Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

VLADIMIR PUTIN SCAGIONA ASSAD E ACCUSA USA E ARABIA SAUDITA

Pubblicato su 29 Agosto 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in PAESI ARABI e IRAN

Clicca per ingrandireSiria – Putin Smaschera il Piano del NWO. I satelliti Russi forniscono la prova definitiva all'ONU sull'innocenza di Assad e le responsabilità di USA e Arabia Saudita

Damasco, Mosca, New York – Vladimir Putin ancora una volta fa centro, e sbugiarda i signori del Nuovo Ordine Mondiale: la strage in Siria? Non è stato Assad, ma i ribelli Salafiti, appoggiati dal governo Saudita e dagli USA con i suoi alleati.

La prova “finale” è stata fornita nelle ultime ore dal Cremlino al Palazzo di Vetro dell'ONU. Si tratta di video e foto che illustrano come i satelliti russi abbiano fatto luce sul fatto che i razzi che hanno causato l'ultima strage in Siria (1300 morti) non sono partiti da Damasco o dalla Siria, ma da territori di pertinenza di gruppi Salafiti: ovvero dei cosiddetti “ribelli-mercenari” al soldo di Arabia Saudita e USA.

Washington? Non poteva non sapere!

Secondo Mosca, Washington non poteva non sapere, visto che i satelliti USA sono efficienti quanto quelli russi. E allora perché tutte queste menzogne? Beh, dinnanzi a quest'ennesima prova regina, l'ONU e lo stesso Ban-Ki Moon dovranno prendere atto della situazione e smentire, zittire, tutti i media di regime che da giorni danno adito a queste diaboliche falsità! Ma con che faccia – ci chiediamo – andranno in giro per la penisola italiana i vari direttori dei TG di regime? Con che faccia si guarderanno allo specchio? Per non parlare dei “politici”, ovviamente! Politici impegnati a parlare del caso "Berlusconi", come se il resto fossero bazzecole. Ma i maestri della distrazione di massa, si sa, sono sempre all'opera!

Obiettivo? Guerra Mondiale per un Nuovo Ordine

Tra i dati più palesi, sicuramente il fatto che le milizie ribelli in Siria – ora è ufficiale – sono armate e manovrate da Arabia Saudita ed alleati, che mirano ad innescare una nuova Guerra Mondiale. Tali prove, tra l'altro coincidono perfettamente con le testimonianze raccontate in questi mesi, e con l'ultima drammatica testimonianza di Padre Daniel Maes, cui passaggi più delicati vi riproponiamo di seguito:

Damasco – La testimonianza di Padre Maes

Qualche anno fa, quando siamo venuti qui in Siria, non abbiamo incontrato una società politica perfetta, ma abbiamo incontrato una società prospera e sicura e abbiamo anche esperimentato l’uguaglianza tra tutti i gruppi religiosi. C’era anche la libertà di religione, l’ospitalità e c’era anche una sana vita di famiglia. Nella vita pubblica, discriminazione, furto e criminalità non erano noti. All'improvviso sono apparse le più orribili atrocità. Si massacrava, si saccheggiava e c’erano attentati in tutto il Paese. La società abbastanza armonica si trasformava in un incubo.

Lo Zampino dei Signori del Male e le Rivelazioni del Generale Clark

La “primavera” diventava un “caos”. La stampa informava che c’era una rivolta spontanea di un popolo da tanto tempo oppresso. Chi aveva una profondità più spirituale, aveva già notato dall'inizio che questa era una menzogna. I nemici avevano già da qualche tempo seminato questa zizzania, che adesso si manifestava chiaramente. Wesley Clark, un generale Americano, ha ammesso che la guerra in Siria era già stata progettata– insieme con quattro altri paesi – subito dopo gli attentati alle “Twin Towers” a New York. Nel frattempo hanno distrutto l'Iraq sotto il motto di “Libertà per Iraq!” È uno dei più grandi crimini contro l’umanità nella storia recente. Rimarranno ancora cristiani in Iraq, a fronte dei 1,3 milioni di cristiani nel 2003? Una cosa simile è successa anche in Libia, che oggi fa pure parte della “collezione primaverile araba” dell’Occidente. E che pensate dei cristiani in Egitto, Afghanistan e Siria?

