Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

RAINEWS24, ASSAD: ' FAREMO UNA SIRIA MIGLIORE DI PRIMA'

Pubblicato su 2 Ottobre 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in PAESI ARABI e IRAN

Il presidente Bashar al-Assad ha rilasciato un’intervista a Rainews24 canale televisivo italiano, sottolineato l’impegno della Siria alla convenzione internazionale sul divieto delle armi chimiche e la sua determinazione ad andare avanti con la soluzione politica e fermare la violenza.

Rainews: Signor presidente, grazie per averci concesso questa intervista. E ‘un momento molto importante, perché il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha appena approvato all’unanimità una risoluzione che chiede alla Siria di eliminare completamente le sue armi chimiche. Avete intenzione di rispettare questo accordo?

Presidente al-Assad : In realtà, abbiamo aderito all’accordo internazionale per prevenire l’uso e l’acquisizione di armi chimiche prima che la risoluzione fosse approvata. La parte principale di questa iniziativa russa è basata sulla nostra volontà di farlo. Quindi, non è la risoluzione, in realtà è la nostra volontà. Certo, abbiamo la volontà, perché nel 2003 abbiamo avuto una proposta al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, per sbarazzarci di quelle armi in Medio Oriente. Quindi, ovviamente dobbiamo rispettare, questa è la nostra storia: rispettare tutti i trattati che firmiamo.

Rainews: Quindi, senza limiti in qualsiasi misura?

Presidente al-Assad: Secondo ogni capitolo del contratto. Non abbiamo alcuna riserva. Ecco perché abbiamo deciso di aderire all’accordo .

Rainews: Come crede che si organizzerà questo tipo di smantellamento, che è molto complicato?

Presidente al-Assad: Questa domanda dovrebbe essere rivolta all’organizzazione stessa. Naturalmente il nostro ruolo è quello di offrire i dati e per agevolare le procedure.

Rainews: Andiamo avanti, signor presidente, cercando di capire quello che succederà in Siria nei prossimi giorni, settimane e mesi, perché ora l’attacco che è stato molto vicino un paio di settimane fa, sembra essere un po’ più distante. Come avete intenzione di lavorare in questo momento? Qual è la vostra tabella di marcia personale?

Presidente al-Assad: Dall’inizio della crisi, abbiamo detto che l’unica soluzione è la via politica. Ma quando si ha a che fare con il terrorismo, non si può pretendere una soluzione politica per risolvere tutto. Nonostante ciò, si deve continuare l’azione politica, ma non c’è ancora nessun processo. Per quanto riguarda il futuro della Siria, si farà un referendum al fine di avere l’approvazione del popolo siriano per quanto riguarda il futuro della Siria, sia che si tratti della costituzione, o leggi, o qualsiasi altra cosa. Questo è quello che abbiamo fatto fin dall’inizio della crisi, e questa è la stessa azione che continueremo in futuro.

Rainews: Torneremo in seguito a parlare della crisi, ma restiamo per un attimo su questo argomento. Vuol dire che sta andando a discutere con l’opposizione? Anche con l’opposizione armata?

Presidente al-Assad: No, quando sono armati non li chiami opposizione, li chiami terroristi. L’opposizione è un’entità politica, è un programma politico, è una visione politica, questa è l’opposizione. Se si dispone di armi per distruggere, uccidere e assassinare, questa non è l’opposizione. Quindi, siamo in grado di discutere con tutti i partiti all’opposizione. Per quanto riguarda i miliziani, se consegnano le armi, saremo pronti a discutere con loro come qualsiasi altro cittadino .

Rainews: Allora, arriviamo a Ginevra 2, i colloqui di pace, perché Ban Ki-moon, Segretario Generale delle Nazioni Unite, ha detto che è molto probabile che a novembre ci sarà un secondo incontro di Ginevra. Ha intenzione di partecipare personalmente?

Presidente al-Assad: Dipende dal contesto della riunione di Ginevra. Finora, tale conferenza non è chiara: che tipo di conferenza, chi parteciperà, quali sono i criteri per questa conferenza. Quindi, dobbiamo essere pronti come governo, ma non possiamo decidere chi sarà a capo della delegazione fino a che abbiamo, diciamo, il quadro di riferimento chiaro e i criteri.

Rainews: Allora, vorrei solo chiederle: che tipo di quadro potrebbe convincerla ad andare lì?

