Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

SI AL RIACQUISTO DELLA SOVRANITA' MONETARIA

Pubblicato su 2 Aprile 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in MONETA -BANCHE - VARIE

Sostanzialmente condividiamo l'articolo con due eccezzioni: la prima è che quando siamo entrati nell'euro non avevamo una moneta sovrana, ma una moneta emessa da Banca d'Italia che è privata; la moneta sovrana per noi è quella emessa dallo Stato come è stato dal 1874 al 1975. la seconda è il consiglio di leggere Il Fatto Quotidiano: bè, lasciamo perdere perchè potremmo essere offensivi. Claudio Marconi
sovranit_monetaria.jpg
In Italia la crisi politica continua. Le elezioni del febbraio scorso hanno prodotto un piccolo terremoto nelle istituzioni italiane e anche in quelle europee, terremoto che ancora non si è arrestato. La situazione non è per niente rosea. Nonostante ciò, una cosa mi sembra molto, molto strana: il fatto che lo spread continua a essere 'ragionevole'. Come mai? Non dovrebbe salire alle stelle, data la situazione politica italiana?
Lo abbiamo visto in molte occasioni: non appena l'Italia traballava per qualche scandalo, ecco che lo spread faceva da termometro di questa instabilità. Tutti abbiamo imparato a conoscerlo con questa funzione..

Invece in questo periodo, che dovrebbe essere ben registrato dallo spread con un suo aumento a vette spaventose, vediamo che lo spread non sale, ma anzi, inspiegabilmente discende (e questo, dunque, indica che la fiducia nel nostro paese i n s p i e g a b i l m e n t e aumenta, malgrado la grave crisi!!!).