Crimini contro l'Umanità: Affaroni per l'industria bellica Occidentale

Intanto, tutti questi paesi sono una miniera inesauribile di oro per l’industria di armi. “I poveri sono venduti”, dice il profeta Amos più di ventisette secoli fa, “per servire il potere e la ricchezza delle grandi nazioni e dei dominatori mondiali”. E mentre l’Islam ha sempre più libertà e supporto nell’Occidente, i cristiani – gli abitanti originari – invece, sono perseguitati, scacciati e massacrati nei paesi musulmani.

Costantemente in Trincea

Intorno a noi sentiamo incessantemente i rumori sordi delle esplosioni. Ci troviamo comunque ancora in un posto molto pericoloso. Cosi restiamo a mangiare nel refettorio con sacchi di sabbia davanti alle finestre come nelle trincee di lusso della Prima Guerra Mondiale. La sera siamo costretti a ritirarci presto, sedendoci o rimanendo sdraiati, nei nostri rifugi. Questa settimana hanno trovato ragni velenosi nel rifugio delle suore. Chi ha detto che le donne hanno sempre bisogno di tanto tempo per imballare? Non è per niente vero. In poco tempo tutti i materassi e le altre cose erano traslocati in un nuovo posto. Hanno fatto tutto in modo velocissimo. Non c’è stato neanche tempo di prendere una foto di questa fuga. Così usciamo del solito tran tran e c’è un po' di distrazione.

Frammenti di “Nuovo Ordine Mondiale” in Siria

Parliamo del nuovo rifugio: già prima il refettorio era un posto dove si facevano tante cose e adesso non è più un luogo ”polivalente” ma è diventato uno spazio “omnivalente”, cioè un tipo di ripostiglio simpatico che è stato riorganizzato in modo ordinato in vari spazi separati. Nel frattempo viviamo e soffriamo insieme la miseria del popolo Siriano e del suo Paese. Ci sono già 100.000 morti su cui piangiamo. Fabbriche, scuole, ospedali e istituzioni pubbliche sono stati distrutti. Milioni di persone sono profughi in un paese che prima offriva rifugio in modo ospitale a tanti profughi soprattutto di Iraq e Libano. Tanti soffrono la fame e sono senza tetto. Mercoledì sera vediamo sulla televisione Siriana Al Akhbaria un’ampia intervista con Madre Agnes-Mariam sulla situazione in Siria e soprattutto sul modo concreto dellaMusalaha, il movimento più importante della riconciliazione. C’è tanto bisogno di dare al popolo il necessario cibo, cura, alloggio, scuola e ri-educazione. Il perdono reciproco e la riconciliazione hanno un effetto di guarigione. Secondo la Madre anche i terroristi hanno il diritto di esprimersi per scegliere un nuovo e buon orientamento di vita. Uno dei progetti concreti è un’iniziativa spettacolare olandese di una macchina ospedale polivalente con tante attrezzature (prezzo mezzo milione) per Homs e speriamo dopo anche una per Aleppo. (Vedi: helphoms.org).

Una Guerra contro la Siria taciuta dall'Occidente. Fino a quando?

È possibile che la miseria senza fine abbia un effetto demoralizzante. Dall’altra parte invece questa situazione implica anche la speranza di una purificazione profonda. Questa sofferenza offre anche la possibilità di una crescita più forte dopo. La verità su quanto succede qui si rivela poco a poco e vien accettata sempre di più, anche se la Francia la nega in modo ossessivo.

La Verità, quando sarà conosciuta, ciò cambierà il mondo!

