Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

SARA' A BRUXELLES LA VERA BATTAGLIA PER SALVARE LA COSTITUZIONE

Pubblicato su 5 Agosto 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in IDEE e CONTRIBUTI

 

Berlusconi condannato, governo in bilico: notizie che cadono sul marciapiede come fossero chissà che. Come se davvero – dalle sorti del Cavaliere e da quelle dell’esecutivo Letta – dipendesse qualcosa di importante, per la vita degli italiani. Gli italiani: quelli che, a febbraio, bocciarono in massa il mainstream, la cosiddetta offerta politica dell’establishment: uno su quattro disertò le urne, mentre un altro 25% votò per Grillo. Restavano metà dei voti, e se li divisero i due acerrimi nemici, il Pd e l’uomo di Arcore. A semplificare il copione, chiarendo l’equivoco, provvide il Quirinale. Ed ecco il riluttante Napolitano appena rieletto che “persuade” il Pd a sposare il Pdl, per “larghe intese” in continuità con il governo-horror di Mario Monti, il commissario euro-americano inviato dai padroni della Terra con una missione precisa: mettere l’Italia in ginocchio e consegnare la sua residua sovranità ai poteri occulti che si nascondono dietro sigle straniere come Bce, European Commission, Fmi. 

A dettare le regole – diktat veri, per nuove leggi-capestro – sono soggetti alieni come la potentissima Ert, European Roundtable of Industrialists, e il Napolitano e BerlusconiTransatlantic Business Dialogue, mentre sono i bankster della Jp Morgan Chase a “spiegare” che la vetusta Costituzione italiana, “fondata sul lavoro” e “nata dalla Resistenza antifascista”, con la sua mania di tutelare le libertà democratiche partendo dai diritti dei cittadini-lavoratori, finisce solo col frenare il business e quindi va al più presto cambiata, rimossa, amputata, utilizzando ovviamente la manovalanza locale disponibile, Pd e Pdl. Qualcuno, all’indomani dell’ultima sentenza anti-Berlusca, strilla: impossibile che a mettere mano alla Costituzione sia un pregiudicato per gravi reati. Volendo, la storia dei reati gravi è lunghissima. La madre di tutte le illegalità – il trattato-fantasma di Maastricht, fondamento dell’euro-potere che sta devastando l’Italia – secondo l’ex ministro Giuseppe Guarino costituisce una pericolosa violazione della Costituzione nazionale, nonostante la “legge dell’obbedienza europea” firmata dal super-tecnocrate Antonio La Pergola già alla fine degli anni ’80, quando il pubblico era distratto dalle ultime imprese di Craxi e Forlani.

Il popolo del centrosinistra, quello che ha sprecato vent’anni nella guerra di carta contro il Caimano, ora inonda di proteste il Pd “rinnegato e collaborazionista”, credendo ancora che sia stato il Cavaliere ad affossare l’Italia, e non il bonario Romano Prodi, l’uomo che sorrideva a reti unificate e intanto si preparava alla condanna del paese, quella vera, l’economicidio ricattatorio del debito, lo scalpo dell’allora settima potenza industriale del mondo – troppo vitale e incontrollabile, troppo vicina al petrolio della Libia e al gas della Russia di Putin. Affiora, lentamente, l’enormità dell’irreparabile: il ruolo dei colossi finanziari dietro alle marionette della politica, le drammatiche urgenze degli scenari geopolitici in vista della confrontation con la Cina, la evidente simmetria tra le guerre locali della Nato e la crisieconomica indotta nella quale sta annegando l’Europa, il Alfano e Lettagigante tradito e nanizzato dall’euro.

Finita la recita dell’uomo di Arcore, il mainstream italiano è interamente occupato a presidiare militarmente la scena mascherando il vuoto politico e proponendo il consueto teatro d’ombre, nell’ora delle mezze figure – Letta, Alfano, Renzi – mentre si affacciano in prima serata (come in ogni vero cambio di stagione) nomi poco consueti come quelli di giuristi e costituzionalisti, da Rodotà a Zagrebelsky, a indicare che qualcosa di strano, oscuro e incomprensibile sta probabilmente per accadere. Tutto è pericolosamente immobile, sospeso: legge elettorale, giustizia e riforme costituzionali, la sinistra calamità del presidenzialismo che incombe sull’orizzonte come i tartari del deserto di Buzzati, mentre il paese reale strangolato dalle nuove tasse imposte dall’euro-regime guarda ormai con crescente allarme all’autunno che arriva. Chi scommette sull’alternativa – l’unica possibile: democrazia contro oligarchia – punta tutto sulla sola data decisiva che abbiamo di fronte, le elezioni europee della primavera 2014. Pace e salvezza, equità e giustizia. Cioè lavoro, e quindi spesa pubblica. In una parola: sovranità. E’ a Bruxelles – soltanto lì – che si potrà davvero difendere l’umanesimo della Costituzione italiana, la sua vocazione ad un futuro senza orrori.  

(Giorgio Cattaneo, “Come i tartari del deserto di Buzzati”, da “Megachip” del 4 agosto 2013).

Tratto da: libreidee.org

 

Commenta il post