Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

TANTO PER COMINCIARE. ANNUNCIO DI KEVIN ANNET DEL 15-09-2012 TRADOTTO E TRASCRITTO

Pubblicato su 16 Settembre 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in IDEE e CONTRIBUTI

Ciao e benvenuti. Il mio nome è Kevin Annett voce forte e mi rivolgo a voi oggi, a nome del Consiglio degli anziani del Tribunale internazionale sui crimini della Chiesa e dello Stato: una coalizione multinazionale di oltre cinquanta organizzazioni in sette paesi.

Sotto l’autorità di quel Tribunale così come della Common Law e la naturale competenza delle nazioni sovrane, dichiaro che, a partire da questo giorno, Sabato 15 Settembre 2012, una Corte di giustizia internazionale pubblica è convocata per discutere gli elementi relativi alle accuse di crimini contro l’umanità e associazione a delinquere da parte delle istituzioni di Chiesa e Stato e loro ufficiali fiduciari.

I crimini che saranno documentati e valutati nella nostra Corte sono abominevoli e quasi inimmaginabili. Essi abbracciano secoli e vanno da omicidio a tortura sistematica, dallo stupro alla schiavitù, dalla guerra batteriologica alla sperimentazione medica, dal test anti-droga alle sterilizzazioni involontarie, dal traffico di bambini al genocidio e alle guerre di sterminio contro le nazioni pacifiche. Questi crimini sono tanto più odiosi per il fatto che essi sono stati spesso rivolti ai bambini e sono stati compiuti, non a caso, da individui isolati, ma storicamente, sistematicamente, deliberatamente e ufficialmente, per espresso comando di capi di Stato e della Chiesa secondo le loro leggi e costumi – e dal fatto che molti di questi crimini sono portati avanti oggi contro gli innocenti per mano delle stesse istituzioni che li autorizzano e i capi di stato.

L’enormità di questi crimini richiede un approccio nuovo. Per la Corte è un esperimento unico nel suo genere in quanto, ai sensi del diritto internazionale vigente, le istituzioni non possono essere chiamate in giudizio per le azioni di genocidio o criminali, nonostante il fatto che questi crimini nascano da e sono causati da tali istituzioni. Non vi è stato pertanto alcun ricorso legale per milioni di persone le cui culture e vite sono state distrutte dai piani deliberati e dalle azioni delle istituzioni della chiesa e dello stato, come ad esempio nel caso della conquista di interi continenti di gente non-cristiana da regni europei che operano sotto la sanzione delle cosiddette leggi papali.

Allo stesso modo, nel caso di innumerevoli vittime di violenza sessuale e tortura da parte del clero delle chiese cattoliche e protestanti, i tribunali nazionali hanno sempre negato a queste vittime il diritto di citare in giudizio queste chiese nel loro complesso e limitato il loro contenzioso a singoli individui, nonostante il fatto che le leggi della chiesa e politiche consentano di proteggere e legittimino tali attacchi.

Queste restrizioni richiedono non solo un nuovo approccio legale per i torti storici della Chiesa e dello Stato, se giustizia deve essere fatta e mostrata, ma il fatto che i tribunali esistenti si rifiutano di affrontare la causa principale di questi crimini nominando il responsabile per loro costringe i cittadini di tutte le nazioni di far valere i propri diritti consuetudinari e inalienabile per vincere la giustizia e proteggere se stessi ed i loro figli quando le autorità esistenti si rifiutano di farlo.

E’ in questo spirito che la nostra Corte Internazionale di Giustizia Common Law è convocata.

La Corte sta si appoggia al precedente delle Leggi di Norimberga e lo Statuto di Roma della Corte penale internazionale, che indica chiaramente che i cittadini in tutto il mondo hanno il diritto e il dovere di rifiutarsi di obbedire o pagare le tasse ai governi o istituzioni impegnati in crimini contro l’umanità. Vale a dire, è riconosciuto dal diritto internazionale che le istituzioni e gli individui possano essere impegnati in azioni criminali e possano quindi essere ritenuti e responsabili in un tribunale di diritto.

Lo scopo del nostro Tribunale comune è di fare esattamente questo. La Corte prende posizione non solo per il diritto consuetudinario dei cittadini di perseguire la giustizia e difendere le loro comunità, ma il nostro rapporto con i tribunali di varie nazioni che sostengono la giurisdizione universale sui casi di diritti umani. Le prove presentate prima al nostro Tribunale saranno anche presentata in questi tribunali nazionali che non operano nell’ambito dei sistemi o dell’ autorità giuridica dei vari poteri che saranno nominati come imputati, come ad esempio la cosiddetta Corona d’Inghilterra e le sue leggi dell’ammiragliato o il Vaticano e le sue cosiddette leggi Canoniche.

La nostra Corte seguirà questo corso, al fine di arrivare ad un verdetto opponibile contro le chiese e gli stati responsabili dei crimini efferati che si documentano nel mondo. La Corte non è un gesto simbolico, ma una procedura legittima legale che cercherà l’atto d’accusa e la detenzione di colpevoli, il ripristino della terra rubata, la vita, la ricchezza, e l’abolizione delle istituzioni responsabili di crimini contro l’umanità in corso.