Quando la realtà di questa guerra contro la Siria sarà riconosciuta, potrebbe causare una svolta nelle relazioni politiche nel mondo intero. Monsignor Francis A. Chullikat, rappresentante permanente della Santa Sede all’ONU ha parlato il 23 luglio 2013 della pace in Siria, in cui tutti saranno vincitori al contrario di una guerra dove tutti perdono. Il 25 luglio il Patriarca Cirillo di Mosca con rappresentanti di tutte le chiese ortodosse mondiali, insieme a Putin hanno espresso loro preoccupazione per la tragedia in Siria, dove i cristiani sono minacciati di sparire.

Il Cristianesimo è nato in Siria

Essi hanno dichiarato: “Sarebbe una catastrofe per l’intera civilizzazione. L’origine della nostra religione si trova qui in Siria!”. Forse la vera storia è costituita da santi e martiri, come Padre Francois Mourad. Lui viveva l’esempio di Charles de Foucauld e ha fondato il monastero di San Simeone, lo stilita, a Ghassanieh (Nord Ovest di Aleppo). Le chiese sono state distrutte ed i cristiani sono stati rapiti e assassinati.

Lo straordinario esempio di Padre Francois Mourad – Oltre la Morte.

Quando la situazione cominciava ad essere pericolosa anche per lui, egli ha scritto al suo vescovo: “L’amore ha un sinonimo, cioè la sofferenza…e sono pronto a morire per la pace e che la Chiesa si ricordi che io do la mia vita con gioia per tutti i cristiani in questo beneamato paese”. La sua chiesa è stata distrutta e lui è stato assassinato domenica 23 giugno 2013. Padre Francois Mourad aveva solo quarantanove anni.

Siria – Fermiamo la Folle Macchina Mondialista della Guerra!

Damasco, Washington, Mosca – Nelle scorse ore la Casa Bianca ha reso noto il rinvio dell'incontro con la Russia (inizialmente dato come imminente) sulla questione siriana, rilanciando le accuse (infondate) contro Assad per il presunto uso di armi chimiche in Siria contro il suo popolo. A sostenere – in maniera disarmante – le accuse contro il governo siriano, in una conferenza stampa tenuta poche ore fa, è stato John Kerry, il Segretario di Stato USA, secondo il quale Assad avrebbe distrutto le prove dell'uso di Armi Chimiche. Insomma, per scatenare una guerra dalle proporzioni apocalittiche ormai pare che non ci vogliano neppure le prove. Basta la volontà di distruggere di USA, NATO e Lega Araba! Vedi i precedenti in Libia e Iraq tra tutti. Ma perché Assad che ha sempre difeso il suo popolo - come raccontato finora da “quieuropa.it” e provato da due anni a questa parte con centinaia di testimonianze oculari di cittadini siriani, tra le quali quelle di sacerdoti e suore - ora dovrebbe usare armi chimiche contro di esso ed in contemporanea all'arrivo della delegazione ONU? Davvero assurdo! Pazzesco! Folle! Assolutamente irrazionale!

La Balla delle Armi chimiche utilizzate da Assad

Intanto, mentre la notizia circolata nei giorni scorsi (riportata inizialmente da stampalibera.com e successivamente ripresa con le pinze dall'Osservatorio, “aspettando ragguagli più precisi”) su presunte foto satellitari dei razzi chimici “della strage” provenienti dalle zone occupate dai gruppi salafiti, presentate – si era detto - da Mosca all'ONU, sembra non aver avuto alcuna conferma ufficiale dal Cremlino, ma – a parte ciò - nell'articolo pubblicato ieri e titolato “USA, Armi chimiche e Abominevoli Pretesti Democratici” abbiamo sostenuto e ribadito in più di una occasione come non vi sia alcuna prova che tali armi di distruzione di massa – nell'ipotesi che siano davvero state usate – siano state impiegate dal governo siriano. Anzi tutte le indicazioni video finora raccolte portano alla pista dei ribelli-mercenari anti-Assad.

