Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

SCIE CHIMICHE ED ELEZIONI

Pubblicato su 14 Febbraio 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

La favola che il sistema si combatte meglio dall'interno è una colossale fregnaccia inventata da chi, strutturalmente, è già predisposto alla resa. Claudio Marconi

 

simboli-liste-elezioni-e1358153656732.jpg

Le elezioni politiche sono ormai imminenti ed i candidati, alla ricerca disperata di qualche voto, non potendo vendersi l’anima al diavolo, poiché non l’hanno, non esitano a ricorrere ai più biechi stratagemmi. Tra la generale sorpresa Bebbe Grillo ed un esponente torinese del “Movimento cinque stalle” hanno teso l’amo, sperando che qualche elettore abbocchi. Il ducetto ha ammesso tra i denti, al cospetto del suo entourage, che il problema delle cosiddette “scie chimiche” dovrà comunque prima o poi essere affrontato, una volta in cui il drappello dei Grillini si sarà accampato nel Parlamento. 

 

Il consigliere comunale torinese, tale Vittorio Bertola, ha dato conto di una petizione cittadina in ordine allo spinoso tema. In un suo balordo commento, intitolato “Scie chimiche e balle cosmiche” (sic), prova a barcamenarsi, prendendo, con malcelato disgusto le distanze da chi ha osato avanzare l’istanza e soprattutto da quanti hanno ardito attribuire al suo partito la balzana iniziativa.

 

E’ ovvio che, di fronte all’impellente esigenza di strappare o carpire il consenso, la setta di Casaleggio, si sta giocando la carta di una pur distratta attenzione al problema della geoingegneria clandestina. Sono tutte bieche manovre elettorali, maldestri tentativi di accaparrarsi i voti degli indecisi. Sono polpette avvelenate.

 

Non lasciamoci abbindolare! Dopo che simpatizzanti e rappresentanti del “Movimento cinque stalle” sono stati sollecitati centinaia di volte ad occuparsi del problema par excellence, si svegliano dal loro profondo letargo solo ora. [1] E’ vergognoso ma soprattutto sospetto. I furbi sanno che una parte dell’elettorato al corrente delle operazioni di avvelenamento globale, potrebbe cadere nella trappola e risolversi ad apporre una croce sull’obbrobrioso simbolo. 

 

Naturalmente, come sempre avviene, dopo che i maneggioni avranno collocato il loro augusto deretano sui tanto agognati scranni, passerà tutto in cavalleria. Il verdetto delle urne è vicino e questo spiega la timida ed ambigua apertura su un argomento tanto scabroso che, se affrontato con serietà ed onestà, potrebbe sovvertire una consolidata ed infame struttura di potere.

 

Non illudiamoci: “gli incapaci, capaci di tutto” saranno assimilati dal sistema nell’arco di pochi mesi, se già non pensano solo al loro tornaconto. Camera e Senato sono come la reggia di Versailles dove Luigi XIV confinò i nobili. Il re Sole costruì per gli aristocratici una prigione dorata, assicurandosi che non avrebbero più interferito sulle sue decisioni, ormai privati di ogni residuo potere. I burattini si incolleranno alle loro poltrone, usufruendo di colossali privilegi, ma dovranno sottostare alla volontà dei padroni del vapore. Costoro non tollerano, non possono tollerare che anche una sola virgola dell’agenda mondialista sia cambiata. [2]

 

La messa in guardia dal votare il Movimento di Casa… loggia non significa appoggiare qualche altra formazione o candidato. La compagnia di istrioni può solo suscitare amara ilarità: dal profeta pezzente che si crede un economista a quell’altro che passa il tempo a pettinare le bambole, dallo gnomo di plastica all’automa anchilosato, dal giudice stracco al pretino azzimato, dalla buftalmica trasteverina al pirata Barbanera, dal suonatore suonato al tribuno molisano… sfidiamo chicchessia a trovare qualche concorrente appena presentabile. E’ una masnada di arrampicatori sociali, di corrotti, di falliti, di ambiziosi, di parassiti… la cui semplice esistenza è un insulto all’umanità, all’etica ed al decoro.

