Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

SQUALLIDA REPUBBLICA

Pubblicato su 25 Ottobre 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in IDEE e CONTRIBUTI

Monti: “ Chi verrà dopo di me a palazzo Chigi dovrà muoversi all’interno delle politiche decise dall’Unione Europea”

Idem la macchietta di presidente della repubblica bananiera italiota,dopo l'avvertimento mafioso ai media di parlar bene dell'Europa e di Monti :"Oggi il rigore é una necessità....serve a raggiungere il risultato finale di stabilità e crescita, di prosperità e benessere dei nostri popoli."
...

E si vede...!!!!
Poi la faccia da rettile bilderberg Van Rumpoy "abbattere il tabù della sovranità"
Infine c’è sempre il servo più squallido, Casini che sostiene: …”per me dopo Monti ,c’è Monti "

Se gli italiani ancora non hanno capito,qualunque governo in carica dal prossimo anno dovrà muoversi all'interno delle regole e delle politiche decise nell'ambito dell'Unione europea che sono e restano vincolanti per tutti.
A che servirà mai andare a votare....! lo capiscono o no gli italiani che non vale una cazzo il voto,che non cambierà nulla chiunque vinca?
Patetica l'alleanza probabile vincitrice elettorale della pseudosinistra Pd-Vendola....quest'ultimo a parole contro il fiscal compact e antieuropeista,l'altro che l'ha votato ed europeista.....ma come fate a credere a questi cazzoni...!
Non parliamo degli altri....!

Per non farci poi mancar nulla,siamo una base Usa e un cortile per i giochi militari altrui...ricordate Ustica?....i più solerti sguatteri della Nato,sempre pronti a bombardare,da destra e da sinistra....mentre squallidi media ci rintronano con le cazzate di Renzi e Bersani...ora con Berlusconi a riposo,apriti cielo..! andranno avanti per settimane a rompere i coglioni,mentre il duo di ascari Monti-Napolitano,non fa che dirci che la sovranità nazionale non serve....
Votate,votate,votate.......!
Paolo Tinti   popolo%20sovrano
Commenta il post

Anna Orsa 10/26/2012 11:22


Il governo è disponibile ad accogliere gli emendamenti dei vari partiti sulla cosiddetta “legge di stabilità”, ovvero sulla rituale stangata di fine anno. Quel che
conta, per Monti e soci, è che il saldo finale di tredici miliardi di euro non venga modificato.
Prendeteli da dove volete, ma dateceli. Ecco il sunto emblematico di un governo per il quale l’economia del paese non ha alcuna importanza.


Che si tagli la sanità, oppure la scuola, o che si vendano i beni pubblici, che si tassi la prima casa o la seconda, che si riducano i soldi ai comuni o che si taglino i
servizi, non fa differenza.
Dateci i soldi alla scadenza che abbiamo fissato, il resto non ci riguarda. Ecco il diktat.
Assediando Roma, Alarico disse sicuramente qualcosa di simile, sedici secoli fa. Togliamo l’assedio se ci date tot libbre d’oro e di argento. Arrangiatevi, prendeteli dove vi pare, a me interessa
il saldo finale.
In effetti l’interesse del governo per il futuro economico del paese è assai simile, per non dire identico, a quello di un condottiero barbaro. Con la differenza che i barbari dopo aver
saccheggiato almeno se ne andavano, mentre Monti e soci sembrano decisi a piazzare le loro tende programmatiche attraverso gli obblighi del fiscal compact, che ci condannano a pagare 70 miliardi
all’anno per almeno vent’anni.
Su questo anche il condottiero Monti è stato molto chiaro: chiunque governi, non potrà esimersi dal pagare il riscatto. Che è un po’ come se Alarico avesse detto: io adesso vado a farmi un giro
ma chiunque rimanga al mio posto voi tirare fuori ogni anno tot libbre d’oro e di argento.
Altrimenti? Eh già, perchè non si parla mai di che cosa succede se non ci pieghiamo al ricatto? Perchè tutti fanno finta di non sapere che è anche possibile rimandare al mittente l’intimidazione,
insieme ad un fragoroso pernacchio?
Diciamo la verità. Non è meglio cercare di prendere a calci nel culo il grande Alarico e quelli che l’han mandato?
Se non ci riusciamo, i barbari non potranno comunque prenderci più di quel che stiamo già pagando. Ma se invece ci riusciamo, ci aggiudicheremo il diritto di tornare a guardare al futuro senza
paura.

frontediliberazionedaibanchieri 10/26/2012 12:16


Hai colto nel segno. Dobbiamo dire chiaro e tondo che gli interessi non li paghiamo e sul debito ne parliamo, come ha fatto l'Argentina. Ma per fare questo ci vogliono Uomini e non tecnocrati
camerieri. Claudio Marconi