente come Monti o Letta stanno devastando l’Italia. Non so come dirlo, ma veramente il livello dell’informazione che i media italiani vi forniscono non è neppure al livello di… di… bè, vorrei usare un termine moderato, e scelgo questo: spazzarcisi il culo.

commenti

LO FARANNO DI NASCOSTO. E SARA' ANCORA PIU' MISERIA, TAGLI, FALLIMENTI, DISOCCUPAZIONE di PAOLO BARNARD

Pubblicato su 20 Agosto 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in MMT - BARNARD

Lo faranno di nascosto, tu non saprai nulla, e per noi italiani, oltre che per molti altri, saranno ancor più miserie sociali, tagli a tutti i servizi, fallimenti di aziende come piovesse, disoccupazioni record, con i coglioni mediatici che in prima serata si chiederanno… “perché questa crisi non passa?”

redemption.jpg

Ecco cosa sta per accadere: il 70% del debito pubblico italiano di più di 2 mila miliardi di euro sarà trasferito a un fondo europeo comune, chiamato Redemption Fund (di seguitoRF), dove saranno convogliate anche tutte le eccedenze di debito pubblico degli altri Stati dell’Eurozona. Cioè: siccome il Trattato di Maastricht stabilisce che il debito pubblico degli Stati non deve essere superiore al 60% del PIL, tutto ciò che eccede questo limite nei debiti pubblici dei 17 Paesi dell’euro sarà trasferito in questo Redemption Fund. Ok? Saranno quindi cifre immense di trilioni e trilioni di euro, che diverranno a quel punto di proprietà del RF.

Stop un attimo: l’idea di questo RF è tedesca, e precisamente del Consiglio Tedesco di Esperti Economici, e già qui la cosa puzza. Infatti vedremo sotto dove sta il marcio. Il documento che ne parla è della Commissione Europea *.

Torniamo a questo RF. Dunque gli Stati dell’euro trasferiranno tutte le eccedenze di debito pubblico sopra al limite del 60% sul PIL al RF, ma saranno comunque tenuti a onorare quella parte del debito trasferita (cioè a ripagare interessi e scadenze). Ma il RF farà una cosa nuova che dovrebbe aiutare tutti gli Stati, e soprattutto quelli più indebitati come Italia, Grecia, Portogallo. Il RF venderà dei suoi titoli agli investitori per racimolare soldi, e con quei soldi i governi dell’Eurozona potranno

a) finanziarsi

b) onorare il proprio debito pubblico che fu trasferito nel RF

Il vantaggio è che siccome i titoli del RF saranno garantiti da tutti i 17 Paesi euro, essi saranno, agli occhi dei compratori, super sicuri, quindi gli interessi che il RF pagherà su di essi saranno molto bassi. Certamente più bassi degli interessi che Italia, Spagna, Grecia, Francia, Portogallo pagano oggi per finanziarsi coi propri titoli di Stato. E qui sta la parte vantaggiosa, cioè i 17 dell’euro si potranno finanziare e potranno finanziare i ri-pagamenti sul loro debito pubblico a tassi molto più bassi grazie a questi titoli RF. Ok, quindi uno direbbe che sto meccanismo del RF è a fin di bene, no? NO!

No, perché il documento della Commissione Europea che descrive questo meccanismo specifica in toni PERENTORI che l’adesione al progetto RF da parte degli Stati comporta condizioni severissime, ultra severe, e indovinate un po’ di cosa si sta parlando? Ma sì! Ma CERTO! Dei soliti programmi di tagli feroci alla spesa pubblica, agli stipendi, alle pensioni, all’occupazione, a tutti i servizi pubblici. Ecco cosa bolle in pentola con sto RF! Altro che vantaggi per lei signor Ugo e signora Claudia. La Commissione infatti parla di “super potere d’intervento nei programmi di spesa dei governi”, come se non bastassero quelli che già ha grazie al Fiscal Compact. Ma c’è di peggio.

I tedeschi hanno proposto che al fine di garantire il ri-pagamento da parte degli Stati del loro debito

a) una quota del già micidiale prelievo fiscale di oggi sia trattenuta,oppure che si introducano nuove tasse, specialmente aumenti IVA, quindi… ancor più tasse.

b) gli Stati partecipanti promettano in pegno, attenzione!, le loro riserve di moneta straniera e le loro riserve d’oro come garanzia sui ri-pagamenti, appunto.

Vi rendete conto? La partecipazione in questo programma Redemption Fund comporta una nuova ventata killer di Austerità e addirittura la perdita totale di sovranità degli Stati persino sulle loro riserve monetarie e d’oro.

Come ogni altro progetto di stampo sociopatico e di stampo Economicidio (cioè killer delle garanzie sociali di noi cittadini e della nostra economia per viviere) della Commissione Europea, anche questo diventerà realtà. Non si dica che non vi avevo avvisati.

 

* Il doc della Commissione è questo http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=COM:2012:0777:FIN:EN:PDF

** Un grazie al Corporate Europe Observatory

Paolo Barnard

commenti

L'EVASIONE FISCALE CI PARLA. E HA RAGIONE.

Pubblicato su 7 Agosto 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in MMT - BARNARD

04126 prelievo forzoso

In Italia circa 270 miliardi di euro sfuggono al fisco ogni anno. Lì dentro c’è di tutto, dal ‘nero’ di cittadini e aziende, alle fughe di capitali nei cosiddetti paradisi fiscali; dall’artigiano che non paga l’IVA per sfamarsi, all’immobiliarista che scoppia di soldi ma non ne ha mai abbastanza. Abbiamo compassione per il primo e ci fa incazzare il secondo. Ok.

