Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

QUALSIASI BANCHIERE, MA ANCHE QUALSIASI BANCARIO VI POTRANNO DIRE CHE IL DENARO E' DEBITO.....

Pubblicato su 31 Luglio 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in IDEE e CONTRIBUTI

Qualsiasi banchiere, ma anche qualsiasi bancario vi potranno dire che il denaro è debito e che quando una banca ti presta dei soldi, non ti dà qualcosa di solido, che esiste nella realtà, ma ti dà solo dei numeri, perché la banca possiede solo il 10% dei soldi che presta. Ora, se l'economia monetaria funziona così, il fatto che la Spagna abbia un problema di indebitamento per via dei troppi interessi da pagare, potrà essere risolto indebitandola ulteriormente creando nuovi interessi? Non è forse il sistema monetario che ha creato quella che in maniera errata chiamiamo crisi economica? Allora perché non scalziamo il sistema monetario? Perché mandiamo al potere quelli che affamano il mondo? In realtà non c'è una crisi, non c'è scarsità di risorse, l'aumento dei prezzi è fasullo. Faccio un esempio: telefonini se ne trovano fin che se ne vuole, non ha senso che i prezzi aumentino, la scarsità è generata dallo stesso sistema e i servizi al tg che fanno vedere la fila delle persone che vogliono acquistare un nuovo modello alimentano quest'assurdità, per farci credere che ci sia scarsità di quella risorsa e giustificarne il prezzo. Non ci sono soldi ti dicono e tu non capisci che magari non ci fossero soldi! significherebbe che non ci sono più debiti. I guru finanziari hanno reso fumosa la loro materia, in modo che la gente non possa capirla. Agli inizi del 900 per far funzionare una trebbiatrice ci volevano 11 persone e moltissime persone ci volevano per mietere il grano, oggi, con una mietitrebbia una sola persona fa il lavoro di 30. Ma siccome l'essere umano è fesso, invece di far sì che quelle 30 persone lavorassero un giorno al mese, abbiamo fatto lavorare per 30 giorni una sola persona e creiamo 29 disoccupati. La religione del lavoro, della moneta e del profitto di pochi fanno vivere male moltissima gente. E per portare avanti questo sistema tutti, quellidesinistra, quellidedestra, i sindacati, i preti, i guru, ti dicono che bisogna consumare. Se non cambiamo noi il mondo non cambia.

Fonte:
https://www.facebook.com/natalinobalasz/posts/466057216745771

 - Tratto da: revolution2010  cappio

Commenta il post

lorenzo 07/31/2012 21:11


Ottimo il finale, aggiungerei
la proposta di un reddito di base incondizionato.


L'inizio purtroppo cade nella
trappola... signoraggista, detta così perché diffusa da e tra quelli che credono che la banca centrale stampi e consegni pezzi di carta e riceva indietro moneta frusciante, con in più gli
interessi


Dunque: è vero che il sistema
bancario nel suo complesso, con la riserva frazionaria, può prestare fino al 90 (o 98.. non lo so) di quanto ha in cassa come contante o liquidità o disponibilità (mi scuso ma non sono un
tecnico). Però:


A deposita 100 la banca
presta 90 a B


B deposita 90 la banca presta
80 a C (facciamo conti tondi)


C deposita 80 la banca presta
70 a D


e così via


Alla fine, facendo le somme,
i depositi sono comunque maggiori dei prestiti


Perciò quel


“Qualsiasi banchiere, ma
anche qualsiasi bancario [che] vi potranno dire che il denaro è debito e che quando una banca ti presta dei soldi, non ti dà qualcosa di solido, che esiste nella realtà, ma ti dà solo dei numeri,
perché la banca possiede solo il 10% dei soldi che presta.”


dice una emerita
scemenza.


ciao


lorenzo


Non ho potuto metterlo sul
facebuc dell'autore