Vide-Prove: l'Incongruenza delle date

Infatti in altri video presentati da USA & Co. come “prove inoppugnabili della colpevolezza di Assad” (vedi articolo e video in allegato – Articolo “Qui Europa” del 24 Agosto 2013 “Siria – Clamoroso, alcuni Video caricati il giorno prima della Strage”) esisterebbero una serie di palesi incongruenze e stranezze che gettano un pesante alone di discredito sugli stessi, visto e considerato che alcuni video presentati come prova d'attacco sono stati addirittura caricati su You-Tube il 20 agosto, cioè il giorno prima della data indicata dai ribelli stessi come la fatidica data della strage. Davvero pazzesco! Un po' come sostenere che l'uomo è sbarcato su Marte (o sulla Luna) senza avere le prove concrete in mano, ma magari sulla base di un film girato ad arte su un set cinematografico hollywooodiano…

Pezzi di Ghiaccio sui corpi dei Bambini Uccisi

Inoltre è saltata fuori sul web una foto nella quale è ben visibile una scena alquanto sconcertante e raccapricciante: sui piccoli corpi degli angeli uccisi nella strage (denunciata il 21) sono ben visibili pezzi di ghiaccio usati evidentemente per conservare i corpi. Se così fosse – particolare non da poco – ciò potrebbe significare il fatto che i poveri bambini siriani uccisi potrebbero essere stati massacrati in più luoghi e in tempi diversi, e poi i corpi potrebbero essere stati trasportati successivamente in una zona precisa, per l'agghiacciante messa in scena. E ciò proprio in contemporanea – come detto – dell'arrivo dei commissari ONU.

Putin avvisa Obama

Ma le ipotesi e le voci di un intervento militare in Siria, senza prove concrete e su semplici supposizioni, in queste ore hanno portato Vladimir Putin a schierarsi ancor più esplicitamente a favore del Presidente Assad ed in difesa di milioni di cristiani e musulmani che in caso di conflitto, potrebbero perdere la vita sotto i bombardamenti, come accaduto in Libia e Iraq. Ma anche in Africa ed altri Paesi del Medioriente. Sergei Lavrov (Ministro degli Esteri russo) nelle scorse ore ha avvertito Washington che un attacco senza il mandato dell’Onu avrebbe conseguenze gravissime. “Voglio far notare– ha sottolineato in aggiunta Lavrov - che le informazioni sull’attacco chimico sono iniziate a circolare mentre americani e russi stavano preparando il summuit di Ginevra. Mi sembra evidente che si volesse, in qualche modo, mettere dei paletti al vertice”(Fonte ANSA). Perciò appare chiaro come l’Occidente stia accusando la Siria senza avere le prove.

Scatenare una “Guerra Mondiale” su “Indicazioni” è un Crimine!

E poi, come ribadito ieri, ammesso che esistano prove (che nessuno però ha mai visto) sull’uso di tali sostanze, chi ci dice che ad utilizzarle non siano stati i rivoltosi-mercenari piuttosto che le forze armate governative? Lo stesso segretario generale della Nato, Anders Fogh Rasmussen, ha affermato che «ha avuto indicazioni» in merito. Ma si scatena una guerra sula base di “indicazioni”? E poi, come ha scritto il corrispondente della BBC, Frank Gardner: “Perché il governo di Assad, che recentemente sta riconquistando terreno sui ribelli, dovrebbe effettuare un attacco chimico, mentre gli ispettori delle Nazioni Unite sono nel Paese?”. Altresì, in merito,ricordiamo che le bugie sull'Iraq e la Libia sono ancora sotto gli occhi del mondo!

Putin e la denuncia dei tentativi di instaurare un NWO in Siria

Come sotto gli occhi di tutti è stata l'attività di sostegno sottobanco fornita dal 2012 ad oggi dagli USA e da alcuni suoi alleati ai ribelli-mercenari, nel tentativo di instaurare un Nuovo Ordine Mondiale anche nel paese culla del Cristianesimo. Vladimir Putin è da ormai due anni che lo sbandiera ai quattro venti, ammonendo l'Occidente interventista.

VIDEO: GUERRA IN SIRIA – NEI TUNNEL DEI RIBELLI SALAFITI - TROVATE ARMI CHIMICHE

 

Autore: Sergio Basile / Fonte: quieuropa.it

Tratto da: ecplanet.com

Commenta il post