Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

La Banca centrale inglese: L'Euro è finito

Pubblicato su 1 Dicembre 2011 da frontediliberazionedaibanchieri

Il governatore King: "Ragionevole pensare a delle misure per resistere davanti alle minacce per la stabilità del Regno Unito"

Fonte: Libero

l banchiere centrale britannico lancia l’allarme contro il default dell’euro. "Dobbiamo essere pronti e preparati con piani d’emergenza ed essere sicuri che il nostro sistema sia il più robusto possibile per resistere ad eventuali shock in arrivo dalla zona euro" ha avvertito Sir Mervyn King, parlando davanti i deputati britannici, senza tuttavia entrare nel dettaglio di tali piani. La sostanza è chiara: secondo il banchiere centrale del Regno Unito l'euro è pressochè finito.

Regno Unito minacciato - "Ci sono già i primi segnali" di una stretta creditizia a causa delle difficoltà delle banche europee ad accedere ai prestiti, ha spiegato secondo quanto riporta la stampa britannica. "Non si tratta di una crisi di liquidità ma di solvenza" ha aggiunto il numero Uno della Bank of England, sottolineando che "solo i governi direttamente coinvolti possono trovare una via d’uscita alla crisi". Il Regno Unito, ha incalzato il banchiere centrale, "è sempre più minacciato" dalla crisi dell’euro, ecco perché "è ragionevole pensare a delle misure per resistere davanti alle minacce per la stabilità del paese".

Impatto sconosciuto - Tuttavia, ha precisato, "non è possibile quantificare" l’eventuale impatto "di un evento così estremo", il crollo di Eurolandia. "Ci sono molte cose che possono succede se peggiorano gli sviluppi della crisi del debito della zona euro - osserva - ma onestamente non credo abbia molto senso pretendere di sapere con precisione cosa accadrebbe". Nel sottolineare che le banche d’Oltremanica hanno un livello di capitalizzazione migliore di quelle dell’area euro, Sir King ha poi invitato gli istituti a fare ancora di più tagliando dividendi e bonus ai manager, ma senza ridurre i prestiti alle imprese.

Marcegaglia: "Allarmistico" - "Sicuramente è una prospettiva che ci preoccupa, ma mi sembra anche che una affermazione di questo tipo aumenti il panico in una situazione in cui non ce n'è bisogno. Bisogna invece lavorare per salvare l'euro". Così la presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, in merito all'annuncio fatto dal presidente della Bank of England, Mervyn King, che si è detto pronto a piani di emergenza per fronteggiare alcuni scenari possibili, tra la fine dell'euro.

euro eclate

Commenta il post