Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

TREGUA FINO A SETTEMBRE, POI LA GERMANIA SI SCATENERA'

Pubblicato su 27 Febbraio 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

 

 

L'obiettivo è tenere i mercati calmi fino a settembre quando ci

saranno le elezioni in Germania: una crisi italiana potrebbe costarle la rielezione.

 

italia-austerity.jpg

 

Alla Grecia è stato imposto di rivotare per accedere agli aiuti dell'EU ed ottenere

la riduzione del debito: in cambio la popolazione ha dovuto accettare la politica di

austerità. Ma i risultati sono disastrosi: l'economia in 5 anni si è contratta di un

quarto e la povertà avanza.

 
In Italia la gente non ha intenzione di ingoiare la stessa pillola. Ce lo conferma il

voto. Un quarto degli italiani se ne sono stati a casa, troppo traumatizzati dalla

mala politica persino per andare alle urne, un quarto ha votato 5Stelle,

movimento apertamente anti-austerità ed anti-euro, infine un terzo ha votato un

Berlusconi anti-austerità. Che significa? Che non c'è la massa critica per ripetere

l'esperienza greca, rivotare e mandare in parlamento i tirapiedi di Bruxelles.


Ed i mercati? Ecco la grande incognita. Ebbene, nel breve periodo la situazione

non dovrebbe precipitare a meno che Mario Draghi a luglio non ci abbia

raccontato delle balle. Ha infatti detto che farà "di tutto" per salvare l'euro e

tenere gli spread bassi. Quindi nei prossimi giorni bisognerà osservare Draghi, ma

anche la Merkel. L'obiettivo è tenere i mercati calmi fino a settembre quando ci

saranno le elezioni in Germania: una crisi italiana potrebbe costarle la rielezione.

Forse ci verranno fatte concessioni nuove, che nessuno ha ancora ottenuto. Ma è

un gioco di prestigio, nel lungo periodo anche noi pagheremo lo stesso prezzo

della Grecia.


Il problema sorgerà quando ci sarà bisogno di agire e se ci sarà bisogno di aiuti

concreti da parte della BCE all'Italia per tenere bassi gli spread. A quel punto cosa

ci chiederà Draghi? Una nuova austerità?


Con un Parlamento privo di una maggioranza pro-austerity sarà impossibile far

passare accordi "a la Troika" e quello sarà il primo vero test del nuovo

schieramento, un test che potrebbe portarci alle urne una seconda volta.


Democrazia Vendesi

Commenta il post

Fidenato Giorgio 02/27/2013 23:12


Ma questi greci non avevano voglia di fare un cazzo, ed è giusto che vadano in miseria!!!