Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

INTERVISTA A FREDIANO MANZI AL 12° GIORNO DI SCIOPERO DELLA FAME CONTRO L'USURA

Pubblicato su 21 Febbraio 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

Frediano Manzi, fondatore dell'associazione SOS racket e usura, il primo febbraio 2012 ha iniziato uno sciopero della fame per sensibilizzare l'opinione pubblica riguardo il dramma dell'usura.
Migliaia di persone, vittime di usurai, non possono accedere ai fondi statali solo per il fatto di non essere possessori di partita IVA, così si crea il paradosso che per lo stato esistono due categorie di cittadini: quelli che denunciano gli usurai ed, essendo in possesso di partita iva, accedono al fondo e quelli, che pur si espongono a gravi ripercussioni denunciando gli aguzzini, non possono neanche sperare di accedere a questi fondi.

Manzi in questa intervista non risparmia attacchi a nessuno, destra, sinistra, associazioni antimafia istituzionali, ministri, giornalisti, questori, prefetti, carabinieri. Chiunque abbia delle responsabilità dirette o indirette viene senza paura denunciato.

Manzi è un esempio di coraggio, di lotta alla mafia e di onestà intellettuale. La sua battaglia è quella della povera gente, la sua indipendenza da logiche partitiche lo rende inviso non solo ai malavitosi ma a tutta la classe politica per questo motivo è costretto a forme di lotta estrema che potrebbero mettere a repentaglio la sua salute e, Dio non voglia, la sua stessa vita.

Non lasciamolo solo, la sua battaglia è la battaglia di tutti.
Commenta il post