Presidente al-Assad: Come ho detto, nessun partito politico ha potuto partecipare a quella conferenza, ma non possiamo discutere, per esempio, con al-Qaeda e le sue organizzazioni terroristiche affiliate. Non possiamo negoziare con le persone che chiedono l’intervento militare straniero in Siria .

Rainews: Posso solo citare il Qatar e l’Arabia Saudita?

Presidente al-Assad: Sarò franco con voi. Sappiamo tutti bene che il padrone di questi Stati sono gli Stati Uniti. Quindi, se gli Usa sono intervenuti, è perchè è il loro partner principale.

Rainews : Dal momento che la situazione sul terreno è molto complicata, si potrebbe anche accettare l’idea di alcune forze internazionali, come interposizione a terra, per cercare di stabilizzare la situazione?

Presidente al-Assad: Non funziona così, perché non stiamo parlando di due Paesi che combattono l’un contro l’altro, come ad esempio, la Siria e Israele, dove si ha una prima linea, una chiara linea di battaglia, dove si può avere l’intervento delle Nazioni Unite su entrambi i lati dei confini. E ‘completamente diverso. Si sta parlando di bande. Quindi, anche volendo accettare l’idea – che non è accettabile per noi – dove è possibile posizionare le truppe? Nessuno può disegnare una mappa. Ci sono solo bande di terroristi che devono essere combattuti.

Rainews: Stavamo parlando di Ginevra 2, e stavo pensando all’Europa e al ruolo dell’Italia in questo tipo di processo. Vede un ruolo per l’Italia?

Il presidente al-Assad: Anche in questo caso, mi permetta di essere molto audace e molto schietto. Se vogliamo discutere il ruolo dell’Italia, dovremmo vederlo alla luce del ruolo europeo. L’Italia è indipendente dal ruolo europeo? Se no, chi sta conducendo il ruolo europeo? L’Europa è indipendente dalle politiche americane di oggi? Ho sentito da molti funzionari europei che sono convinti di quello che stiamo dicendo, ma non possono annunciarlo. Questa non è la prima volta, non solo durante questa crisi. Quindi, qualsiasi ruolo dovrebbe essere guardato alla luce di due cose: la credibilità di quel ruolo, e la seconda, la relazione tra l’individuo o il Paese o il governo, con le varie parti. Ora, la nostra realtà oggi è che la maggior parte dei Paesi europei ha adottato il modello l’americano. Quindi, se si vuole giocare un ruolo, come si può giocare un ruolo in cui non si hanno rapporti? Come si può costruire credibilità quando non si hanno rapporti? Per quanto riguarda la credibilità, come si può parlare della credibilità di qualsiasi Paese europeo oggi quando si parla di aiuti umanitari e allo stesso tempo stabiliscono l’embargo peggiore che abbiamo mai visto? Molte cose devono essere discusse prima di chiedere un ruolo. Sosteniamo qualsiasi Paese che vuole aiutare i siriani nel loro sforzo, ma non possiamo chiedere un ruolo senza il fondamento di quel ruolo. Quindi, per essere sinceri, la maggior parte dei Paesi europei, oggi, non hanno la capacità di svolgere questo ruolo, perché non dispongono dei diversi fattori efficaci nel giocare questo ruolo.

Rainews: Ma le cose sembrano cambiare molto rapidamente in questi giorni, perché solo la telefonata tra il presidente Obama e il presidente iraniano Rouhani, sembra segnare un cambiamento dell’equilibrio nella regione. Non crede che ciò possa influenzare in qualche modo quello che sta accadendo in Siria?

Presidente al-Assad: Penso che sta andando a influenzare positivamente per molte ragioni. Prima di tutto, l’Iran è il nostro alleato. In secondo luogo, perché abbiamo fiducia degli iraniani. In terzo luogo, perché gli iraniani come i siriani, come molti paesi del mondo, non si fidano gli americani, e penso che molti degli alleati americani non si fidano delle amministrazioni americane. L’avvicinamento degli iraniani agli americani non è solo una mossa ingenua: è un passo ben studiato che si basa sull’esperienza degli iraniani con gli Stati Uniti dopo la rivoluzione del 1979. Ma se gli americani sono onesti su questo riavvicinamento, credo che i risultati saranno positivi per quanto riguarda i diversi problemi, non solo la crisi siriana ma tutti i problemi della regione.