Ma è veramente inspiegabile ciò? Io direi di no. Sappiamo tutti che la bomba a 5 stelle ha sconvolto i piani dei politici italiani ed europei. E' un fenomeno di portata epocale che rischia di innescare un processo a catena negli altri paesi europei, facendo emergere la possibilità di un rovesciamento delle ormai instabilissime basi dell'Unione Europea.
Ecco. Il punto è proprio questo: lo spread basso di questo periodo è in sostanza un meccanismo messo in atto dall'alta finanza per contenere il fenomeno 5 stelle: se lo spread aumentasse, aumenterebbe la credibilità del Movimento (cioè aumenterebbero i voti in suo favore). E questo è uno dei grandi spauracchi da evitare. L'alta finanza è intrinsecamente connessa con la gli alti vertici della politica, anzi, le due cose fanno un tutt'uno in modo indissolubile. Entrambi non vogliono che l'ordine precostituito si rovesci. Sono i reazionari e i conservatori che non vogliono il cambiamento, perché stanno bene così. Arginano poi i fenomeni di rivolta e di scontento con tecniche raffinate, con un astuto controllo dell'informazione, con la compravendita di favori e con imbarazzanti compromessi sconosciuti ai più. Loro non subiscono minimamente la crisi: quello che sentono è la volontà però di fare in modo che questa crisi giri come sempre a loro favore. Loro hanno il controllo del sistema, e tramite questo controllo si permettono di gestire la crisi in modo da ottenere comunque un tornaconto personale.
Purtroppo noi facciamo parte di questo sistema da quando abbiamo deciso di cedere un diritto a mio avviso fondamentale di uno stato: abbiamo ceduto la nostra sovranità monetaria, l'abbiamo venduta ai nuovi invasori moderni, quelli che (per ora) non fanno guerre con le armi, ma solo con il denaro e con un'accurata strategia economica. Abbiamo fatto il grossissimo e assurdo errore di cedere la sovranità monetaria, di farci invadere dall'euro.
Ma andiamo più nel particolare: senza una qualsivoglia consultazione popolare per una questione tanto importante, il governo italiano di allora scelse di abolire la lira, moneta debole del continente al pari della peseta e della dracma, in favore dell'euro. L'euro fu però il risultato della media delle valute nazionali che lo assunsero: il marco tedesco era la moneta più forte, la lira (come abbiamo detto) una delle monete più deboli. La media ha fatto sì che il marco, che valeva 100, con l'euro (che vale 75, in base appunto al calcolo della media delle valute che passano all'euro) si trovasse nella condizione di svalutare la propria moneta: ciò ha reso la Germania (già forte di un'economia di gran lunga molto più solida della nostra) il paese più competitivo in assoluto nel sistema euro e uno dei più forti nel mondo. Infatti, come stiamo vedendo tutti, è l'unico paese che, per ora, non avverte la crisi, o la avverte solo in parte perché in netta minoranza rispetto ai paesi europei che invece dalla crisi sono spolpati vivi (in un sistema il marcio prima o poi contamina anche il sano...). La lira italiana invece valeva 50: se l'euro, risultato dalla media delle valute, vale 75, ci accorgiamo subito come l'Italia (al pari della Spagna e della Grecia) sia partita subito notevolmente svantaggiata rispetto alla Germania. Infatti le statistiche e i dati matematici dimostrano che, non appena l'Italia è entrata nell'euro, la sua economia, dopo un breve periodo di stagnazione, è caduta nella spirale terribile della recessione, e lo stesso vale per quei paesi che avevano una moneta di valore inferiore a quella dell'euro (appunto, Spagna, Portogallo, Grecia, Irlanda).
Ci accorgiamo così che il sistema euro è stato un altro meccanismo messo in atto dalle nazioni monetariamente ed economicamente "forti", in primis la Germania, per attuare un piano di "invasione" e di dominio economico sugli stati monetariamente ed economicamente "forti": in pratica, noi poveracci Italiani abbiamo detto coglionescamente sì affinché venissimo spolpati vivi, cosa che oggi si è acuita vistosamente. 
Con le politiche di austerità, e le mostruose balle della necessità di contenere le spese e aumentare le tasse, ci hanno indotto più velocemente a quello che miravano: ovvero l' i m p o v e r i m e n t o di tutti gli Italiani (e con noi i Greci, gli Spagnoli ecc...). Noi dobbiamo diventare poveri, secondo i loschi piani degli alti vertici della politica e della finanza europea, per diventare un paese del terzo mondo, con un settore industriale pressoché inesistente, e un grande mercato di forza-lavoro a basso bassissimo prezzo disposta a essere sfruttata dalle nazioni "forti". Ecco la verità. 
Tant'è che molti imprenditori si suicidano, moltissime aziende e attività chiudono e moltissimi giovani emigrano all'estero come fecero i nostri nonni. Per non parlare del nostro inesistente peso a livello di politica estera: il peso inesistente in questo campo riflette il nostro peso inesistente in campo economico. Dunque l'Italia è diventato in effetti un paese del terzo mondo.
Chi non si accorge di tutto ciò - scusate la franchezza - o è perché vive in un mondo ovattato, o  è perchè non si informa a dovere (e per una situazione terribile come quella contemporanea, con ben due generazioni di giovani, tra cui la mia, letteralmente rovinate e senza futuro). Invito tutti pertanto a informarsi su internet, su siti di informazione alternativa e di contro informazione, e mi permetto di dare un consiglio: non vi fidate delle grosse testate giornalistiche e dei grossi giornali (RepubblicaCorriere della seraecc...): sono tutti assolutamente asserviti al potere e le loro informazioni sono a dir poco vendute. Al limite, mi sento di consigliarvi di leggere Il Fatto Quotidianoche è l'unico giornale a non prendere contributi statali, e che dunque pare il giornale un po' più estraneo ai giochi di potere e dunque più "affidabile". 
Ma l'importante è avere sempre un occhio critico e leggere più fonti possibili, non farsi bastare le quattro cazzate sparate dagli pseudogiornalisti dei tg.
Fonte: culturainformazione.blogspot.it
Commenta il post

Nicolle 04/02/2013 23:46


Ciao. Sono l'autrice del post. Vorrei rispondere alle tue due ECCEZIONI (si scrive così!!):


1) la Banca d'Italia è stato ed è tuttora un ente privato, ma il suo governatore è eletto e scelto dal Governo. Quindi indirettamente il Governo controllava la stessa Banca d'Italia, che a sua
volta adottava politiche monetarie in linea con gli obiettivi che il Governo intendeva perseguire.


2) non ho mai detto che Il fatto Quotidiano sia il miglior giornale in circolazione. Dico solo che la sua indipendenza economica lo rende più indipendente, rispetto agli altri giornali, dai
partiti politici.


Nicolle Lopomo