Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

LA MENZOGNA DELLA GLOBALIZZAZIONE: FIAT E I 306 EURO DI STIPENDIO

Pubblicato su 1 Giugno 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in EUROPA

Turni di lavoro massacranti e uno stipendio da fame. Quando l’operaio della Fiat dello stabilimento di Kragujevac in Serbia ha aperto la busta paga e ha trovato solo 306 euro ha dato fuori di testa. Ha preso un oggetto metallico e si è messo a incidere su trentuno 500L appena prodotte scritte che non lasciano adito a dubbi: “Mangiatori di rane (termine dispregiativo per indicare gli italiani, ndr) andate via dalla Serbia”.

global3.gif

Lui, come i suoi 2.400 colleghi, guadagna un quinto degli operai italiani e lavora fino a 12 ore al giorno e alla fine si porta a casa solo 34 mila dinari (306 euro circa), mentre il salario medio in Serbia è stato calcolato per aprile a 46 mila dinari (414 euro). Nelle ultime settimane, a causa di una forte domanda del nuovo modello di 500L, sono stati intensificati i turni di lavoro, che sono ora tre. Ma alla Fiat dei Balcani non si usa dire di no. Perché in Serbia un lavoratore su quattro è disoccupato. E allora, con la disoccupazione al 25 per cento, l’inflazione al 10 e le casse dello Stato ormai allo stremo, si continua a lavorare sottopagati e sfruttati, almeno finchè qualcosa scatta dentro e fa dire no.

La direzione di Fiat Serbia ha avviato un’inchiesta interna interrogando tutti gli operai attivi in quel turno per capire se l’operaio è stato aiutato da qualcuno nel suo atto di sabotaggio. I giornali non escludono che l’operaio abbia avuto un litigio con il caporeparto a causa di una intensificazione dei ritmi di lavoro alla catena di montaggio. Zoran Mihajlovic, leader del sindacato interno allo stabilimento Fiat di Kragujevac, ha detto che la grafia dei messaggi ostili è identica, e per questo si pensa che a danneggiare le trentuno 500L sia stata la stessa persona. Si sarebbe quindi trattato di una protesta non collettiva, ma di un singolo operaio. Nei giorni scorsi è cominciato l’export della 500L prodotta a Kragujevac anche in America, e nell’ultimo fine settimane una nave con le prime 3.200 vetture Fiat è arrivata al porto di Baltimora, negli Usa.

http://www.liberoquotidiano.it/news/lavoro/1250891/Trecento-euro-per-dodici-ore-di-lavoro–Operai-serbo-della-Fiat-si-ribella–Incide-sulle-500—Italiani-andate-via—.html

A parte il termine colorito – io credevo fossero i francesi i “mangiarane” – questa vicenda espone bene tutto il dramma della Globalizzazione. Come potete pensare voi, operai italiani, di competere non solo con i cinesi, ma anche con i serbi. Ed è chiaro che i giornali come LaStampa e Corrierino siano fanaticamente supporters della Globalizzazione: fa guadagnare i loro padroni.

Cavolo. Pensate se voi poteste pagare un vostro dipendente circa 1/4 di quanto lo pagate ora…Questo fa la Fiat producendo fuori dall’Italia: paga gli operai 1/4 di quanto li pagherebbe in patria. Sempre che “patria” sia un termine adatto a descrivere i cosmopoliti alla Marchionne-Elkann.
Ecco, questo deve finire. La Globalizzazione è una grande menzogna propagandata da media al soldo delle multinazionali. Conviene solo a pochi ricchi e penalizza tutto il resto della società. Dalla classe media a quella operaia. Ma i sindacati tacciono, anche loro inebetiti dal nuovo dogma dell’Internazionalismo.

Tratto da: identita.com

Commenta il post