Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

VERTICI DELLA FINLANDIA IN ITALIA PER DISCUTERE LE DISMISSIONI DEL PATRIMONIO PUBBLICO. LO SAPEVATE ?

Pubblicato su 30 Agosto 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

Si parla di uscita della Grecia dall’Euro ma anche dell’ipotesi di uscita da parte della Finlandia. e . Ovviamente molto di quanto sta accandendo è “romanzato” dai media che spesso dicono mezze verità o sputano sentenze senza sapere asolutamente dove si potrebbe andare a parare.

Abbiamo assistito alla diatriba Asmussen – Weidmann direttamente dall’intero della Bundesbank….

La Bce fa “filtrare” le linee guida di quanto deciderà nella riunione del 6 settembre con il nuovo piano di acquisti dei bond in funzione anti-spread, distanziandosi dalle posizioni oltranziste della Bundesbank che accusa Mario Draghi di voler finanziare gli Stati in modo indiretto, attraverso un intervento di Jörg Asmussen, il membro tedesco del bord dell’istituto centrale.
L’intera discussione in seno alla Bce «si orienterà sul principio che qualsiasi riserva sul fatto che si tratti di un finanziamento ai Governi contrario ai Trattati venga cancellata», ha premesso Asmussen per cercare di evitare frizioni con il presidente della Bundesbank, Jens Weidmann.
Il nuovo piano di acquisti di bond della Bce, presentato in sintesi a inizio agosto e in via di definizione, sarà strutturato in modo tale «da non ripetere l’errore commesso con l’Italia l’estate scorsa, quando la Bce ha acquistato titoli di Stato italiani e il tempo guadagnato non è stato purtroppo usato per le necessarie misure di aggiustamento». Il riferimento esplicito è al governo Berlusconi che – non appena l’allora presidente dell’Eurotower, Jean-Claude Trichet, diede il via all’aquisto di bond italiani – frenò sul varo delle riforme accordate in precedenza con la famosa lettera contenente i punti da recepire per recuperare la competitività perduta, spaventato dall’impopolarità delle riforme (liberalizzazioni, mercato del lavoro, tagli di spesa).
Lo ha detto Jörg Asmussen, membro tedesco del Comitato esecutivo della Bce ed ex consigliere economico del Cancelliere tedesco Angela Merkel, in un discorso tenuto ad Amburgo. (Source)

abbiamo assistito alla “Euroconversione” della nostra signora di Berlino, Tata Merkel…

«Ich will Europa», voglio l’Europa. A Berlino impazzano le baruffe inter-tedesche sul futuro della moneta unica e della Ue, sull’espulsione della Grecia dal club, sulla presunta eccessiva disinvoltura della Bce di Mario Draghi nella gestione delle crisi. Ma questa volta Angela Merkel non tentenna, invita tutti alla cautela nell’uso delle parole e tira dritto. Ha ormai maturato la sua scelta di campo, il cancelliere, tanto da far circolare un video per spiegare la «sua Europa», le ragioni di una politica che vorrebbe veder realizzata a tamburo battente. Magari con l’avvio già in dicembre dei lavori di una nuova Convenzione per un’altra riforma dei Trattati europei. Nonostante i pesanti incerti dell’avventura. (Source)

Questi sono i media, ormai li conosciamo. Stupisce però che altre notizie non vengano invece considerate. Per esempio questa che ha scovato il grande Lampo ieri sera navigando su siti finlandesi…
Ebbene cari lettori, lo sapevate che proprio oggi avremo delle visite? Verranno a trovarci gli amici della Finlandia. Il motivo? Capire come l’Italia potrebbe mettere in sicurezza il suo debito vendendo il patrimonio pubblico e/o garantendo con asset reali.

Il giornale da cui è tratta la notizia è l’indicibile Yle Uutiset.
Vi lascio un pezzo della traduzione (tramite Google translate). Ovviamente è MOLTO relativa ma il senso è comprensibile…

Finlandese ufficiale top management di recarsi a Roma il Martedì tranquillamente discutere l’italiano con alti funzionari su come ottenere prestiti agevolati italiani.
Finlandia ha proposto al vertice di giugno che l’Italia possa dare i propri beni in garanzia, al fine di tasso di interesse pressioni hellittäisivät e per facilitare l’accesso ai mercati del credito. La proposta della Finlandia è stato pesantemente criticato, ma la notizia Yle che il primo ministro italiano Mario Monti è ora interessato alla proposta finlandese.
Ecco perché, tra le altre cose, il segretario del Primo Ministro di Stato per gli affari europei Kare Halonen e il Ministero Sottosegretario Martti Hetemäki volare a Roma il Martedì. Lo scopo è quello di discutere, potrebbe in qualche modo in Italia la Finlandia ha proposto l’utilizzo di titoli di debito garantiti.
Le decisioni non sono ancora stati fatti, e l’Italia cerca di gestire senza discussione pubblica.Segretario di Stato Martin Hetemäki non ha voluto commentare le richieste di trasmissione notizie Yle. L’incontro è per discutere del futuro dell’euro in generale.

Droga si pensa sia stata la depressione efficaci

Finlandia offre in Italia della sua stessa medicina. Nel 1990 la recessione Finlandia ha dato la proprietà dello stato come garanzia nel prendere il mercato dei prestiti. Il governo finlandese ritiene che è stata facilitata dalla Finlandia recessione, l’accesso al credito e il finlandese ha aiutato nel recupero dalla depressione.
Ora l’Italia vuole sentire la proposta finlandese, come il primo ministro Mario Monti, interessato a tutte le nuove idee. Monti guidato attraverso le riforme di crisi economica non sono ancora stati convinti del mercato italiano, capacità di far fronte. I tassi di interesse sui prestiti huitelevat ancora pericolosamente alta.
Secondo un finlandese idea – dando la proprietà dello stato in garanzia – Italia potrebbe prendere in prestito a tassi di interesse più bassi. Questo tempo supplementare dovrebbe Italia fino a quando i mercati sono convinti che le riforme economiche italiane per sollevare i piedi, e, quindi, si spera, l’italiano non dovrebbe essere il prossimo paese a chiedere assistenza in coda. (Source)

Cari signori dei giornali, perché non pubblicare anche queste notizie, oltre alle solite diatribe senza capo ne codà tra Merkel & Co?

STAY TUNED!

DT -

Fonte: intermarketandmore.finanza.com

Commenta il post