Con tutto questo in mente, vorrei iniziare a spiegare la procedura e i protocolli della nostra Corte di Common Law, e il nostro calendario nelle prossime settimane.

La sessione di oggi fa parte di un normale processo preliminare, nel quale sono stabiliti i termini del processo, i casi e le parti nella causa sono chiamati e una citazione pubblica è rilasciata dalla Procura per i convenuti citati. A questi imputati saranno dati dieci giorni lavorativi – fino al 1 ottobre 2012 – per rispondere per iscritto alla convocazione e per accettare una Conferenza preliminare (spesso chiamato Voir Dire o Esame per scoperta), in cui le prove possono essere condivise e le memorie sentite. Se gli imputati rifiutano di rispondere, il silenzio può essere considerato nel senso di non contestare le accuse mosse contro di loro, ed è spesso interpretato come una tacita ammissione di colpa. In questo caso, la nostra Corte procederà con l’accusa contro gli imputati in contumacia e il processo formale avrà inizio.

Questo processo legale sarà supervisionato da un collegio di cinque giudici giurati, un ufficio dei procuratori dei cittadini e una giuria di common law di 58 cittadini giurati con sede in Canada, Stati Uniti, Irlanda, Inghilterra, Paesi Bassi, Italia e Australia. Tutti questi partecipanti hanno ad oggi debitamente giurato e hanno fatto un giuramento di riservatezza e di servizio. Per motivi di sicurezza e per un giusto processo, l’identità di questi giudici e giurati resteranno confidenziali fino al giorno in cui il verdetto finale della Corte si pronunci, e gli ufficiali giudiziari saranno liberati.

Oggi, 15 settembre, una citazione pubblica viene rilasciata a tutti i partiti e le istituzioni citate nei cinque casi presentati dalla nostra Corte. Tali soggetti avranno tempo fino a mezzanotte di Greenwich di Lunedi, 1 ottobre ,2012 per rispondere alle accuse e accettare un processo preliminare. Dopo il 1 ° ottobre, sia la Conferenza che il processo stesso procederanno, se necessario, in contumacia.

Questi eventi appena si verificheranno saranno pubblicati il giorno stesso su questo sito.

Ora, in conclusione, permettetemi di presentare a tutti voi i cinque casi che saranno portati in giudizio dall’Ufficio del nostro Procuratore: casi che riassumono le prove principali che sono state riunite per dimostrare al di là di ogni ragionevole dubbio che le chiese, i governi e gli individui chiamati come imputati sono colpevoli e perseguibile per crimini contro l’umanità e cospirazione criminale.

Il nostro primo caso è quello di Kevin Annett e il Popolo contro il governo del Canada, la Chiesa Unita del Canada, la Chiesa cattolica romana, la Chiesa anglicana del Canada, la Corona d’Inghilterra, l’Assemblea delle Prime Nazioni, la società del Weyerhauser, la divisione RCMP, la Law Society della British Columbia, e gli ufficiali di queste corporazioni.

GLI ATTORI Kevin Annett e il Popolo sostengono che gli imputati sono associati in una secolare associazione a delinquere e in crimini contro l’umanità autorizzati da leggi della Chiesa per conquistare, schiavizzare, terrorizzare e sradicare permanentemente nazioni non cristiane e popoli indigeni e per privare questi popoli della loro identità, dei mezzi di sussistenza, di terre e risorse e che gli imputati stessi hanno attivamente usato e stanno usando la loro religione e le scuole indiane cosiddette residenziali per realizzare questa conquista e per altri crimini che si adattano alla definizione di genocidio secondo il diritto internazionale.

I querelanti affermano inoltre che questi crimini hanno causato la morte di almeno 50.000 bambini solamente nelle scuole residenziali e molte centinaia di migliaia di altri popoli indigeni e la loro prole.

I querelanti affermano inoltre che questi crimini continuano fino ai giorni nostri e hanno come obiettivo deliberato lo sterminio delle famiglie indigene, i bambini e le comunità terrestri in tutto il Canada e che questi crimini siano aiutati e sostenuti dai funzionari della Corona e di imprese private, così come i media, i funzionari della chiesa, la RCMP, i tribunali, gli operatori del diritto e i loro agenti.

I querelanti affermano inoltre che il piano di eradicazione della Famiglia di nativi coinvolge il traffico di bambini, la pedofilia, le reti di schiavitù, l’omicidio di donne e di bambini indigeni, la pornografia.

I querelanti affermano inoltre che gli imputati stanno attivamente nascondendo questi crimini e la loro complicità in essi attraverso un’intensa campagna di falsificazione storica, disinformazione, menzogne, distruzione di prove e di testimoni oculari, ostruzione della giustizia e altri metodi di dissimulazione e frode.

L’attore Kevin Annett sostiene inoltre che gli imputati sono consapevolmente e con intenti malevoli entrati in una cospirazione criminale in corso per assalire e distruggere intenzionalmente il suo sostentamento, la sua occupazione professionale, il buon nome e la famiglia, al fine di nascondere le prove di tutti questi crimini e in particolare del furto, della frode pubblica e della loro collusione in genocidio, stupro e omicidio di generazioni di bambini indigeni in tutto il Canada nelle loro scuole indiane cosiddette residenziali e negli ospedali indiani.

