Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

ITALIA: USA E GETTA ? STOP

Pubblicato su 26 Gennaio 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

Non sempre tutto quello che pubblichiamo rispechhia nella sua totalità il pensiero del blog. Claudio Marconi

 

USA-e-GETTA.jpg

L'Italia sta marcendo in un benessere che è egoismo, stupidità, incultura, pettegolezzo, moralismo, coazione, conformismo: prestarsi in qualche modo a contribuire a questa marcescenza è, ora, il fascismo"

Parole sempre attuali, risalenti al 1962, del poeta Pier Paolo Pasolini, che ha descritto anzitempo la mutazione antropologica in atto, ed è stato assassinato brutalmente nel 1975, in ragione di un suo mirato interessamento alla pista petrolifera. Un valido movente che ha visto prima di lui l'eliminazione fisica di Matteotti, Mattei e De Mauro. 

Sembra pacifico. Con l'imperante paradigma militaristico, si corre verso il totalitarismo e l'autodistruzione. Di questi tempi, l'impotenza del cittadino è la forma specificatamente moderna di povertà, unitamente alla paura inculcata dalla nuova strategia della tensione. Non esistono più confini nazionali e la ricchezza si sta accumulando nelle mani di pochissimi (Rockefeller & Rothschild ), che decidono il destino dell'umanità, usando a livello locale camerieri di basso rango politico (parassiti).

La classe dirigente, priva di statisti, si fa per dire (sic!) è selezionata dall'alto, o meglio dall'estero, mentre dal basso con la farsa del voto è soltanto legittimata a dominare. E non lasciatevi infinocchiare dai soliti finti litigi tra destra, centro & sinistra, in questa stucchevole campagna elettorale.

L'unica soluzione per ottenere indipendenza e guadagnare la democrazia, è spazzare via l'intero sistema di potere eterodiretto - con intelligenza e non violenza - e mutare concretamente le regole in favore del bene comune.

Ripeto: si potrebbe partire da uno sciopero ad oltranza per paralizzare pacificamente l'intera Penisola. Insomma, una rivoluzione delle menti e dei cuori. Perché, come ci ha insegnato Gandhi, il cambiamento parte da noi stessi.

E poi certuni comicanti italioti che prendono ordini e lezioni che ripetono a pappagallo non fanno più ridere: si credono maestri di pensiero, guide spirituali, leader politici. Forse, è meglio che si trovino finalmente un lavoro e la smettano di ammorbarci ogni santo giorno con idiozie per far soldi sulla nostre spalle, rinfocolando il razzismo ed alimentando il qualunquismo.

E' maestro non chi trasmette la verità (fatto impossibile da realizzare) ma chi aiuta gli altri a trarla fuori dalla confusione delle loro opinioni, anche se in contrasto con le idee più diffuse e da tanti condivise.

L'essere umano è un prodotto di lotte intime e sociali, la cui soluzione provvisoria va cercata in quel dialogo infinito con gli altri, capace di allargare la propria visione del mondo, la cui angustia è la vera responsabile dell'acuirsi del dolore nell'apparente insolubilità dei problemi.

E' fondamentale non smettere di fare domande e di mettere in crisi tutte le risposte che sembrano definitive. Non possesso, ma ricerca della verità.

Io non voto ma conto! Stacchiamo la spina elettronica e scendiamo in piazza tra i nostri simili per conquistare la reale indipendenza!

di Gianni Lannes

Commenta il post