Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

SOVRANITA' MONETARIA PER LIBERARCI DALLA SCHIAVITU' DELL'EURO-USURA

Pubblicato su 22 Aprile 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in MONETA -BANCHE - VARIE

Nel 1981 lo stato Italiano ha rinunciato alla propria sovranita’ monetaria. Con la privatizzazione della Banca d’Italia divenuta s.p.a, l’Italia ha posto al vertice dellemissione e del controllo della moneta una banca partecipata per il 97% da soggetti privati.

 

432215 286808828059416 145336488873318 732411 193507306 n

 

Con la successiva adesione all’euro si ecompletata la manovradi sudditanza economica, politica e monetaria dettatadalla Unione Europea e dalla Banca Centrale Europea, istituto di emissione monetaria di proprieta’ di banche private, tra cui Bankitalia s.p.a.

Lo stato Italianoacquista denaro a debito dalla BCE ed in cambio cede titoli di stato ad interessi altissimi. Nel 2012. la BCE ha concesso ingenti somme di denaro alle banche private al tasso del 1% esclusivamente per acquistare titoli di stato italiani che hanno reso svariati miliardi di interessi alla BCE e al sistema bancario privato. Il debito pubblico italiano, a seguito di questa criminale manovra speculativa, elievitato a circa 2020 miliardi di euro. Il 90% di questo debito ecostituito da interessi passivi. E’ sorprendente come possano introitare gli utili della BCE anche la Gran Bretagna e la Svezia che non fanno parte della zona euro.

Con la famosa lettera di Draghi dellestate 2011,all’Italia e’ stato imposto un piano di stabilita’ per rientrare nei parametri imposti dalla UE. Il famigerato fiscal compact, posto in costituzione con lassenso di tutte le parti politiche ed entrato in vigore dal 1 gennaio 2013 con durata fino al 31 dicembre 2023, imponeall’Italia il rientro annuo di 48,5 miliardi di euro. Il totale degli interessi sul debito pubblico nazionale, pari al 90% ammonta a circa 1819 miliardi. Ogni anno dobbiamo emettere nuovititoli di stato per far fronte ai 975 miliardi di interessi annui da saldare a chi ha acquistato i nostri titoli di stato. Le nazioni che hanno acquistato i nostri titoli di stato hanno fatto  un grande affare. La Germania in particolare earricchita con i nostri interessi ed ha preteso a garanzia, parte delle nostre riserve auree. La Germania ha messo in un angolo il maggior concorrente commerciale, l’Italia. Con la banca pubblica FKW, la Germania finanzia i propri cittadini e le imprese.In Italiala stessa funzione dovrebbe averla la Cassa Depositi e Prestiti, istituto di credito apparentemente pubblico, ma controllato dal Partito Democratico, il presidente e’ Bassanini e il MPS e’ uno dei maggiori azionisti con la propria fondazione.

Molte voci si levano, auspicando l’uscita salvifera, dell’Italia dalla zona euro. Non e’ sufficiente invocare la sovranitamonetaria tout court.

Una Nazionee’ sovrana, quando pone al vertice lo Stato nazione, non una banca, pubblica o privata che sia.

La sovranitamonetaria deve intendersi come possibilita’ dellintroduzione della FIAT MONEY” dove il valore del denaro e’ regolato dal governo e non dalla banca di emissione.

La moneta eemessaa credito e non a debito e rappresenta il bene comune di una Nazione

LA MONETA DEVE ESSERE L’UNITA’ DI MISURA DELLOPEROSITA

Molti economisti, allineati con il pensiero dominante della usuro-crazia, utilizzano larma del

terrore, facendofronte contro la prospettiva dell’uscita dell’Italia dall'euro, ipotizzando una drastica svalutazione della nuovaLira. La svalutazione dovrebbe essere contenuta attornoal 20%. Teniamo presente che il Giappone e gli USA, infischiandosene dei loro astronomici debiti pubblici, emettono quotidianamente enormi quantita’ di valuta nazionale. Le loro monete si svalutano, ma sono bilanciate dalle esportazioni dei loro prodotti estremamente concorrenziali rispetto a quelli prodotti dai pigs” della zona mediterranea dell’euro.I maialini” sono tenuti in vita per essere ingrassati con prestiti usurai per poi essere divorati dagli avvoltoi del Nord Europa.

Solo una grande circolazione monetaria consentira' allo stato la possibilita’ di esprimere la produttivitainvestendo in infrastrutture, opere pubbliche e di consolidamento idrogeologico del territorio e degli edifici pubblici. Il 90% delle scuole pubbliche sono decrepite ed a rischio di crollo. Lacircolazione monetaria a credito, favorisce lo sviluppo dello stato sociale e libera la creativita’ deicittadini, mettendo a disposizionedi tutti le proprie risorse.

Stefano Trentin 21 aprile 2013

Commenta il post