Blog di frontediliberazionedaibanchieri

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

JIM ROGERS: "ARMAGEDDON DELLA FINANZA" CI SARA' LO STESSO

Pubblicato su 29 Giugno 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in MONETA -BANCHE - VARIE

Jim Rogers, tra i più famosi guru di Wall Street, non fa nulla per nascondere la propria cautela dopo l'accordo Ue.

New York - Jim Rogers, uno dei più famosi guru di Wall Street, è tra chi non esulta affatto dopo l'accordo raggiunto tra i leader dell'Eurozona. Tutt'altro. Tanto che afferma che "l'Armageddon della finanza" ci sarà lo stesso.

 "Soltanto perchè si è trovato ora un modo per permettere alle banche di accedere a maggiori prestiti, non significa che questa sia la soluzione al problema; anzi, questo è il modo di peggiorare la situazione", afferma il noto investitore. "Bisogna smettere di spendere soldi che non esistono. La soluzione al debito eccessivo non è l'aggiunta di maggior debito. Quanto questo accordo fa è consentire alle banche di avere un'opportunità di accumulare debito per un periodo di tempo più lungo".

Insomma, a suo avviso i governi devono smettere di salvare banche ormai fallite. "Avremo un Armageddon finanziario in ogni modo, con il resto del mondo che si rifiuterà un giorno di dare più soldi". E sottolinea: "cosa faremo tra due, tre, quattro anni quando i mercati diranno improvvisamente "niente più aiuti", i tedeschi si troveranno a secco e il debito americano avrà toccato nuovi massimi?

Ancora: "Quante volte tale situazione è accaduta negli ultimi tre anni? E' arrivato un annuncio, i mercati hanno segnato un rally all'inizio per poi, due giorni dopo, dire: aspettate un minuto, questo non risolve mica i problemi".

Fonte: wallstreetitalia  untitled.png

Commenta il post
Condividi questa pagina Facebook Twitter Google+ Pinterest
Segui questo blog