Ma se guardiamo alla realtà contabile dell’evasione fiscale con occhi fermi e non isterici, e se invece di gridare contro l’evasione proviamo ad ascoltarla, allora tutto cambia. Cosa fa chi evade? Si tiene dei soldi. Così non li incassa lo Stato. E cosa fa con quei soldi? Li spende, o li investe in risparmi. Ok, fermi qui per un attimo. Ora due minuti di riepilogo di cose già dette e ridette.

Cosa accade allo Stato se incassa meno tasse? Accadono SOLO quattro cose:

A) ha meno mezzi per controllare l’inflazione (si tassa per diminuire la massa monetaria in circolazione se è eccessiva e quindi causa inflazione)

B) ha meno mezzi per controllare i patrimoni privati (si tassa per impedire al Paperone di diventare più ricco dello Stato)

C) ha meno mezzi per incoraggiare o scoraggiare certi comportamenti e consumi (si tassa il consumo di alcool e si detassano i comportamenti ‘green’)

D) ha meno mezzi per controllare la domanda in economia (si tassa per frenare i consumi se eccessivi, si detassa per incoraggiare l’economia se langue)

 

Ora cosa NON accade allo Stato se incassa meno tasse. NON accade che esso abbia meno soldi da spendere per la funzione pubblica, cioè ospedali, asili, strade, infrastrutture, servizi ecc. Infatti lo Stato è colui che emette la moneta dal nulla, e può certamente emetterne quanta ne vuole per ospedali, asili, strade, infrastrutture, servizi, senza alcun bisogno di andarla a chiedere ai cittadini tassandoli. Anzi: è impossibile che lo Stato possa spendere per ospedali, asili, strade, infrastrutture, servizi solo se prima ci tassa, perché i soldi per pagare le tasse sono i soldi che lo Stato ci ha per forza dovuto dare PRIMA di ritirarli in tasse. Prima ce li deve dare (cioè spesa pubblica in ospedali, asili, strade, infrastrutture, servizi) e solo POI ce li ritira in tasse. Quindi la spesa pubblica non dipende mai dalle tasse. *

* (Se poi lo Stato è così folle da adottare l’euro che non può più emettere e che deve andare a cercare da banche private, e se quindi a quel punto lo Stato non può più fare quanto sopra, bé, questa è un’altra storia, che NON cambia la vera natura dell’evasione fiscale)

Allora, torniamo all’evasione. Con essa i cittadini dicono allo Stato “noi abbiamo bisogno di tenerci più soldi”. E’ come se dicessero allo Stato “tu ci dovresti dare più soldi, quindi dovresti spendere di più”. L’evasione è quindi una RICHIESTA dei cittadini allo Stato. Quando i cittadini evadono, essi semplicemente espandono INFORMALMENTE la spesa dello Stato. Ora, la domanda è: questa richiesta, questa espansione di spesa imposta, è legittima?

La risposta è chiara: A) in larga parte sì, perché proveniente da cittadini/aziende che davvero senza evadere non sopravviverebbero. B) in piccola parte no, perché frutto dell’ingordigia di alcuni milionari o miliardari. Bene, ora vediamole tutte e due.

Come detto sopra, chi evade per disperazione, per arrivare a fine mese, per non chiudere la baracca, cioè la grande maggioranza degli evasori, sta semplicemente dicendo al suo Stato “espandi il deficit, espandi la spesa, non ce la facciamo!”. Questa chiamata va assolutamente ascoltata, infatti la macroeconomia della ME-MMT ci insegna senza ombra di dubbio che oggi nella maggioranza dei governi i deficit sono TROPPO BASSI, non troppo alti, e le tasse sono inaffrontabili. I controlli fiscali ci devono essere, ma solo dopo che lo Stato ha assicurato a milioni di cittadini/aziende di avere abbastanza denaro per pagare tutte le tasse, ma anche per VIVIERE E RISPARMIARE. Se lo Stato fa il pareggio di bilancio, dove SPENDE 100 E TASSA GLI STESSI 100 lasciando a cittadini/aziende ZERO denaro, esso non può poi pretendere che nessuno evada. Come fanno cittadini/aziende a vivere e a risparmiare? Dove lo vanno a pendere il denaro se è vero che solo lo Stato lo emette? Per forza devono evadere.

Chi evade perché non ne ha mai abbastanza si copre di una colpa che va dimezzata, perché il denaro che essi sottraggono allo Stato viene poi o speso, oppure investito in risparmi. Il denaro che spendono (che include quello temporaneamente ammassato in paradisi fiscali) ritorna in circolo nelle economie, crea domanda, cioè vendite, lavoro, occupazione, investimenti. Questo non è male, anzi, ed è il 50% della colpa che decade. Rimane quel 50% che colpisce lo Stato nei 4 punti di cui sopra, ma ricordiamoci sempre che anche questa evasione NON sottrae allo Stato la sua capacità di spesa pubblica, per cui il ricco evasore non sottrae a noi alcuno ospedale, strada, asilo, servizio ecc. Chi ce li sottrae è lo Stato se segue le ideologie economiche delle Austerità che oggi sono di moda, e che sono criminose. Altro che paradisi fiscali. Conclusione: l’evasore ‘odioso’ (miliardario) è colpevole a metà, e certamente per quella metà va perseguito.

 

Conclusione: in tutti i casi l’evasione fiscale NON è un crimine che sottrae beni e servizi ai cittadini, perché come detto è solo l’ideologia sbagliata degli Stati a fare questo. Nella maggioranza dei casi essa è una richiesta al governo di espandere la spesa, perché siamo con l’acqua alla gola, e quella richiesta VA ASCOLTATA, non sepolta da stupida retorica anti-evasori. Chiaro?

Scritto da: Paolo Barnard - Tratto da: paolobarnard.info
commenti
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 > >>