Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

INCHIESTA CRISI EUROZONA

Pubblicato su 4 Maggio 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in MONETA -BANCHE - VARIE

Cari amici e affezionati lettori,
Vorrei segnalarVi una mia piccola iniziativa editoriale. In collaborazione con http://www.investireoggi.it – un portale di news economiche – ho deciso di approfondire la questione della crisi dei debiti sovrani e, di conseguenza, aprire un “dossier”.
INCHIESTA CRISI EUROZONA
a cura di Stefano Fugazzi 
A dieci anni dall’entrata in vigore della moneta unica, il «Progetto Europa» di Jean Monnet, François Perroux e Robert Schuman – i padri fondatori dell’UE – sta vivendo una delle pagine più buie della propria storia. E’ la crisi un atto voluto oppure è la conseguenza del fallimento istituzionale del «Progetto Europa»?
Ho identificato TRE possibili scenari:
1. Il «Progetto Europa» è un atto diabolico finalizzato a riportare in auge le élite di potere, i “reinters”, gli esponenti del Vero Potere.
2. La crisi è la logica conseguenza del fallimento politico-istituzionale dell’Unione Europea, un soggetto (ormai) sovrano troppo complesso e, al tempo stesso, fragile.
3. La crisi – al pari di quella che contraddistinse gli anni ’30 del XX secolo (la Grande Depressione) – favorirà i grandi gruppi finanziari e, nel caso nostro, quelli dell’area non-Europa. I requisiti imposti dall’Eba (l’autorità bancaria europea) e da Basilea 3 potrebbero dare un “aiutino” ai gruppi orientali (cinesi) e del Nuovo Continente (non solo Usa ma anche quelli impropriamente definiti “emergenti” come il Brasile). Approfondisco quest’ultima ipotesi nella terza ed ultima settimana.
Dossier Crisi Eurozona / Parte 1 – Debiti sovrani: una crisi annunciata
26/03/2012 – I due «mayday» ignorati da Bruxelles: la bolla dei mutui subprime del 2007 e il boom del debito greco negli anni successivi all’entrata in vigore dell’euro.
Dossier Crisi Eurozona / Parte 2 – Tre scenari per la moneta unica
27/03/2012 – La crisi dei debiti sovrani sta mettendo a repentaglio la sopravvivenza dell’euro. Tre scenari per comprendere il futuro politico-monetario dell’Europa.
Dossier Crisi Eurozona / Parte 3 – Grecia: il manuale della bancarotta perfetta 
29/03/2012 – Alla scoperta della crisi economica greca. I quattro elementi che hanno trascinato il Paese ellenico (e l’Europa) in un vicolo cieco.
Dossier Crisi Eurozona / Parte 4 – Intervista a Paolo Barnard: È in corso un colpo di stato finanziario?
30/03/2012 – Intervista al noto giornalista Paolo Barnard sulla crisi dei debiti sovrani e, più in generale, sul ruolo ricoperto dalle élite di potere (i “rentiers”, gli esponenti del “Vero Potere”) all’interno del quadro politico-economico internazionale.
Dossier Crisi Eurozona / Parte 5 – UE, problemi di governabilità politico-economica
02/04/2012 – La corsa a Est dell’Unione Europea e il sopraggiungere della crisi dei debiti sovrani hanno evidenziato la fragilità politico-economica del Vecchio Continente.
Dossier Crisi Eurozona / Parte 6 – Perché la Bundesbank “deve” salvare l’Euro
03/04/2012 – È Bundesbank il vero prestatore d’ultima istanza dell’eurozona. Qualora la moneta unica si dissolvesse, Bundesbank rischierebbe di perdere parte dei 500 miliardi di euro prestati all’Eurosistema
Dossier Crisi Eurozona / Parte 7 – Meccanismo Europeo di Stabilità: il Salva-Stati di Bundesbank
04/04/2012 – La duplice funzione del nuovo Salva-Stati: stanziare fondi per fronteggiare una nuova crisi greca e permettere a Bundesbank di ricuperare i crediti verso l’Eurosistema.
Dossier Crisi Eurozona / Parte 8– I veri vincitori della crisi del debito: le grandi banche USA e cinesi
10/04/2012 – La crisi dei debiti sovrani e i nuovi requisiti di vigilanza prudenziale favoriranno le grandi banche d’affari USA e (soprattutto) quelle cinesi..
Dossier Crisi Eurozona / Parte 9 – Il tramonto delle teorie keynesiane
13/04/2012 – A distanza di ottant’anni la teoria keynesiana del deficit spending può considerarsi superata. Ritornerà in voga la finanza neutrale?
 
Fonte: stefanofugazzi  dossier-crisi-eurozona1.jpg
Commenta il post