Blog di frontediliberazionedaibanchieri

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

SIAMO CON I MINATORI SPAGNOLI CONTRO LE OLIGARCHIE DI POTERE

Pubblicato su 12 Luglio 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in IPHARRA

“El pueblo unido jamas serà vencido” - Ogni tentativo di disinformazione che il sistema utilizza a disunire il popolo deve essere fermato.
Siamo tutti minatori delle Asturie in questo momento, pensate alle cause scatenanti della rivolta: L'Iva aumentata di 3 punti al 21%, l'eliminazione della tredicesima per i dipendenti pubblici e diminuzione dei giorni liberi, la chiusura delle miniere di carbon...e, la riduzione del sussidio di disoccupazione, i tagli al sistema pensionistico.Questa la "cura" imposta agli spagnoli da Mariano Rajoy, ma la cura che ogni giorno ci impongono non è molto simile? Inutile far girare immagini delle violenze per tentare di reprimere o arginare il fenomeno.Quello che conta è il principio.Passata la mezzanotte di un martedì estivo come tanti, una colonna nera di oltre 200 minatori asturiani è giunta alla capitale, ad aspettarli, con grande sorpresa, migliaia di persone che nonostante l’ora sono rimaste in strada in segno di solidarietà e rispetto. Il centro di Madrid, scenario privilegiato delle proteste degli ultimi anni, è tornato a pulsare: applausi, grida di sostegno e tanto calore umano nei confronti di una lotta che sta infiammando il nord della Spagna. Che il cuore della nostra Antica Roma riprenda a pulsare perchè "Lo slancio vitale del popolo italiano non fu e non sarà mai fermato!".
Tratto da facebook  untitled-copia-1.png
Commenta il post
Condividi questa pagina Facebook Twitter Google+ Pinterest
Segui questo blog