Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

LA UE CONTRO L'ARGENTINA E LA SOVRANITA' NAZIONALE

Pubblicato su 25 Aprile 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

Il commissario europeo, Karel de Gucht, ha mandato una lettera al governo argentino, minacciando di presentare un caso all'Organizzazione mondiale del commercio.

Sul caso Repsol Ypf si discuterà a lungo. Se in Argentina la maggior parte dell'opinione pubblica e 21 su 24 governatori sostengono la decisione del premier Cristina Fernandez de Kirchner di nazionalizzare la compagnia petrolifera, in precedenza controllata dal gruppo spagnolo Repsol, il mondo occidentale trema di fronte a una tale rivendicazione di sovranità statale. In prima linea nella difesa della posizione spagnola, che appoggia Repsol nella richiesta di una compensazione di 8 miliardi di euro, la Commissione europea.tiny_mce_markerIl commissario Karel de Gucht ha dichiarato oggi che l'Unione non esclude di preparare un caso al Wto contro le "restrizioni commerciali" imposte dall'Argentina. L'esproprio del 51% di Repsol da parte del governo argentino è "causa di considerabile preoccupazione'', si legge in una lettera alla Casa Rosada da parte di de Gucht. Il commissario ha dichiarato che la Commissione farà di tutto per sostenere il governo spagnolo allo scopo di ottenere una "piena compensazione". Riccorrere all'Organizzazione mondiale del commercio (Omc) è una delle procedure più rapide e più utilizzate per risolvere le controversie internazionali. tiny_mce_marker

Commenta il post