Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

RIPRENDIAMOCI IL NOSTRO PAESE E IL NOSTRO DESTINO

Pubblicato su 6 Aprile 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in IPHARRA

 

Agire

 

Cosa stiamo aspettando per reagire? Giorno dopo giorno assistiamo alla distruzione del paese. La gente non c'è la fa più a campare, a vivere. Si strilla nei bar poi si corre indossare la divisa per non arrivare in ritardo al turno di lavoro delle multinazionali responsabili della miseria del paese in costante aumento che pagano stipendi insufficienti ad assicurare i beni di prima necessità. La povertà aumenta esponenzialmente, padri di famiglia si suicidano umiliati di non poter provvedere ai bisogni primari dei loro figli e mogli, centinaia di imprese chiudono ogni giorno.

 

 

RIBELLIONE.jpg

 

Magistrale analisi della situazione italiana. Triste e deprimente conclusione, si dovrebbe aspettare che crolli il sistema capitalista.Tutto qui? Questo sistema non crollerà, anzi si sta rafforzando! Le nazioni e i popoli crollano!

 

Non mancano in questo paese bravissimi intellettuali che divulgano tutti gli aspetti dello sfascio organizzato del paese e la vendita del patrimonio della nazione ad interessi privati. Nessuno però sembra in grado di proporre una alternativa seria per riconquistare la sovranità del popolo e della nazione.

 

Vige una auto-commiserazione generale, una gara per sapere chi è più bravo a descrivere una "inevitabile" apocalisse. Ciascuno sul suo piccolo blog con poche centinai di utenti fa il processo di tutto e di tutti, s'indegna, rabbioso quanto impotente, cadendo nella trappola della millenaria strategia della divisione della contestazione per accaparrare ed usurpare il potere.

 

Le soluzioni esistono per uscire dalla morsa della finanza internazionale che sta portando avanti un agenda che punta alla schiavitù del genere umano, alla creazione di una super oligarchia fascista al commando del pianeta.

Grazie all'impulso del mahatma Gandhi, il popolo indiano ha mandato a casa i coloni inglesi con una pacifica non-cooperazione e il boicottaggio quasi un secolo fa. Che fine ha fatto la naturale capacità dell'uomo italiano di insorgere contro l'ingiustizia, di coalizzarsi per raggiungere obbiettivi comuni?

 

Cosa stiamo aspettando per reagire? Giorno dopo giorno assistiamo alla distruzione del paese. La gente non c'è la fa più a campare, a vivere. Si strilla nei bar poi si corre indossare la divisa per non arrivare in ritardo al turno di lavoro delle multinazionali responsabili della miseria del paese in costante aumento che pagano stipendi insufficienti ad assicurare i beni di prima necessità. La povertà aumenta esponenzialmente, padri di famiglia si suicidano umiliati di non poter provvedere ai bisogni primari dei loro figli e mogli, centinaia di imprese chiudono ogni giorno.

La politica e i dirigenti delle istituzioni statali sono organizzati in poteri traversali massonici ed altri che sono la leva con la quale tutto ciò avviene. Tutti corrotti per una fetta della torta Italia che nascondono nei paradisi fiscali. Ci mentono dall'alba al tramonto, tutti lo percepiscono ma li votiamo ancora e ancora.

 

Gli stessi poteri colpevoli della situazione drammatica concepiscono e creano un movimento destinato a canalizzare il malcontento, la contestazione, con l'evidente fine di indirizzarlo in un vicolo cieco e 11 milioni di italiani lo votano. Invece 14 milioni di italiani valutano l'astensionismo come la soluzione migliore.

 

Una guerra silenziosa è in atto. Siamo avvelenati da irrorazioni quotidiane nei cieli del paese e del mondo che inquinano le acque, i suoli, i cibi, mentre società multinazionali dell'alimentazione hanno già brevettato semi resistenti ai veleni sparsi. Siamo costretti a curarci con medicinali che curano per una parte e ci ammalano con l'altra. Siamo resi incapaci di reagire con onde di bassa frequenza diffuse ovunque a larga scala.

