Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

THE ROCKEFELLER FOUNDATION

Pubblicato su 30 Marzo 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in IDEE e CONTRIBUTI

Questa relazione della Fondazione Rockefeller definisce quattro possibili scenari per il futuro prossimo venturo. Mi limiterò a dei clip di alcuni passaggi di ciascuno dei quattro. Vi innamorerete di ciò.


Dalla Fondazione Rockefeller:


LOCK STEP: Un mondo con un più stretto controllo dall'alto in basso del governo e una leadership più autoritaria, con limitata innovazione e crescente respingimento dei cittadini
Nel 2012, la pandemia che il mondo aveva anticipato per anni, infine colpì. A differenza di quella H1N1 del 2009, questo nuovo ceppo di influenza - proveniente dalle oche selvatiche - fu estremamente virulento e mortale. Anche le nazioni più preparate alla pandemia furono rapidamente sopraffatte quando il virus variato in tutto il mondo, contagiò quasi il 20% della popolazione mondiale uccidendone 8 milioni in soli sette mesi, la maggior parte giovani e sani. La pandemia ebbe anche un effetto letale sulle economie: la mobilità internazionale delle persone e dei beni subì una battuta d'arresto, debilitando settori come il turismo e rompendo le catene di approvigionamento globale. Anche a livello locale, i negozi e uffici normalmente vivaci, rimasero vuoti per mesi, privi di dipendenti e clienti.
In un primo momento, la nozione di un mondo più controllato ottenne un'ampia accettazione e approvazione. I cittadini rinunciarono volentieri a parte della loro sovranità - e alla loro vita privata - verso Stati più paternalisti, in cambio di maggiore sicurezza e stabilità.
I cittadini furono più tolleranti, e anche desiderosi, verso la gestione top-down e la sorveglianza, e i dirigenti nazionali ebbero maggiori ambiti di manovra per imporre l'ordine nei modi che ritennero più opportuni. Nei paesi sviluppati, questo controllo si era accresciuto in molte forme: ID biometrici per tutti i cittadini, per esempio, e una più stretta regolamentazione nei settori chiave la cui stabilità era considerata vitale per gli interessi nazionali. In molti paesi sviluppati, lentamente ma costantemente, si era rafforzata la cooperazione con una serie di nuove normative e accordi, ripristinando sia l'ordine e, soprattutto, la crescita economica.
CLEVER TOGETHER: un mondo in cui emergono strategie altamente coordinate e di successo per affrontare sia le questioni urgenti che quelle radicate in tutto il mondo
La recessione del 2008-10 non si trasformò nei decenni di caduta globale che molti temevano. In realtà avvenne il contrario: la forte crescita globale restituì vigore, con un mondo guidato ancora una volta verso proiezioni demografiche ed economiche come previsto prima della recessione.
India e Cina erano sulla buona strada per vedere esplodere la loro classe media a un miliardo di persone entro il 2020. Mega-città come San Paolo e Jakarta si espandevano al ritmo di una bolla mentre milioni di persone vi si riversavano dalle zone rurali. I paesi correvano per industrializzarsi a qualsiasi costo, il mercato globale era in trambusto.
Il livello dei mari era in rapida crescita, anche se i paesi continuavano a costruire mega città costiere. Nel 2014, il fiume Hudson straripò durante una tempesta, trasformando il sito del World Trade Center in un lago di tre piedi di profondità. L'immagine dei motoscafi che navigavano attraverso Manhattan urtò le più potenti nazioni del mondo fino alla consapevolezza che il cambiamento climatico non era solo un problema del mondo in via di sviluppo.
Quello stesso anno, nuove misurazioni mostravano che i livelli atmosferici di anidride carbonica stavano salendo precipitosamente creando una nuova urgenza e una pressione sui governi (proprio per tutti) per fare qualcosa velocemente.
Fu anche stabilito un sistema di Cap and Trade funzionante a livello globale. A livello mondiale, fu enorme la pressione a ridurre gli sprechi e ad aumentare l'efficienza in modi rispettosi del pianeta. Fu progettato un nuovo sistema coordinato globalmente per il monitoraggio della capacità d'uso di energia - incluso le reti intelligenti e le tecnologie di riconoscimento con modello dal basso all'alto.
HACK ATTACK: un mondo economicamente instabile e soggetto a shock in cui i governi si indeboliscono, i criminali prosperano ed emergono pericolose innovazioni
Shock devastanti come l'11 settembre, lo tsunami del Sud-Est Asiatico del 2004 e il terremoto di Haiti del 2010, avevano certamente imbottito il mondo di calamità impreviste. Ma nessuno era preparato per un mondo in cui le catastrofi su larga scala si sarebbero verificate con una frequenza mozzafiato. Gli anni 2010-2020 furono soprannominati "decennio di rovina" per una buona ragione: un bombardamento alle Olimpiadi del 2012, che uccise 13.000 persone, seguito a distanza ravvicinata da un terremoto in Indonesia che uccise 40.000 persone, da uno tsnunami che quasi spazzò via il Nicaragua, e dall'inizio della carestia nella Cina occidentale, causata da una siccità millenaria collegata ai cambiamenti climatici.