 

Qualcuno sostiene che si debba dar tempo al tempo: si invoca la “politica dei piccoli passi”, dimenticando che, dietro questa dicitura, si nascondono l’inerzia e l’ignavia degli amministratori, ma soprattutto le loro strategie dilatorie a base di promesse e di compromessi. E’ vero che ogni cinquanta Danaidi si trova un’Ipermestra e così non intendiamo generalizzare. Agisce ancora un gruppuscolo di politici probi, ma sono mosche bianche che poco o nulla possono contro gli apparati. Dopo un po’ di tempo, l’azione si sfalda, si annacqua, fino a quando le assicurazioni pre-elettrorali rivolte ai cittadini si impantanano nella burocrazia. Insomma, si dovrebbe avere il coraggio e l’integrità di introdurre in un programma serio la voce “Abolizione del signoraggio bancario ed azzeramento delle spese militari, incluse quelle destinate alla geoingegneria”. Questa voce, però, non sarà mai inserita, poiché il “Movimento cinque stalle” è una costola dell’establishment mondialista, sebbene si presenti come una formazione democratica ed anti-sistema.

 

E’ sempre valido l’insegnamento di Giordano Bruno: "Che mortificazione chiedere a chi ha i poteri di riformare il potere, che ingenuità!”

 

[1] Tra l'altro i meet up di Grillo sono infestati da negazionisti che hanno sempre isultato e boicottato i ricercatori indipendenti. Il loro modus operandi non è cambiato.

 

[2] Quasi nessuno intende sciogliere il nodo di Gordio: la sistematica distruzione del pianeta con tutti i suoi biomi e le sue culture. E’ un problema abnorme che si associa alla recessione economica, non meno preoccupante, perché pilotata.

 

Fonte: freeondarevolution. Blogspot.it

Commenta il post

nat 02/15/2013 03:07


siete sempre pronti a demolire tutto e tutti, avvertire sei sospetti pericoli e problemi, ma mai egualmente pronti a dare soluzioni!!!! Adesso contro il Movimento 5 STELLE, ci diti non votatelo,e
allora a chi consigliate dare il voto? Bersani. Monti, Berlusconi, Vendola, Ingroia o come cavolo si chiama? In Sicilia per la prima volta i grillini si son abbassati i propi stipendi da 20.000 €
a 2,500 € al mese restituenso il resto alla regione come hann oanche rstituito i rimborsi elettorali, e allora di cosa parliemo qui, hanno fatto lo stesso gli pertiti? No, anzi hanno detti che da
sciocchi abbassersi ilo stipendio e dare indietro i rimborsi  ...... quinsi qui vogliamo fatti no parole per criticar echi fa con i fatti cioche dice ...... siete incredibilmente insensati
.... fatevolo dire .... problemi a piu non posso, soluzioni mai .... fate parte delle cause sei prob;emi di questo paese  massacrato chiamato ITALIA .... vergognatevi

frontediliberazionedaibanchieri 02/15/2013 16:28



Noi non ci dobbiamo vergognare di nulla: esprimiamo solamente le nostre idee. Il problema non si risove abbassandosi gli stipendi, cosa ottima, intendiamoci, ma non sufficiente. Il problema si
risolve tornando alla sovranità monetaria, il solo ritorno alla lira, in se per se, non basta: bisogna dire CHI deve essere ad emettere la moneta, e per noi questo deve essere lo Stato. Il
signoraggio è un altro problema " secondario": oggi è devastante perchè lo incassano dei privati,tramite le loro banche, ma se lo incassasse lo Stato non sarebbe così grave in quanto verrebbe
rimesso in circolazione per opere pubbliche e via dicendo. Il reddito di cittadinanza di cui parla Grillo ha un significato con una moneta sovrana, ma se la moneta, lira od euro, continua ad
essere stampata da privati e " vendutaci" a debito, per la quale dobbiamo pagare interessi, è pura utopia. Il debito pubblico, caro sostenitore del M5S, non è stato creato dai politici, almeno
direttamente, ma dal sistema di emissione della moneta, faccio un esempio: se la banca mi da 100 euro io gli debbo restituire i 100 euro più, sempre per esempio, 1 euro di signoraggio più 2 euro
di interessi: il mio debito a fronte di 100 euro ricevuti diventa di 103 euro. Queste cose Grillo le conosce molto bene sia perchè è stato allievo del prof. Auriti e sia perchè alcuni anni fa ne
parlava pubblicamente poi ha smesso: chissà perchè?


Per quanto riguarda chi votare siamo stati molto chiari sulle pagine di questo blog: non andremo a votare.


Quello che vorremmo fare è un movimento di cittadini , alcuni dei quali danno la loro disponibilità a candidarsi, ed i candidati vengono estratti a sorte: altro che parlamentarie. Naturalmente
debbono essere tutti incensurati.


Credo di averti esposto il perchè non ci piace Grillo, ma siamo rispettosi delle idee altrui, pertanto se lo vuoi votare, votalo pure, ma imparate a rispettare anche le idee degli altri, sempre
legittime, sulle quali non ci potrà essere accordo, ma mai vergogna. Claudio Marconi