Overblog
Segui questo blog
Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Post con #liberi pensieri categoria

Vietato il Bikini in spiaggia in presenza di musulmani – Multe Salatissime

Pubblicato su 29 Aprile 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in LIBERI PENSIERI

Ecco le " meraviglie" dell'integrazione: siamo noi a doverci integrare agli usi e costumi dei nostri " ospiti". E' una roba da pazzi. Quando un popolo perde la propria identità è destinato a scomparire. Claudio Marconi 

Un Giudice di pace di Messina ha condannato tre ragazze al pagamento di un’ammenda penale di 2.582 € a testa per aver indossato il bikini in una spiaggia privata di pertinenza di un noto villaggio turistico di Taormina, frequentato da alcune famiglie islamiche in vacanza e originarie dell’Arabia Saudita.Estratto della sentenza:

Agli effetti della legge penale si considerano osceni gli atti e gli oggetti che, secondo il comune sentimento, offendono il pudore (c.p. 725, 726).

Dunque osceno e comune senso del pudore sono elementi contrapposti, che esistono proprio in virtù della loro contrapposizione. Il pudore, sentimento di vergognadi disagio, di repulsione è tipico dell’individuo quando questi, contro la sua volontà, si trovi di fronte a manifestazioni altrui non corrispondenti alla propria educazione e cultura e reputate scandalose per la propria educazione sessuale.

Il pudore diventa senso comune nel momento in cui la società umana di appartenenza condivide la stessa sensibilità nei confronti del corpo femminile il quale in alcune società orientali se noninteramente coperto può ritenersi osceno. La cultura di riferimento gestisce la vita dei corpi ed ogni loro aspetto e funzionalità, anche il discorso strettamente legato alla sessualità.

funny-summer01

L’osceno sarebbe quindi offesa al pudore, come si evince dall’articolo 527 del c.p.

E’ importante sottolineare come sia il concetto di osceno che quello di comune senso del pudore non solo si modificano nel corso del tempo all’interno di una data società, ma cambiano anche da una società all’altra. La comprensione di questi concetti rimanda alla considerazione del corpo e della sessualità.

Le ragazze erano le sole donne a utilizzare un simile costume ed erano consapevoli che tutte le donne presenti di fede musulmana indossavano un costume da bagno che ricopriva integralmente tutto il loro corpo comprese le braccia e le gambe.

Nella fattispecie, il responsabile in villaggio del tour operator saudita, Dott. Chokri Majouli aveva più volte sollecitato, su richiesta dei genitori musulmani presenti, le Sig.re – OMISSIS – a non presentarsi in piscina con quell’abbigliamento che faceva intravedere tutte le loro fattezze femminili ai ragazzi presenti che, avendo ricevuto una educazione religiosa musulmana, erano disorientati, sbalorditi e alquanto eccitati.

Aveva anche spiegato che nella loro cultura, un simile modo di vestire era tipico di donne che esercitavano il meretricio in case private senza avere un minimo di riscontro e ricevendo solo risposte offensive.

Condanno a a euro 2.582, ai sensi dell’art. 15, L. 24 novembre 1999, n. 468 e dell’art. 4, D.Lgs. 28 agosto 2000, n. 274 (Gazz. Uff. 6 ottobre 2000, n. 234, S.O.).

Cari lettori, voi cosa ne pensate? 

Marco Pappuddi – Capo Redattore

fonte: Agenzie di Stampa

Tratto da:http://corrieredelmattino.altervista.org

Vietato il Bikini in spiaggia in presenza di musulmani – Multe Salatissime
commenti

#06 LIBERI PENSIERI

Pubblicato su 6 Aprile 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in LIBERI PENSIERI

Di: Claudio Marconi

Il sistema tedesco ha potuto prosperare perché con la quantità di denaro prestata ai Paesi del sud europa, ha permesso, in particolare, a Grecia, Spagna e Italia, di acquistare le merci prodotte nel nord europa, ad esempio in Germania.

Ci hanno prestato i soldi, ci guadagnano gli interessi, con quei soldi ci vendono i loro prodotti, incrementano la loro produzione industriale e, da noi, le aziende chiudono e gli imprenditori si suicidano.

Proprio magnifico questo euro.

La battaglia della vita è NO EURO

Maggiori informazioni http://www.comunita-ipharra.it/news/a06-liberi-pensieri/

#06 LIBERI PENSIERI
commenti

#05 LIBERI PENSIERI

Pubblicato su 2 Aprile 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in LIBERI PENSIERI

Di: Claudio Marconi

Oggi mi è accaduto un fatto che mi ha stravolto.

Un mio carissimo amico, in pensione con la “ mostruosa” cifra di 800 euro al mese, mi è venuto a trovare e, piangendo e scusandosi, mi ha raccontato che sua figlia, di mezza età, è stata ricoverata in un ospedale degli U.S.A. perché ha un tumore.

