Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

RICOVERATO IN OSPEDALE GIOVANNI RIENZI

Pubblicato su 13 Aprile 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in COMUNITA

RICOVERATO OSP. MAURIZIANO DI TORINO,DIMAGRITO DI CIRCA 20 KG,DIMESSO DOPO 24 h. PER MANCANZA DI POSTO E NON ANCORA MORIBONDO. Agl'inizi di Marzo,come qualcuno ricorderà,dopo il rifiuto dei servizi sociali,ho iniziato lo sciopero della fame che,purtroppo,ho dovuto interrompere per gravi motivi familiari.L'ho ripreso il 25.senza più postare,anche perchè,gli sciacalli che esistono ovunque,hanno fatto basse insinuazioni sul mio sciopero.Martedì 10 c.m. mi sono sentito male e sono stato ricoverato per "Familiarità per cardiopatia ischemica ed ipertensione arteriosa",mi hanno fatto i prelievi,i raggi del caso e.....tutto sembrava normale fino a quando non ho detto del digiuno per protesta.Una sensazione di disagio ha pervaso l'ambiente;disagio,il cui motivo l'ho capito solo dopo:ultimamente, in tanti si presentano in pronto soccorso e,sperando in una soluzione ai propri problemi,dichiarano di fare lo sciopero della fame;costoro,poverini,sono tossici e barboni;io,invece,non ero tossico,non ero barbone ed avevo una proprietà di linguaggio;questo,ha creato imbarazzo e disagio.Hanno avvisato l'assistente sociale Sig.ra Macorig;la quale,mi ha confermato che non rientravo nelle categorie dell'assistenza,che si sarebbe interessata personalmente del caso e che,a Torino, nessuno moriva di fame,grazie ai centri comunali che distribuiscono il pasto quotidiano.Ho spiegato le mie ragioni,le motivazioni del mio principio ed alla fine,anche se a malincuore,ha detto di rispettare il mio pensiero.Mi hanno chiesto se ero disponibile ad una visita psichiatrica,ed ho accettato,perchè penso - penso è dubitativo,avessi scritto sono sicuro,tutti i pazzi dicono di non esserlo - di essere normale. Riporto,lasciando a voi eventuali commenti,i punti salienti delle dimissioni e della perizia psichiatrica.Presente la Sig.ra Macorig,dimissioni:".....pte da rivalutare se persiste la situazione di non alimentazione con peggioramento dei parametri.Il pte richiede ricovero ospedaliero per proseguire lo sciopero della fame al fine di ottenere visibilità al suo gesto.Al momento non sussistono indicazioni cliniche." - I miei parametri,essendo prima dello sciopero in sovrappeso,adesso sono al limite ma nella norma;ossia,sono sul baratro e con un alto rischio infarto - Visita psichiatrica, effettuata dal Dott. Luciano Barbero: "......all'esame psichico attuale non emergono alterazioni del pensiero nè della sensopercezione.Il tono dell'umore risulta essere sfumatamente deflesso......sciopero della fame in risposta ad una serie di richieste in primis ai servizi sociali,andate inevase che l'avrebbero portato all'esasperazione e ad una condizione di indigenza non più sopportabile.......non si evidenzia nè viene verbalizzata una reale intenzionalità suicidiaria......il paziente non necessita di interventi psichiatrici urgenti nè di rinvii a CSM per presa in carico,configurandosi la sua situazione come eminentemente critica su di un piano sociale......" Quando sono uscito dall'ospedale ero amareggiato,deluso e frustrato,anche perchè dormire sulla barella con l'altoparlante che gracchia ogni 2 min. non è facile,a parte il digiuno.Mi è bastato,però,riposare nel mio letto,per risvegliarmi più incazzato, arrabbiato e determinato di prima;infatti,avendo saputo che i parametri dell'assistenza sociale sono determinati dai sindaci delle città,scriverò al sindaco di Torino ed ho una proposta concreta per tutti.VEDIAMO SE OLTRE AD ARRABBIARCI E SCRIVERE SU FB,SIAMO IN GRADO,INDIPENDENTEMENTE DALLE SIGLE O CREDO POLITICO CHE ABBIAMO,DI RIUSCIRE A CAMBIARE QUALCOSA;IO,CREDO CHE,SE VOGLIAMO, POSSIAMO E SAREBBE L'OCCASIONE X VEDERE QUANTO VALIAMO,CIAO A PRESTO P.S. E' importante che condividiate il più possibile,anche per la proposta che farò con la lettera al sindaco,grazie — a Torino.   536709_413071302038129_100000057893959_1618060_977733694_n.jpg

Commenta il post