Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

ESPONE UNO STRISCIONE CONTRO LA BOLDRINI: ESPULSO DA ROMA PER 3 ANNI

Pubblicato su 26 Ottobre 2013 da frontediliberazionedaibanchieri

Se ancora non ne eravate convinti, questo e il "loro"concetto di democrazia. A questo punto dovrebbe essere chiaro su chi sono i " buoni" e i " cattivi". Claudio Marconi

Tratto da: quelsi.it

Esporre uno striscione contro Laura Boldrini può costare l’espulsione da Roma per tre anni. Lo sanno bene Davide Fabbri ed Antonio Pastore, gli autori del gesto che si sono visti recapitare un clamoroso verbale dalla questura di Roma.

I due si erano fatti fotografare, con lo striscione incriminato, lo scorso 15 ottobre davanti al Colosseo. Poi si sono recati davanti a Montecitorio, hanno srotolato lo striscione e si sono incatenati con una catena metallica ad una grata situata di fronte alla sede della Camera dei deputati.

Un gesto di contestazione per alcuni, una bravata per altri. Sicuramente esagerato il contenuto dello striscione: “Priebke responsabile dei 335 morti delle Fosse Ardeatine – Boldrini responsabile dei 413 morti di Lampedusa”. Una vicenda che avrebbe potuto essere chiusa con il sequestro di striscione e catena metallica, una tirata d’orecchie in questura e qualche dichiarazione di solidarietà nei confronti del presidente della Camera.

Invece no. Davide Fabbri, che è residente a Cervia, si è visto recapitare pure un foglio di via, un “rimpatrio coatto” nel suo Comune di residenza, con l’obbligo di non tornare mai più a Roma per tre anni.

Un provvedimento considerato “urgente”, ritenendo la persona in questione pericolosa per la sicurezza pubblica. Pur non avendo precedenti penali.



Copia del verbale della questura

Commenta il post