Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

LO SCOPO INCONFESSATO DELLA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO

Pubblicato su 14 Aprile 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in IDEE e CONTRIBUTI

 

phillips1.png

 

 

La letteratura economica fornisce una semplice spiegazione di quanto sta accadendo oggi in Italia. L’economia ci dice che lo scopo (inconfessato) della riforma del mercato del lavoro deve essere quello di causare un incremento della disoccupazione. Un (ulteriore) incremento del tasso di disoccupazione si rende necessario per un motivo molto semplice: la curva di Phillips. La curva di Phillips stabilisce che la crescita dei salari è in relazione inversa rispetto al tasso di disoccupazione, una relazione individuata da A.W. Phillips nel 1958. Questa relazione non è mai stata posta seriamente in discussione nella letteratura empirica, come ci ricorda Jeffrey Fuhrer. Non sorprende quindi che gli economisti ne facciano tuttora uso per prevedere l’inflazione (Fendel, Lis e Rulke), ed è assolutamente evidente che il governo italiano sta facendo altrettanto.

In tutta evidenza, i fautori della riforma si aspettano che un innalzamento del tasso di disoccupazione moderi la crescita dei salari e quindi il tasso di inflazione. Ciò contribuirebbe a ristabilire la competitività di prezzo dei prodotti italiani e quindi a riequilibrare gli sbilanci esterni che sono alla radice della crisi dell’eurozona, come spiega ad esempio Martin Wolf. Tra l’altro, questo è uno dei motivi per i quali i mercati finanziari, che credono in questo meccanismo (come ci ricordano Fendel et al. in un altro lavoro), potrebbero accogliere con favore un innalzamento della disoccupazione in Italia.

L’unico piccolo problema con questo approccio è di natura politica, non economica. Il ragionamento del governo è impeccabile da un punto di vista economico. Il suo unico (trascurabile?) difetto è che nessun membro del governo sta dicendo la verità, ovvero che lo scopo immediato e inconfessabile di una riforma altrimenti insensata è quello di far aumentare la disoccupazione.(indubbiamente pensare in inglese aiuta a essere lapidari)
 



Tratto da: Lo scopo inconfessato della riforma del mercato del lavoro | Informare per Resistere http://www.informarexresistere.fr/2012/04/14/lo-scopo-inconfessato-della-riforma-del-mercato-del-lavoro/#ixzz1s1HMnMwM
- Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario!

 

 

 

 

Commenta il post

Nicastro Damiano 04/15/2012 01:35


Bisogna guardare l'insieme di quanto questo Governo sta facendo per capire che il suo unico scopo è quello di mettere quasi tutti in totale miseria, eliminando la circolazione della moneta per
controllarci totalmente. Basta con questi banchieri senza anima, basta guardare cosa hanno fatto all'anziana Signora Campo Innocenza Maria per capire che siamo in gravissimo pericolo,
tutti! 


Damiano Nicastro