La parte allucinante è che mi ha chiesto se potevo contribuir a farla curare, in quanto l’ospedale vuole essere pagato prima.

Siamo davvero alla follia. Un padre di famiglia si deve umiliare a chiedere un contributo per far curare sua figlia. Ma in che Stato viviamo ? Che tipo di civiltà vogliamo proporre?

Da una prima analisi sembra che la USL non interviene a supportare economicamente le cure e gli americani vogliono essere pagati.

Così, questo povero uomo, che ha lavorato fino a 68 anni, deve chiedere aiuto agli amici.

Non ci siamo proprio. Uno Stato dovrebbe avere a cuore la vita dei propri cittadini.

Ma, si sa, ormai siamo solo sudditi da spremere con tasse, contributi ed altre diavolerie del genere per dare i soldi ai banchieri.

E gli U.S.A. che pretendono di esportare democrazia e civiltà ?

Questo è un popolo di selvaggi, dove vige la legge della jungla, il più forte vive ed il più debole soccombe.

Eccovi presentata la riforma sanitaria del “ nuovo “ che avanzava: Obama.

Occhio anche al “ nuovo” che si sta presentando in Italia.

#05 LIBERI PENSIERI
commenti

#04 LIBERI PENSIERI

Pubblicato su 31 Marzo 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in LIBERI PENSIERI

Di: Comunità Ipharra

La Comunità Ipharra sostiene e continuerà a sostenere tutte quelle forze che sono di provata fede contro l’euro.

Questa, che noi consideriamo una battaglia per la vita, non può lasciare spazio o tentennamenti, si deve combattere a viso aperto.

Le forze che tergiversano non ci interessano, è giunta l’ora di schierarsi apertamente, per il semplice motivo che abbiamo poco tempo per fermare questo disastro che sta distruggendo i popoli europei.

La moneta deve essere di proprietà popolare e non dei banchieri.

La battaglia contro della vita è NO EURO

#04 LIBERI PENSIERI
commenti

#03 LIBERI PENSIERI

Pubblicato su 30 Marzo 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in LIBERI PENSIERI

Di: Claudio Marconi

L’Italia è stata fatta entrare nell’euro perché serviva la vittima sacrificale.

La richiesta di avere l’Italia nella zona euro è partita da Germania e Francia, per il semplicissimo motivo che, se fossimo rimasti fuori, la nostra industria, avvalendosi di una moneta flottante, li avrebbe massacrati.

Con l’euro ci hanno massacrato loro. Un vero affare! Vero Prodi?

La battaglia della vita è NO EURO.

#03 LIBERI PENSIERI
commenti

#02 LIBERI PENSIERI

Pubblicato su 30 Marzo 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in LIBERI PENSIERI

Di: Claudio Marconi

La sola cosa che i tecnocrati hanno in mente è PRIVATIZZARE lo Stato. Lo Stato costretto a recuperare soldi  prendendoli in prestito è completamente in balia dei mercati dei bond

commenti

#01 LIBERI PENSIERI

Pubblicato su 29 Marzo 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in LIBERI PENSIERI

Di: Claudio Marconi

Se una moneta è presa a debito si debbono pagare gli interessi ed il denaro che viene usato a questo scopo viene a mancare per gli investimenti ed i servizi:

 

1) BCE autorizza l’emissione di moneta, che rimane di sua proprietà, e la presta agli Stati

 

2) Gli Stati, a causa degli interessi composti, non riescono più a pagare

 

3) La BCE chiede misure fiscali, di politica del lavoro e le privatizzazioni per essere sicura di incassare gli interessi

 

4) Lo Stato inasprisce la pressione fiscale, creando recessione,  e vende i beni nazionali svuotando la Nazione degli stessi beni necessari alla produzione o alla qualità della vita

 

5) Per mantenere questo sistema usuraio la BCE usa ogni arma a sua disposizione per bloccare l’emissione di moneta direttamente da parte degli Stati ( trattati di Maastricht e Lisbona ). In particolare il Trattato di Lisbona esautora gli Stati della propria sovranità in quanto è stato introdotto come Nuova Costituzione Europea che ha la precedenza rispetto a qualsiasi altra Costituzione Nazionale

La battaglia per la vita è NO EURO

#01 LIBERI PENSIERI
commenti

LIBERI PENSIERI

Pubblicato su 29 Marzo 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in LIBERI PENSIERI

Claudio Marconi

Ieri parlavo con un piddino che cercava di spiegarmi che l'euro è magnifico e che se tornassimo indietro ci sarebbe una forte svalutazione della nostra moneta.
Poveretto, ma non si è accorto che nel passaggio tra lira ed euro c'è stata, in pratica, una svalutazione del 50% del potere di acquisto ?
Se uno guadagnava il 31.12.2001 lire 2.000.000 era quasi un benestante, il primo gennaio 2002 si è svegliato con un guadagno di euro 1.000,00 ed era diventato un poveraccio.
La battaglia per la vita è NO EURO

LIBERI PENSIERI
commenti