Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

REFERENDUM ABROGAZIONE PARZIALE INDENNITA' PARLAMENTARI: DIFFONDERE ( + ALTRI DUE )

Pubblicato su 19 Luglio 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in IPHARRA

referendum.jpg
 
Altro referendum tratta una proposta di legge sul finanziamento pubblico dei partiti . scadenza raccolta firme 28 settembre 2012.
 
**Diverso è il Referendum abrogativo parziale sulla determinazione delle indennità spettanti ai membri del Parlamento. Termine raccolta firme 20 agosto 2012. C.M.REFERENDUM
 
 
Alzi la mano chi sapeva che presso i Comuni è possibile firmare per un abrogativo parziale sulla legge per le indennità parlamentari (Art. 2 L. 31/10/1965, n. 1261). Ben pochi, credo.
Si tratta di un referendum, si, l’ennesimo referendum che però ha un fine più che nobile: il taglio degli stipendi della . La raccolta firme si concluderà il 30 luglio 2012 (termine per la presentazione al Comitato promotore 31/07/2012).
Cosa occorre fare? Nulla di più semplice: recarsi presso il proprio Comune ed andare a firmare. Provate però a domandarvi come mai questa notizia non è passata sui giornali. Non è che per caso c’è un forte connubbio tra i finanziamenti elargiti alla carta stampata e la casta politica? Meditate gente.
Intanto, con qualsiasi mezzo, DIFFONDETE LA NOTIZA!!!!! Voglio proprio vedere se anche stavolta la passano liscia. E poi dopo fate un salto in Comune. Ci vogliono 500.000 firme altrimenti avremo perso l’ennesima buona occasione per dare un duro colpo alla casta. Ma attenzione, la notizia è poco nota e quindi dovete DIFFONDERLA!!!!
Articolo 2 della Legge 31 Ottobre 1965, n. 1261
Ai membri del Parlamento è corrisposta inoltre una diaria a titolo di rimborso delle spese di soggiorno a Roma. Gli Uffici di Presidenza delle due Camere ne determinano l’ammontare sulla base di 15 giorni di presenza per ogni mese ed in misura non superiore all’indennità di missione giornaliera prevista per i magistrati con funzioni di Presidente di Sezione della Corte di Cassazione ed equiparate; possono altresì stabilire le modalità per le ritenute da effettuarsi per ogni assenza dalle sedute e delle Commissioni.
E’ solo un piccolo passo, visto che TUTTA QUESTA LEGGE meriterebbe una bella spolveratina, ma è pur sempre un passo necessario per far partire il movimento di rivolta popolare pacifica contro gli stipendi pagati al mondo della politica. Fonte: intermarketandmore.finanza
Commenta il post

cecilia 12/05/2012 20:53



Il Comitato del Sole, associazione apartitica, no profit e che si 
autofinanzia, creata da semplici 
cittadini sta raccogliendo le firme per promuovere il referendum per 
l'abrogazione parziale della Legge 31 maggio 
1965, n. 1261 (Determinazione delle indennità spettanti ai membri del 
Parlamento) di cui è stata data pubblicazione nella Gazzetta 
Ufficiale n. 96 del 24 aprile 2012.

Dai 18mila euro mensili a parlamentare, si arriverebbe, tagliando tutti i 
privilegi,  a 6mila euro mensili circa.

Parlo al condizionale perchè occorrono 500mila firme per indire il referendum
Ma, come facciamo a raccogliere 500mila firme se i mezzi di informazione ci 
ignorano?
Come possiamo comunicare ai cittadini un diritto costituzionale quando nessuno 
veicola l'informazione?


DAL 29 OTTOBRE SI PUO' FIRMARE IN TUTTI I  COMUNI OLTRE I 10.000 RESIDENTI

Conto sulla vostra professionalità nonchè sulla vostra coscienza.

Cecilia carpanini


Presidente Marco Savari 340 2989202 

cecilia 11/19/2012 18:27


il comitato del sole ENTE NO PROFIT, APARTITICO e AUTOFINANZIATO, ha ricominciato la raccolta delle
firme. Tutti i comuni italiani sopra i 10000 abitanti sono attivi, potete consultare il sito www.comitatodelsole@altervista.org per ulteriori informazioni. Una firma non costa nulla, ma è molto
importante. per tutti noi. grazie

Lorenzo 07/19/2012 17:52


Non è tagliando i costi della politica che si risolvono le cose, possibile che non l'avete ancora capito?

frontediliberazionedaibanchieri 07/19/2012 23:51


Concordiamo con te che la situazione non si risolve solamente tagliando i costi della politica. Dal nostro punto di vista il sistema non si modifica, si cambia. La sola soluzione e' ritornare
all'emissione monetaria direttamente dallo Stato. Comunque meglio poco che niente. Claudio Marconi