Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

TABELLA H: LA VERGOGNA DI CROCETTA, 25 MILIONI DI EURO DI PRIVILEGI

Pubblicato su 5 Maggio 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

Altro " nuovo " che avanza, qualche giorno fa lo dicevamo di De Magistris oggi di Crocetta. Cambiano i suonatori ma la musica rimane la stessa. Se non ci infila nella capa che la politica deve essere una funzione di servizio alla collettività non cambierà mai nulla: tutto resterà immutabile, iniquo, scandaloso. Claudio Marconi

3257843479.jpg

È una vera e propria vergogna, alla beffa di tutti i proclami, la tabella H vale 25 milioni di euro privilegi, di somme garantite senza un bando né un concorso a enti più o meno vicini ai parlamentari.

Il paladino Crocetta non si è opposto, o se lo ha fatto nessuno lo ha notato. Come farà il presidente a spiegare questa maxi operazione di privilegi e garanzie baronali? Non rappresenta la continuità di altri presidenti?

Se questa è la nuova classe dirigente allora il cittadino è proprio fregato!

136 voci, 136 enti che hanno fatto discutere e litigare tutti i parlamentari, per essi si sono battuti fino allo stremo delle forze, cosa che ci aspettavamo per tutti i provvedimenti di carattere sociale.

Mentre a Roma si discute, Sagunto cade. Un detto che possiamo rapportare al popolo siciliano in questo caso: mentre Palermo protegge e litiga per i privilegi, il popolo muore.

Che destino crudele per i Popoli, a tutti i livelli! Poi ci si fa meraviglia per la disaffezione alla politica. Ma che bel rinnovamento. La mannaia è caduta su tutto, quasi il 50%: cultura, università e impresa.

"Cancelleremo la famigerata e indegna tabella H (in basso l'elenco pdf), l'elenco di associazione di ogni genere che ricevono contributi, soldi pubblici, a pioggia, feudo della vecchia politica clientelare" queste le parole del governatore a cui tutti abbiamo creduto. Nemmeno il taglio dell'1%.

Alla faccia della rivoluzione! Caro Presidente, le faccio un sorriso amaro, un sorriso di chi riporta la grande delusione anche negli occhi.

Le vostre azioni sono quelle che creano i Preiti, persone che si rendono conto di essere intrappolate in un sistema senza possibilità di uscita, senza possibilità di futuro. Persone che hanno un'impresa e che aspettano a tempo indeterminato il loro compenso, mentre Voi trovate subito l'accordo per spartirvi 25 milioni di euro. È inutile girarci intorno, aborro la violenza, ma cosa deve fare il cittadino quando è bistrattato, preso in giro, intrappolato e soprattutto inascoltato per i propri bisogni?

Ma andiamo a vedere qualche nome di queste benedizioni della tabella H:  L'Istituto del Papiro, L'Associazione per l'Arte di Alcamo, L'Accademia degli zelanti e dei dafnici. Tra gli enti figurano anche quelli che fanno riferimento a un ex assessore di Crocetta: il Centro "Ettore Maiorana" di Antonino Zichichi e la "Fiumara d'Arte" di Antonio Presti, persona che Crocetta aveva chiamato nella sua squadra di governo. Poi abbiamo il Coppem, al Pompeo Colajanni, il Carrefour, l'Istituto Gramsci, il museo d'arte moderna di Bagheria, il centro Pier Paolo Pasolini, l'Arces, il museo Mandralisca, il Pio La Torre e la Fondazione Buttitta, la Fondazione Federico II, bande musicali e per l'autodromo di Pergusa e potremmo continuare all'infinito.

Promesse elettorali di vecchia generazione altro che rivoluzione, non è proprio iniziata…

Art.-54-finanziaria-con-annessa-tabella-H.pdf

Fonte: percorsisiciliani.myblog.it

Commenta il post

Domenica 05/05/2013 18:57


E' giusto precisare che il contributo è elargito all'Associazione Fiumara
d'Arte e non al Sig. Antonio Presti. Il quale Sig. Antonio Presti, rispetto al contributo che viene riconosciuto ogni anno per Legge (e sottolineo per Legge, perchè la Fiumara d'Arte è stata
riconosciuta come patrimonio della Regione con Legge regionale 6/06) sovvenziona con risorse personali che superano lo stesso contributo pur di mettere in atto percorsi educativi e veramente
culturali per i bambini delle aree disagiate della stessa Fiumara e per Librino. Purtroppo, malgrado la Legge che riconosce specificamente "Fiumara d'Arte" (cosa che pochissime altre istituzione
della Tabella possono vantare), questa politica balorda ha scaraventato "Fiumara d'Arte" nella bolgia fangosa di questa famosa TABELLA H. Ricordo agli "ignoranti" (nel senso che "ignorano"
incluso chi ha scritto questo articolo) che "Fiumara d'Arte" è il parco monumentale d'arte contemporanea più grande d'Europa; che ogni anno richiama più di 20.000 visitatori da tutto il mondo!!!
Finiamola di sparare fango anche su una delle pochissime realtà che ci qualificano e ci fanno conoscere ed apprezzare internazionalmente.