Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

La rivolta dei forconi ai Tg di RaiNews, Sky e TG3 18 gennaio 2012

Pubblicato su 19 Gennaio 2012 da frontediliberazionedaibanchieri

La Sicilia e la rivoluzione dei forconi.
Ancora contro la Manovra del Governo Monti, questa volta a ribellarsi è un'intera regione e i Tg di tutta Italia non ne hanno parlato.Gli autotrasportatori della regione Sicilia, per ribellarsi alle iniquità della Manovra Monti si sono riuniti nel "Movimento dei forconi" e sono entrati in sciopero, una vera e propria rivoluzione; la protesta è soprattutto contro le accise che stanno colpendo la Trinacriache per ogni 1000 euro ne paga 596 di tasse allo Stato.Alla rivolta pacifica ha aderito moltissima gente, nonostante tutte le città siciliane stiano risentendo dei blocchi, che hanno causato notevole rallentamento del traffico.Agrigento, Palermo, Caltanissetta, Gela, manifestazioni, con blocchi stradali pacifici, che non creano problemi alle forze dell'ordine, in tutte le maggiori città della regione, di cui le televisioni nazionali e la stampa non hanno fatto parola.Da ieri in Sicilia è rivoluzione e l'Italia non ne sa nulla, una rivoluzione contro il Governo che, secondo i manifestanti, ha ridottola Sicilia ad un vero e proprio collasso economico.Soltanto i giornali locali e del Mezzogiorno hanno reso nota la notizia di quello che sta accadendo in Sicilia.
Da http://www.investireoggi.it/news/la-sicilia-e-la-rivoluzione-dei-forconi/
Commenta il post

il capitano 01/19/2012 16:51


Io non ho piu’ parole
quel poco di fiato che mi è rimasto ancora e la tastiera che ancora riesce a scrivere.
Non mi stanchero’ Mai di dirvi che la soluzione a tutti i problemi che ci assillano sono in questo comunicato.
//////////////////////////////////////////////////


Comunicato DEL PRESIDENTE COORDINATORE
Trasmissione a mezzo uff.stampasanatoria@libero.it
Noi del Blog SANATORIA INPS (sede BELLUNO)abbiamo fatto nostro questo documento ritenendolo di qualificato significato per lo STATO , le PMI ed i CONTRIBUENTI
MANIFESTO “ LIBERA l’IMPRESA ”
MANOVRA PER LO SVILUPPO A COSTO ZERO
Premessa
La Crescita è il sinonimo della Produzione, la Produzione è il sinonimo di Creazione di Reddito, Creazione di Reddito è il sinonimo di PIL, PIL è il sinonimo di abbassamento del DEBITO PUBBLICO,
ma tutti questi SINONIMI resteranno tali se non… si passerà agli investimenti nella PRODUZIONE. Adottare un sistema di RISANAMENTO o RISTRUTTURAZIONE del DEBITO del SISTEMA PRODUTTIVO attraverso
l’adozione dei proponimenti ed i valori evidenziati nella Pd L n°3804 che in sintesi si elencano nella seconda parte di questo documento , potrebbe essere l’Elemento Qualificante della Ripresa
Economica e Produttiva.


CARTA D’IDENTITA’ DEL DEBITO. (CASISTICHE )


L’assenza di norme STRUTTURALI, le quali obbligano e regolamentano il rapporto dare -avere o come committente – esecutore, diventano elementi penalizzanti delle REDDITUALITA’ e degli
ADEMPIMENTI.
L’inefficienza del sistema GIUSTIZIA CIVILE non consente di poter RECUPERARE i CREDITI da PRODUZIONE .
Le Pubbliche Amministrazioni non PAGANO i Fornitori e gli Operatori nei tempi derivanti dai CONTRATTI tra le parti .
Il PATTO DI STABILITA’ lo hanno dovuto sopportare i BILANCI delle AZIENDE.
Ed ancora , come se non bastasse , l’impossibilita di essere regolari per ottenere il DURC (documento unico di regolarità contributiva) vietando così la possibilità di LAVORARE.
AMMINISTRAZIONI PRIVATE senza stato di RESPONSABILITA’ con gli OPERATORI alla MERCE’ di RICATTATORI sistemi COMPORTAMENTALI
Come se non bastasse, EQUITALIA con un sistema Sanzionatorio, frutto di Norme di derivazione Parlamentare, la quale crea pregiudizio per ottenere linee di CREDITO e difficoltà di RIENTRARE DALLO
STATO DEBITORIO DICHIARATO E’ NON EVASO.
Non ultimo il binomio DIRITTO – DOVERE che dovrebbe essere determinato dall’efficienza delle LEGGI delle TUTELE ma che non trova nelle stesse il parallelismo necessario per la pariteticita del
risultato e del rapporto. Alcune , non TUTTE le CAUSE.
QUESTO NON E’ UN CONDONO, MA UN PROGETTO PER LO SVILUPPO
I punti QUALIFICANTI della Pd L n° 3804


Vantaggi per il CONTRIBUENTE


Pagamento dello stato originario del Debito
Eliminazione delle Sanzioni , Interessi ed Aggi
Pagamento del 10% di sopratasse sul Debito Originario
Ripresa della possibilità di poter accedere alle Linee di Credito (oggi impossibile per il perdurare dello stato delle pregiudiziali inibitorie, è causa di USURA).
Ripresa della produzione con costituzione di nuova redditualità Riassunzione delle figure qualificanti l’attività (dipendenti)
Recupero del Contribuente del suo Valore Sociale e Morale


VANTAGGI PER LO STATO


Recupero del 90% dello stato di credito vantato in tempi ragionevoli con l’immediatezza di introitare capitali senza che l’Ente preposto alla riscossione e di conseguenza anche lo Stato fossero
gravati da spese e procedure ( in 20 anni non più del 50% oggi la media del recupero del pregresso si aggira intorno al 2,5% su base annua )
Recupero del 10% come stato sanzionatorio
Risparmio degli importi da sostenere per finanziare gli Ammortizzatori Sociali (CIG e DISOCCUPAZIONE, MOBILITA’ (mediamente lo Stato ne finanzia il triennio di legge)
Ripresa Economica per la nuova Redditualità del Sistema Produttivo
Ripresa dei Consumi e Beni Strumentali quindi con ripresa dell’industria manifatturiera pari a quella generata dalla Legge 449 sulle ristrutturazioni
Introito IVA sui consumi e acquisti
Ripresa del Mercato Interno dal quale è risultante il 75% del PIL
Assenza di cancellazioni e fallimenti delle Imprese
Le imprese che si cancellano dagli elenchi camerali diventano Lavoratori in Nero perché con l’eventuale assunzione rischierebbero il 1/5 dello stipendio
Le cancellazioni diventano l’iscrizione di nuova azienda con la quale operare per togliere i debiti della precedente attività , conseguenza che dopo tre anni va in crisi la nuova attività
I punti qualificanti di questa proposta interessano il 75% delle partite IVA , con particolare incidenza in quelle con Storia e con Dipendenti.
REGOLAMENTO di DIFFERENZIALE APPLICATIVO


IL 10% per importi dichiarati
IL 20% per importi derivanti DA EVASIONE ACCERTATA ed ACCLARATA.
Documento Elaborato da Giovanni Bevacqua


Coordinatore Nazionale Gruppi di Proposta e Presidente Regionale Calabria Confartigianato Edilizia


Eventuale contatto 366 3017413 337 871541 0961 794426