Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

PETIZIONE POPOLARE SU INIQUITA' IRPEF

Pubblicato su 27 Febbraio 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

Iniziamo una raccolta firme per una petizione su iniquità Irpef.
Pubblichiamo l’appello.
Chi è interessato a firmare ci contatti a: ipharra-fc@alice.it
Claudio Marconi

Illustre Sig. Presidente del Consiglio dei Ministri

 

Sen. Mario Monti

 

Palazzo Chigi    ROMA (RM)

 
 
 
Oggetto : “Appello in materia di IRPEF, con richiesta di risposta scritta, del Movimento dei Contribuenti Italiani”
 
 
 
La Carta fondamentale attribuisce all’alta carica che Lei riveste, la Direzione ed il Coordinamento della politica generale del Governo affinché si svolga, nel servizio alla Repubblica, con somma attenzione alle legittime istanze che in essa si manifestano.
 
            Fedeli al patto costituzionale, i contribuenti italiani si rivolgono a Lei ed ai Suoi Ministri, affinché possa giungere a soluzione, tra le molteplici iniquità ed ingiustizie del fisco italiano, l’anomala, ingiustificabile questione relativa alla imposta “IRPEF” (originariamente improntata ai criteri della “personalità” e della “progressività”) nel punto in cui :
 
·         Disattendendo irragionevolmente la Delega per la Riforma tributaria del 1971 (Art. 2) secondo la quale l’IRPEF avrebbe dovuto colpire il reddito complessivo eccedente il fabbisogno “fondamentale” di vita della persona, viola il principio della capacità contributiva (Art. 53 della Costituzione Italiana) atteso che considera deducibili solo alcune spese personali descritte in un elenco tassativo formulato con criteri arbitrari, per lo più determinate forfetariamente e non corrispondenti alla realtà, mentre altre sono state trasformate in “detrazioni d’imposta”.
 
Quanto riferito, altera totalmente il principio della “personalità” dell’imposta, consistente nel cogliere il profilo del risparmio.
 
            La Legge Italiana, riducendo il principio della “personalità”, fa ritenere non manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale dell’imposta IRPEF (Art. 53).
 
            Signor Presidente, Signori Ministri,
 
questo Movimento, nella certezza che Lei condivida che lo scopo dell’imposta IRPEF viene tanto più realizzato, quanto maggiore è la sfera delle spese personali intassabili dalla legge,
 
                                                                                              CHIEDE
 
Anche nel più vasto quadro della lotta all’evasione, che:
 
            La base imponibile IRPEF sia costituita dal reddito complessivo eccedente le spese personali in aderenza al principio costituzionale della capacità contributiva.
 
            In attesa delle Sue Superiori determinazioni in proposito, in tale attesa porgiamo a Lei distinti saluti.
 
Roma, lì 19 Febbraio 2012
Movimento dei Contribuenti Italiani
 
 Dott. Italo Furlotti
cinta
Commenta il post