 

Ma continuiamo a sperare in un cambiamento dalla stessa politica che ci infligge tutti questi tormenti, continuiamo ad alzarci la mattina per cooperare con i boia del popolo, della nazione, del genere umano. Cosa aspettiamo per reagire! Vogliamo capire che siamo milioni, miliardi e che i tiranni responsabili di questo incubo non possono fare niente se ci fermiamo tutti insieme, se NON COOPERIAMO! Tutte queste caste di oppressori, non producono niente, non creano niente, rubano solamente il frutto del nostro lavoro, spargono disperazione, guerre, ingiustizie, carestie, sprecano le risorse naturali, inquinano gli ecosistemi del pianeta, sono predatori disumani, parassiti, sanguisughe, zecche che succhiano il nostro sangue mentre come gli struzzi ficchiamo la testa nella sabbia.

 

Alla fine, ce lo meritiamo ciò che sta accadendo. Siamo vigliacchi, paurosi, masochisti, non abbiamo fede, ci lasciamo fare di tutto e più siamo trattati male più ci lamentiamo, come i vitelli quando hanno capito cosa gli spetta alla fine del corridoio all'ingresso del mattatoio, troppo tardi!

 

La Soluzione Esiste! Come già detto, tutto ciò che avviene può succedere Solo perché Cooperiamo! Nessuno a parte TE, potrà porre fine al massacro. In un primo tempo, si dovrebbe concedere la guardia dei nostri figli agli anziani, poi tutti gli altri dovrebbero occupare le piazze di tutte le città d'Italia e non muoversi più! Da questo punto, si parli, si rifletta, si decida cosa, quando e come si vuole fare. Intanto la macchina infernale si fermerà perché non può andare avanti senza il nostro consenso. Il POTERE, c'è l'abbiamo noi. Se non la capiamo ora, se non agiamo oggi, tutti insieme, sarà troppo tardi. Ma che possono fare, mandarci contro gli sbirri, esercito e ammazzarci tutti? Non ha senso e non è possibile. Per cui, fratelli d'Italia, organizziamoci e passiamo all'azione!

 

claudepanzeri57.gmail.com - Italiano dell' estero di lingua francese. Per commenti, critiche, proposizioni e piani d'azione, scrivetemi, organizziamoci o crepate senza lamentarvi!

 

Scritto da : Claude Panzeri –

Tratto da: freeondarevolution.blogspot.it

Commenta il post

movimento nuova era 04/06/2013 13:25


Claude carissimo, complimenti per il tuo commento, come tu dici il popolo un pò è stato rincolglionito un pò, anzi parecchio non vuole capire, essi vivono per il partito che il padre, il nonno o
all'università gli hanno incuccato in testa, un mio amico mi disse qualche anno fa che a lui non importava che lui i suoi figli i suoi nipoti finivano in schiavitù, rispose che a lui non ce ne
fregava niete di come finivano lui e la sua discendenza, la cosa importante per lui era, che il suo partito stava al potere, questi dementi non dicono la dx la sx centro dicono il mio
partito, esattamente come una tifoseria, dove in realtà sia il partito che una squadra di calcio appartiene a tutti meno che chi la sostiene, ragionano come se avendo scelto un partito sono
diventati i più furbi del mondo, saranno le frequenze elettromagnetiche saranno le scie chimiche, sarà cosa mescolano nei nostri cibi ma le cose stannoi così, il popolo è coglione.


Mi fà immenso piacere ed onore aprire un dialogo con te, se ti va scrivimi alla mia mail mov.nuovaera@email.it  ho notato che nella tua mail manca
la @ dopo il 57 proverò a scriverti comunque un abbraccio, per il Movimento Nuova Era Gianni Zurlo Presidente