Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

L'ANTIBANCOR, OVVERO CONTRO LA PLUTOCRAZIA

Pubblicato su 18 Giugno 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in IPHARRA

Pubblichiamo questa nota tratta dal blog di Ugo Maria Tassinari con il solo scopo di informazione. La lotta alla " demonia dell'economia" è stata intrapresa da lungo tempo da ambienti che definire di destra non ci sembra nè corretto nè giusto. Questi ambienti hanno superato, se mai ne fossero stati invasi, le ideologie ed la loro riproposizione politico-economica. Oltre alla collana l'Antibancor di cui parliamo in questa nota è doveroso ricordare anche la rivista Orion ( della quale abbiamo pubblicato nella rubrica pagine due articoli, ripromettendoci di pubblicarne altri ). Il significato di queste note vuole essere un tributo di verità a chi la lotta contro i finanzieri non la ha conosciuta ieri, con l'avvento della crisi, ma ne ha studiato e denunciato i fenomeni a partire dalla fine degli anni '70. Inascoltati da tutte le forze politiche, ripetiamo tutte nessuna esclusa, che facevano capo ai benpensanti di avanguardia della sinistra ed ai benpensanti di retroguardia della destra. Il campo dei ribelli e degli antisistema è ampio e variegato, non si interessa di precedenti trascorsi politici o di appartenenze alle varie formazioni partitiche: si interessa che il Fronte di lotta sia comune su obiettivi chiari e condivisi. Non siamo fascisti perchè il fascismo non è abbastanza radicale per noi e non siamo comunisti perchè il comunismo non è abbastanza radicale per noi. Claudio Marconi 
 

L'Antibancor, ovvero contro la plutocrazia

Dal blog di Ugo Maria Tassinari, giornalista e autore di alcuni studi sulla storia della Destra Radicale, riproduciamo questo scritto apparso nello scorso novembre.
 
L'Antibancor, ovvero contro la plutocrazia
 
“Gentile Lettore,
 
l’assenza di un ordine finanziario, e soprattutto di un assetto monetario, fa balenare all’orizzonte lampi di catastrofi economiche ben più distruttive di quelle provocate dal crac del 1929. Mentre accademici illustri e supertecnici degli istituti centrali di emissione – tutti ‘uomini rispettabili…’ – si ‘affannano’ […] nella ricerca di un parametro definitivo per determinare il valore reale delle monete, i vari espedienti escogitati […] crollano ingloriosamente, dopo aver permesso l’arricchimento di pochi individui a danno ora di questa, ora di quella Nazione. Crediamo quindi giusto affrontare i problemi finanziari e monetari secondo un’ottica totalmente diversa da quella classica […]: tanto puntuale nel proporre modelli econometrici, monografie brillanti e trattati monumentali, quando incapace di suggerire alle autorità politiche gli strumenti per impedire che la moneta – garanzia di sovranità nazionale – diventi un cappio intorno al collo del popolo.
 
Esistono nuove tecniche e nuove vie da esplorare, se si è capaci di distruggere le ‘gabbie’ nelle quali – in perfetta malafede – chi trae profitto da questo disordine vorrebbe continuare a tenerci chiusi. Per smantellarle, economisti e storici dell’economia hanno operato e continuano ad operare. Con il loro insegnamento e col contributo di quanti antepongono l’onestà intellettuale al proprio interesse economico e sociale, ci adopereremo affinché questo sistema, basato sull’enorme ‘bolla di sapone’ di denaro inesistente, acceleri il proprio collasso: si ripristinerà così l’economia reale – la sola adeguata al Bene della comunità nazionale.
 
Fronte Nazionale
 
Questo volantino, a firma Fronte Nazionale, fu distribuito con il primo numero di “L’Antibancor. Rassegna periodica di economia e finanza”, anno 1 n. 1, 1992. L’Antibancor si proponeva di “segnalare e sottolineare gli aspetti erronei e nefasti dell’attuale sistema monetario del ‘mondo occidentale’, così come esso si manifesta nella pratica finanziari quotidiana: tanto degli istituti centrali di emissione, quanto della finanza internazionale che ne è la suggeritrice, il motore e la guida” (nella quarta di copertina, i ‘quattro punti fermi’ dell’Antibancor). Una capacità di preveggenza, vista l'assoluta centralità attuale del problema, che il Fronte dimostrò anche intorno alla sua stessa ragione costitutiva: la lotta alle ondate migratorie. Poi si sa com'è andata a finire: Freda in galera, Calderoli al governo.
 
La Rassegna fu recensita dal quotidiano ‘La Stampa’:
 
Fascismo & Finanza. All' armi, siamo economisti Freda vara una rivista ANTIPLUTOCRATI di tutto il mondo, unitevi. L' appello arriva dall' inesausta voce del Fronte nazionale di Franco Freda. Ora il Fronte Nazionale si lancia nei territori dell' alta finanza con una edita dalle Edizioni di Ar e intitolata con trasparente allusione L' Antibancor. era infatti lo pseudonimo usato dall' ex governatore della Banca d' Italia Guido Carli nei suoi articoli su L' Espresso e ripreso a sua volta dal nome della valuta universale proposta da John Maynard Keynes alla conferenza di Bretton Woods. […]
 
L’indice del primo numero mostra la natura degli studi della rassegna curata dalle Edizioni di Ar: Plutocrazia (a firma Fronte Nazionale); i grandi banchieri; dal capitalismo di Stato al capitalismo privato; credito e promesse di pagamento, un sistema monetario alla deriva secondo un’analisi di Maurice Allais; economia di carta e politica economica monetaria; il divorzio del Ministero del tesori dalla Banca d’Italia; usurocrazia; la ‘Salomon Brothers e le miniere di re Salomone; altro.
 
Lo scritto ‘Plutocrazia’, si apriva con una citazione di Carlo Marx:
 
“Poco dopo la sua nascita, la società moderna trascinò per i capelli Pluto fuori dalle viscere della terra, e salutò l’oro come il suo Santo Graal”.
 
La rivista fu pubblicata in cinque numeri (il primo fu, poi, ristampato; quindi i numeri sono tutti disponibili: www.edizionidiar.it – la collezione, euro 50,00). L’antibancor, divenne successivamente una collana editoriale delle Edizioni di Ar, nella quale sono stati inseriti i testi di studio sugli stessi argomenti della rivista:
 
- Francesco Avigliano - L’enigma sociale.
 
- Gertrude Coogan - I creatori di moneta. Chi crea la moneta? Chi dovrebbe crearla?
 
- Walter Beveraggi Allende – Teoria qualitativa della moneta. Contro il monetarismo, l’inflazione, la disoccupazione.
antibancor.jpg
 
 
Commenta il post

almer 12/16/2013 15:24

Vi ho scoperto. Bene, avanti contro l'usura fatta passare per beneficienza..
Ave