Rainews: Allora, signor presidente, queste sono state settimane molto complicate. L’escalation è iniziata con il famigerato attacco del 21 agosto. Qual è la sua versione sull’attacco chimico?

Presidente al-Assad: Innanzitutto, cominciamo col dire che l’esercito siriano non ha utilizzato affatto armi chimiche. Abbiamo tutte le prove che sono stati i “ribelli” a fare uso di armi chimiche. L’esercito siriano sta avanzando, per quale motivo le avrebbe utilizzate ora e non in precedenza?
Non è possibile utilizzarle in una città dove si possono avere decine di migliaia di vittime tra l’esercito. La cosa più importante è che nessuno ha verificato la veridicità dei video e delle foto, nessuno, perché in molti luoghi, le stesse immagini degli stessi bambini sono state utilizzate in diversi luoghi.
Abbiamo le prove dei materiali utilizzati dai terroristi, abbiamo anche le confessioni di alcuni dei terroristi che contrabbandavano materiali chimici provenienti da Paesi vicini.

Rainews: C’è la possibilità che qualcuno all’interno dell’esercito abbia utilizzato le armi chimiche senza il suo permesso?

Presidente al-Assad: E’ un’arma di distruzione di massa, è chimica. E’ come dire che qualcuno in un Paese nucleare utilizza armi nucleari senza l’autorizzazione del suo presidente. Non può mai accadere questo. Non si tratta di una granata. Il processo di utilizzo delle armi chimiche è molto complicato, è una procedura molto rigorosa, perché è complicato tecnicamente attivare il materiale stesso.

Rainews: Quindi, dal momento che stiamo andando indietro nel tempo, andiamo all’inizio della crisi. In quel momento ha agito in maniera dura contro qualsiasi segno di opposizione. Avete qualche tipo di rammarico del modo in cui tutto ha avuto inizio?

Presidente al-Assad: Dobbiamo chiarire la parola “duro”, perché abbiamo affrontato la situazione secondo la costituzione. E ‘come che gli americani hanno inviato l’esercito a Los Angeles nel 1995. La chiamate maniera dura? Fin dall’inizio abbiamo combattuto contro dei terroristi che hanno provocato migliaia di vittime tra l’esercito, la polizia e la popolazione civile.

Rainews: Ha mai pensato di lasciare il potere per il bene del suo Paese? Avete mai preso in considerazione la possibilità di lasciare il vostro Paese in cambio di pace e stabilità per il vostro popolo?

Presidente al-Assad: Dipende dal “se”. Se fosse la situazione migliore per il popolo siriano, la risposta sarebbe molto semplice, senza reticenze, sì. Da presidente devo stare al mio posto, perché quando si è in mezzo ad una tempesta, non si scappa dalla propria posizione, non si abbandona il proprio popolo nella tempesta.

Rainews: Avete intenzione di partecipare alle elezioni del 2014?

Presidente al-Assad: Se il popolo siriano mi vorrà ancora come presidente, io correrò. In caso contrario non lo farò.

Rainews: Se oggi la principale minaccia sembra essere diminuita, cosa vorreste dire al vostro popolo in termini di promessa?

Presidente al-Assad: L’unica cosa che posso dire ora è quella di difendere il nostro Paese. Quindi, prima di tutto, dobbiamo concentrarci su come liberarci dei terroristi. In secondo luogo, superata questa crisi abbiamo tante cose da gestire, le conseguenze psicologiche e sociali, quindi abbiamo tanto lavoro da compiere. Ma posso dire con certezza che siamo in grado di fare una Siria migliore rispetto quella prima della crisi.

Rainews: Anche con le riforme?

Presidente al-Assad: Si, certo. Abbiamo bisogno delle riforme. Senza una riforma non possiamo fare una Siria migliore, questo è sicuro, ma non vuol dire essere la speranza in proposito di Paesi stranieri; potrei essere la speranza della Siria, non di altri.

Rainews: Vi auguro tutto il meglio. La ringrazio molto, signor presidente. Grazie per il vostro tempo e per averci ospitato.

Presidente al-Assad: Grazie a voi per essere venuti in Siria.

Fonte: Agenzia Sana

Tratto da: ilfarosulmondo.it

RAINEWS24, ASSAD: ' FAREMO UNA SIRIA MIGLIORE DI PRIMA'
Commenta il post