Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

L'ORLO DEL PRECIPIZIO

Pubblicato su 8 Marzo 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

Questo è un assai strano Paese, tutti ci lamentiamo ma fiduciosi porgiamo reverenti le chiappe a questo “messer Governo” che continua ILLEGALMENTE a vessarci in maniera spropositata, perché forte dei suoi sperperi e degli interessi egoistici di chi crede siano inviolabili i propri diritti di banchiere/bottegaio/usuraio, parlamentare a vita, boiardo di Stato, cliente privilegiato della casta, consulente di amministrazioni pubbliche pagato privatamente, sindacalista che scandalizza per i comparati sotterranei, prete che ama i “sapori” della carne di bambini, o appartenente agli ordini professionali che compie falso ideologico… Intanto, sui giornali, ormai da qualche tempo si legge: “Vola il prezzo della benzina, la paga del lavoratore ytalyota è tra le più basse d’Europa, la corruzione e l’immoralità dilagano, il bilancio dello Stato ha un passivo immenso, un parlamentare su tre si droga, la chiesa non pagherà l’IMU per le solite escamotage dei potenti, Fiat lascerà colonya ytalya… ma non sarebbe ora che le grida di dolore dei cittadini si trasformino in formali atti di denuncia depositati nelle Procure della Repubblica?

E siccome al malessere non c’è mai fine, nell’assemblea regionale lombarda, non mafiosa ma con aspetti delinquenziali altrettanto vasti, il suo Presidente, il leghista Davide Zamboni è rimasto “impigliato” per tangenti nel filone d’inchiesta che si svolge con soggetto il comune di Cassano D’Adda, e, anche sappiamo, che dello stesso Consiglio ben quattro membri su cinque sono sotto inchiesta magistrale. Due di essi sono stati arrestati, il v. presidente Nicola Cristiano e il segretario Massimo Ponzoni, mentre il sindaco di Milano, Penati, già v. presidente dello stesso organismo lombardo è ancora sub iudice.

Allora dobbiamo inevitabilmente ammettere, per questo ultimo scandalo e per altri ancora, che verosimilmente ogni politico con attributi di controllore pubblico commette ruberie secondo opportunità, mentre sempre più mestamente apprendiamo che le ultime notizie sulla nostra economia, per loro incapacità o per… sono esageratamente negative, infatti, il PIL dell’anno 2011 ha fatto registrare una diminuzione dello 0,7% che, invece, in Europa si è attestato a -0,3%, ma, cosa ancora più preoccupante, la cassa integrazione (CIG) ha raggiunto un livello di vera tensione sociale per le preoccupazioni e preoccupazioni che crea.

La conferma di quest’amara verità è fornita da rapporti INPS che rivelano come nel gennaio e febbraio del 2012 si sia creato un incremento della stessa CIG pari al 5,1% se confrontata con il medesimo periodo del trascorso 2011, e addirittura l’aumento si eleva al 49% se si esamina l’intervallo di raffronto tra il gennaio e febbraio del 2012, mentre la crescita della CIG ordinaria, cioè di quella che serve alle aziende come ammortizzatore nelle prime fasi della crisi, mostra l’apparizione di nuovi assai numerosi lavoratori sul proscenio dei senza lavoro.

Ma il dato più drammatico riguarda l’andamento della cosiddetta CIG in deroga, per capirci quella fornita ai dipendenti licenziati. Questa forma d’assistenza oggi s’è incrementata ben del 40% se confrontata al febbraio 2011, ed è addirittura aumentata del 133% tra il gennaio 2012 e il mese di febbraio. Ciò significa che sono alcune decine di migliaia i lavoratori che stanno per terminare il ciclo degli ammortizzatori sociali, e se a tutto questo aggiungiamo che la disoccupazione giovanile ha raggiunto il 31% su base nazionale, con punte assi più alte nel meridione d’Italia dove si vocifera addirittura del 48%, e che il 19,6% dei nostri ragazzi laureati non riesce a trovare lavoro neppure dopo anni dalla fine degli studi, otteniamo che la commedia “Bella Italia” si è trasformata nella tragicommedia “Lascia l’Italia”. Così l’esilio necessario dei cervelli in fuga lascia spazi, sempre secondo i governanti, all’arrivo di lavoranti neri e in nero che possono addossarsi un regime di quasi schiavitù lavorativa con produzione scadente e non certo qualificata.

E in questo marasma finanziario economico sociale l’ILLEGALE Governo del sig Monti riesce a varare, con la complicità dei soliti noti, vale a dire i parlamentari in cerca di vitalizio e potere, solo manovre recessive con aumento spropositato delle tasse sui soliti lavoratori dipendenti senza arrestare le speculazioni bancarie, l’evasione fiscale, il falso in bilancio, la trafugazione di denaro attraverso la Banca Vaticana… insistendo invece, ahi “Fornelia Demon”, sull’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori volendolo sopprimere perché vogliono ritenerlo e farlo credere indispensabile per un ipotetico prossimo sviluppo, ma tutto ciò, in realtà, sta conducendo ogni consorzio umano progredito verso una retrocessione di tipo medievale molto severa.

E’ dunque necessario, per evitare spiacevoli guai per tutto il Paese, e, come ha asserito il sig Bossi, anche possibili sollevazioni di popolo con caccia al politico, che subito sia attuata una sana pianificazione della politica industriale che più non tenga conto di caste e privilegi perché il tempo delle parole sta per scadere… o è già scaduto? Molti, infatti, sono i segnali d’allarme che giungono da cittadini esasperati non solo ytalyoty!

Kiriosomega

Chiudete-la-gabbia.jpg

Commenta il post