Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

UNGHERIA: VIKTOR ORBAN ALLA UE " NON SIAMO UNA COLONIA "

Pubblicato su 27 Marzo 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA


Viktor Orbán, primo ministro dell’Ungheria, nella manifestazione in ricordo della sollevazione nazionale magiara del 1848 contro l’egemonia degli Asburgo, svoltasi a metà settimana a Budapest, ha confermato che il suo governo “non si piegherà” alle pressioni dell’Unione europea per modificare – cedendo la sovranità monetaria – la legge sulla Banca centrale ungherese. Orbán ha paragonato i “burocrati europei” agli “apparatciks sovietici”. Il premier ha dichiarato che l’Ungheria “non sarà mai una colonia” e che è gelosa della sua indipendenza politica, economica e finanziaria.
Ma questa è una notizia che evidentemente non è stata ritenuta degna di pubblicazione da parte degli autorevoli commentatori radiotelevisivi e stampa d’Italia.
Era scomoda? Occorreva forse mandare in onda un qualche filmato di repertorio per sottolineare che il governo di non è stato trovato...)?
Esiste forse un “ordine-non-scritto” per non turbare i Regolatori dell’Europa delle banche nel loro progressivo smantellamento degli Stati nazionali?
Giudicate Voi.

 

Fonte: informare

 

orban.jpg

Commenta il post

gianni 03/27/2012 18:36


ciao sono Gianni, di informare....volevo solo avvisarvi che noi siamo informare e basta....non informare per resistere che e' tutta un' altra cosa. Grazie ciao

frontediliberazionedaibanchieri 03/27/2012 19:03


Grazie per la precisazione e scusa l'errore. Claudio