Non sorprendentemente, questa serie di micidiali catastrofi asincrone (ce ne furono di più) esercitarono una forte pressione in un'economia globale già sottoposta a eccessive sollecitazioni, che era entrata nel decennio ancora in depressione. I massicci sforzi di aiuto umanitario costarono ingenti somme di denaro, ma le fonti primarie - a partire dagli enti di aiuto e dai governi del mondo sviluppato - avevano esaurito i fondi. La maggior parte degli stati nazione non poteva più permettersi la copertura dei costi, per non parlare della risposta all'aumento delle richieste da parte dei cittadini di più sicurezza, più copertura sanitaria, più programmi sociali e servizi e maggiore riparazione delle infrastrutture. Nel 2014, quando le colate di fango a Lima seppelirono migliaia di persone, arrivò solo un aiuto minimo, che ispirò il titolo dell'Economist:"Il Pianetà è in Bancarotta?"
Queste difficili circostanze costrinsero a compromessi difficili. Nel 2015, gli Stati Uniti riallocarono gran parte della propria spesa della difesa verso faccende domestiche, tirandosi fuori dall'Afghanistan - dove i risorgenti Talebani presero il potere ancora una volta. In Europa, Asia, Sud America e Africa gli stati nazionali persero sempre più il controllo delle loro finanze pubbliche, insieme con la capacità di aiutare i loro cittadini e mantenere la stabilità e l'ordine. La scarsità di risorse e le controversie commerciali, insieme alla grave situazione economica e climatica, spinsero molte alleanze e partnership al punto di rottura; queste scatenarono anche guerre per procura e conflitti a bassa intensità in zone ricche di risorse del mondo in via di sviluppo. Le nazioni eressero barriere commerciali al fine di proteggere i loro settori nazionali nei confronti delle importazioni e - di fronte alla carenza di risorse e di alimenti globali - per ridurre le esportazioni di prodotti agricoli e altre materie prime. Entro il 2016, il coordinamento globale e l'interconnessione che aveva segnato il mondo post Muro di Berlino, diventò più debole che mai.
Con l'indebolirsi del potere del governo, l'ordine si disintegrò rapidamente e con l'evaporazione delle reti di sicurezza, la violenza e la criminalità crebbero in maniera dilagante. I Paesi con divisioni etniche, religiose o di classe, videro soprattutto picchi di forte ostilità: i separatisti Naxalite aumentarono drasticamente la loro campagna di guerriglia nell'India Orientale; lo spargimento di sangue Israeliano-Palestinese ebbe un'escalation, e in tutta l'Africa, le lotte per le risorse scoppiarono lungo linee etniche e tribali. Nel frattempo, i militari oberati e le forze di polizia potevano fare ben poco per fermare la crescente comunità di criminali e terroristi che stavano guadagnando potere. Gangs tecnologicamente capaci e imprese criminali in rete, sfruttavano sia la debolezza degli Stati che la disperazione delle persone. Con sempre maggiore facilità, questi "guerriglieri globali" trasferivano prodotti illeciti attraverso canali sotterranei dai miseri paesi produttori ai mercati del mondo sviluppato. Usando i ritirati 727 e altri aerei canaglia, essi attraversavano l'Atlantico, dal Sud America all'Africa, trasportando cocaina, armi e operai. I soldi della droga e delle armi diventarono uno strumento comune per il reclutamento dei poveri disperati.
SMART SCRAMBLE: un mondo economicamente depresso in cui gli individui e le comunità sviluppano soluzioni locali e di fortuna nei confronti di una crescente serie di problemi
La recessione globale iniziata nel 2008 non si era affievolita nel 2010 ma si era trascinata in avanti. I vigorosi tentativi di riaccendere i mercati non avevano funzionato, o almeno non abbastanza per invertire la costante attrazione verso il ribasso. L'onere del debito combinato pubblico e privato che incombeva su tutto il mondo sviluppato continuava a deprimere le attività economiche, sia qui che nei paesi in via di sviluppo con economie dipendenti dalle esportazioni verso gli (ex) ricchi mercati. Senza la capacità di rilanciare l'attività economica, molti paesi videro l'approfondirsi dei loro debiti, si ebbero disordini civili e i tassi di criminalità salirono.
Gli Stati Uniti, inoltre, persero gran parte della loro presenza e credbilità sulla scena internazionale a causa dell'approfondirsi del debito, del debilitarsi dei mercati e di un governo distratto. Questo portò, a sua volta, alla frattura o al disaccoppiamento di molte collaborazioni internazionali iniziate o dipendenti dalla continua forza degli Stati Uniti.
Emersero soluzioni tecnologiche di fortuna, "abbastanza buone", per colmare le lacune - riguardanti ogni cosa, dalla depurazione delle acque allo sfruttamento dell'energia per una migliore resa delle colture e il controllo delle malattie. La comunità cresceva più stretta. A livello locale furono create micro-produzione, giardini condominiali e patchwork di reti energetiche per le esigenze locali. Molte comunità assumevano l'aura di cooperative, alcune addirittura lanciarono monete destinate a rafforzare il commercio locale e a far sentire la comunità più unita. In nessun luogo questo era più vero che in India, dove gli esperimenti locali proliferarono, riusciti o meno, con scarsa connessione o impatto su altre parti del paese - o del mondo.
link articolo originale: http://cryptogon.com/?p=16784
da: cryptogon.com - 3 agosto 2010 - traduzione: http://nwo-truthresearch.blogspot.com    the_day_after_tomorrow.jpg

Commenta il post