Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Marchionne: Andare via non si significa tradire, significa crescere come quando i ragazzi vanno via di casa.

Pubblicato su 9 Gennaio 2012 da frontediliberazionedaibanchieri

Manca solo l'ufficialità, ma tutti gli elementi portano a pensare che Torino e l'Italia presto perderanno il quartier generale della Fiat. Entro il 2015 Chrysler e Fiat saranno un unico gruppo e, secondo Marchionne, sia Torino che Auburn Hills (la sede della Chrysler vicino a Detroit) possono esserne la sede unica in futuro. Lo ha detto in una intervista al Wall Street Journal perché ''Serve un punto di riferimento dal punto vista della governance. C'e' bisogno di una casa, nessuno vuole stare senza... Sia Auburn Hills, sia Torino sono in grado di ospitare'' il quartier generale del gruppo. Marchionne sui timori italiani di perdere la sede del gruppo dice inoltre che: ''L'attaccamento emozionale al proprio paese come produttore deve essere ripensato. Questo non significa tradire nessuno, significa crescere, come quando i ragazzi vanno via di casa. Questo non vuol dire che non ci vogliono piu' bene. Vuol dire che faranno delle cose e vivranno da soli. Ritengo che per gli affari sia la stessa cosa''.
Queste dichiarazioni, messe insieme alle tante fatte da Marchionne colme di complimenti per i sindacati statunitensi che permettono maggior agibilità affaristica, fanno temere che la scelta in fondo sia stata già presa.

 

Fonte: Controlacrisid8255ff395cc519e23149cb7e165edf6f3f03a344f7fe0279b801184.jpg

Commenta il post