Nel nostro secondo caso, quello del Popolo contro il governo del Canada e i suoi funzionari, la Chiesa Cattolica Romana e i suoi funzionari, la Chiesa anglicana del Canada e i suoi funzionari, la Chiesa Unita del Canada e i suoi funzionari.

I querelanti sostengono che il governo e le chiese nominate del Canada stanno deliberatamente ostacolando e sovvertendo la giustizia, frodando il pubblico e nascondendo i loro crimini contro l’umanità attraverso l’indizione di un indagine auto-regolata, indagine ristretta a scuole residenziali indiane denominato “Commissione verità e riconciliazione” che non ha né il mandato né il potere legale di condurre un’indagine competente con efficacia giuridica.

I coerenti affermano inoltre che tali organizzazioni citate e le persone coinvolte hanno volutamente dissimulato, distrutto e sovvertito le prove dei loro crimini in queste scuole, mettendo a tacere testimoni oculari, negando la fondatezza del processo e le libertà civili

Nel nostro terzo caso, in materia del Popolo contro la Corona d’Inghilterra, la Società New England, la Chiesa anglicana del Canada, il governo del Canada, e la Confederazione delle Sei Nazioni e i suoi funzionari.

I querelanti sostengono che gli imputati sono responsabili dello sterminio pianificato di generazioni di bambini indigeni presso la scuola residenziale indiana Mohawk a Brantford, Ontario e per l’occultamento deliberato e continuo, la distruzione di prove, la documentazione, la sepoltura di resti umani in questa scuola e altrove.

I querelanti affermano inoltre che tali soggetti hanno attivamente cospirato e progettato modi per distruggere la nazione Mohawk nella sua interezza attraverso il mezzo della stessa scuola indiana Mohawk per mezzo di un accordo formale sottoscritto tra le parti nel 1870.

Nel caso del Popolo e Victoria Stewart contro La Chiesa Unita del Canada e dei suoi funzionari, la RCMP e i suoi funzionari, la Tenuta di Ann Knizky, il governo del Canada e dei suoi funzionari.

I querelanti sostengono che gli imputati hanno ucciso e sono complici nell’uccisione di Victoria Stewart, 9 anni, presso la scuola residenziale indiana a Edmonton, Alberta, il 9 aprile 1958.

I querelanti affermano inoltre che gli imputati hanno nascosto questo omicidio falsificando documenti, eliminando gli organi del corpo del defunto, obbligato al silenzio i testimoni oculari con l’uccisione e l’emissione di un account falso e fraudolento della sua morte e che questo occultamento e ostruzione della giustizia continua.

E nel quinto caso del Popolo contro il Vaticano ei suoi amministratori delegati.

I querelanti sostengono che gli imputati fanno parte di una deliberata cospirazione internazionale criminale volta a permettere lo stupro di minori, la tortura e il traffico all’interno della Chiesa cattolica romana, con sfruttamento della loro posizione per proteggere e mantenere tali crimini.

I querelanti affermano inoltre che gli imputati hanno attivamente ostacolato la giustizia in Italia e all’estero in base alla legge canonica politica vaticana noto come Crimen Sollicitationis, che è vincolante per tutti i membri del clero cattolico e che li costringe ad impegnarsi nella stessa cospirazione criminale tutelando e aiutando stupratori di bambini all’interno della chiesa cattolica e nascondendo questi criminali dalla polizia e delle autorità giudiziarie.

Le prove per quanto riguarda questi casi cinque saranno presentati dall’Ufficio del nostro Procuratore il 1 ° ottobre, in assenza di una audizione preliminare per l’acquisizione di prove. Tali elementi saranno pubblicati e disponibili on line nel corso del processo, oltre ad essere presentati ai 58 cittadini giurati che saranno incaricati di rendere un verdetto finale. Il mondo in effetti sarà in aula per ascoltare e prendere in considerazione questa prova di alcuni dei peggiori crimini contro l’umanità nella storia e per farsi un idea su ciò che deve essere fatto per porre fine per sempre al regno del terrore in mezzo a noi.

Nel frattempo, si prega di leggere il contesto in cui questi casi e alcuni degli elementi di prova vengono presentati nel sito www.hiddennolonger.com .

Anche in questo caso, è possibile seguire il progresso della nostra corte su www.itccs.org. La nostra prossima trasmissione avverrà il 2 ottobre 2012. Grazie e possiamo concludere dicendo: Lasciate che sia fatta giustizia anche se il cielo potrebbe cadere.

Autore: Domenico Proietti su Stampa Libera.

Tratto da: 2012 thebigpicture.wordpress.com

Tradotto da: lospecchiodelpensiero.wordpress.com

Postato da: Belli Corrado  Tratto da: mentereale.com   Kevin-Annett1-300x300.jpg

Commenta il post

Marino 09/16/2012 11:57


Signora Kevin mi sa che lei è pazza,pensi piuttosto ai crimini musulmani.