Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

PAOLA MUSSU PRESENTA UNA SUA LISTA

Pubblicato su 18 Dicembre 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in COMUNITA

Non abbiamo cambiato idea. Siamo sempre fermamente convinti che più si sta lontano dalle urne e meglio è. Non andare a votare significa non legittimare questa classe politica che vede il rito del voto solamente come una scusa per avallare la loro “ oligarchia”. Intendiamoci non è che vogliamo fare le barricate, ma crediamo semplicemente che si debba andare a votare quando esisterà “ qualcosa” di alternativo che abbia la speranza di avere un risultato decente. Partecipare alle elezioni da nuova linfa ad un sistema dal quale emergono posizioni anti-popolo e “giustificare il “ successo” dei gruppi oligarchici, certamente lontani anni luce dal nostro modo di sentire.

Su questa classe politica ricade tutta la responsabilità del crollo dei valori Politici, con la P maiuscola, e del dramma che sta disintegrando le persone alienandole da una vita degna di essere vissuta con dignità.

Non vogliamo avallare questo sistema perché abbiamo una concezione della Politica e, di conseguenza, dell’esistenza in cui le pulsioni esasperate ed anormali dell’economia cedano il posto ai valori portatori di benessere per la vita dei popoli

Non votare significa voltare le spalle a tutto ciò che oggi identifica le oligarchie dominanti al potere, significa rifiuto a “ servire” e “ disimpegno” da questo orrendo sistema sempre più nemico e contro l’uomo.

Premesso questo pubblichiamo l’articolo che presenta la nuova lista dell. Avv. Musso, per dovere di cronaca e di collaborazione, e per dare un “ suggerimento” a qualcuno che, se proprio non vuole ascoltarci, e sente l’irrefrenabile desiderio di andare a votare, come misura minima precauzionale non si faccia abbindolare dalle sirene della propaganda sistemica.

Claudio Marconi

lista_si_copia.jpg
LISTA SI - SIAMO ITALIA. Sarà questo il nome della Lista Civica Nazionale che sarà presentata alle prossime Elezioni Politiche del 2013 e che vedrà Paola Musu - l’avvocatessa cagliaritana che ha denunciato il Presidente della Repubblica, il Presidente del Consiglio, i Ministri e i membri del Parlamento per attentato contro la Costituzione dello Stato Italiano - candidata Premier.

Di seguito riportiamo i dieci punti programmatici della lista.

1. Recupero integrale ed immediato della sovranità nazionale illegittimamente ceduta ad organismi ed enti sovra- ed extra-nazionali, mediante il disconoscimento unilaterale dei relativi trattati tutti, sottoscritti in manifesta violazione della Carta Costituzionale, con contestuale uscita dall’euro, rinazionalizzazione della Banca d’Italia (e suo collegamento con il Ministero del Tesoro), separazione tra banche commerciali e banche d’investimento e ridefinizione dei rapporti con i paesi dell’attuale UE sulla base di accordi doganali e di cooperazione commerciale, aventi ad oggetto la libera circolazione sia dei beni, che delle persone, che dei capitali, con previsione, in subordine, e\o in alternativa, di analoghe equivalenti trattative con paesi di altra area geografica. Modifica degli artt. 50 e 71 II comma Costituzione per l'introduzione di tempi certi di esamina ed approvazione, che riguardano gli strumenti della petizione e dell'iniziativa di legge popolare.

2. Per l’effetto, recupero della sovranità territoriale e militare. Parallelamente e conseguentemente, illegittimità di tutte le modifiche della Carta Costituzionale in contrasto con i principi fondamentali della stessa, attuate su richiesta e/o indirizzo e/o influenza e/o pressioni diretti ed indiretti di organismi ed enti sovra/extra nazionali, e in aperta violazione della stessa Carta (ad es, da ultimo, modifica agli art 81, 97 e 119 C Costituzione (pareggio di bilancio).

3. Per l’effetto, in attuazione e nell’esercizio della recuperata piena sovranità economica, monetaria e fiscale, attuazione di un prioritario e deciso intervento di politica monetaria e fiscale di tipo espansivo (immissione di liquidità attraverso gli strumenti di politica monetaria e taglio secco della pressione fiscale e previdenziale), con contestuale pieno ed effettivo esercizio della sovranità nazionale in tutti gli ambiti sinora trasferiti alla competenza esclusiva e\o concorrente dell’UE, con un’attenzione particolare alle politiche agricole, che liberate da tutti i vincoli comunitari, potranno trovare nuovo impulso, con conseguente rivalorizzazione della produzione, anche e soprattutto attraverso lo sviluppo delle tecniche di coltura biologiche e con un deciso nuovo impulso e rivitalizzazione delle piccole e medie imprese, vero tessuto e cuore pulsante dell’economia italiana.

4. Riportare allo Stato, dei Cittadini, la garanzia dei servizi essenziali: energia elettrica (con particolare attenzione alle energie rinnovabili), gas, acqua trasporti, telefonia, etc; e i beni del demanio pubblico ceduti nell’ambito delle politiche di privatizzazione (dai primi anni ’90 in poi). Ripristino dello “stato sociale”, con ridefinizione, riorganizzazione e rinnovata valorizzazione del sistema sanitario nazionale, dell’istruzione, degli interventi di tipo previdenziale ed assistenziale a tutela dei diritti costituzionalmente garantiti e delle categorie svantaggiate, inclusa la disciplina dei regimi pensionistici.

5. Negazione e/o rinegoziazione del debito iniquamente ed illegittimamente creato ed alimentato detenuto da creditori esteri .

6. Sburocratizzazione delle attività produttive e della funzione e dei servizi pubblici, alla luce dei principi di trasparenza, semplicità, imparzialità ed efficacia.

7. Semplificazione e riorganizzazione, alla luce dei principi sopra richiamati, dell’intera materia fiscale. Riforma decisa della giustizia tributaria nel rispetto dei principi di piena autonomia, terzietà, imparzialità e competenza.

8. Revisione integrale, alla luce dei principi di semplificazione e razionalizzazione, delle riforme del mercato del lavoro susseguitesi dal 1997 ad oggi

9. Riorganizzazione dell’istruzione, con la massima valorizzazione del merito e nel pieno rispetto del principio della valorizzazione e dello sviluppo delle attitudini individuali

10. Poderoso impulso alla ricerca, sia scientifica che tecnica, in particolare, ma non solo, nei settori tecnologico, delle energie, della sanità, della medicina e della fisica, con particolare valorizzazione del merito e dei risultati, nel pieno rispetto del principio costituzionale di cui all’art.9 Costituzione.

Fonte: cagliaripad.it

Commenta il post