Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

IL TRUCCO CONTINUA

Pubblicato su 4 Agosto 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

Cominciamo col dire che nessuno é in grado di prevedere che succederà in caso di uscita dall'euro.
Che poi bisognerebbe anche distinguere se unilaterale di un solo paese o concordata per tutti o addirittura a causa del crollo euro.Le variabili sono tante.Se dovessimo stare alla storia,nel 92 (dopo che il solone Ciampi bruciò 40 mila miliardi in una sciagurata difesa della lira),a seguito della successiva svalutazione,calò addirittura l'inflazione,dal 5% al 4% ..(dati OCSE ).
Questo per dire quanto improbabili possono essere certe conclusioni catastrofiste di uscita euro.Ora,i capitali che contano già sono fuggiti dall'Italia,in caso di uscita probabilmente dato l'impulso produttivo ed export conseguente ad una svalutazione,magari rientrerebbero per essere investiti in attività produttive.
Sono tutte ipotesi ovviamente,improbabili o probabili come tante altre dei catastrofisti.Le variabili sono molte e poco quantificabili per una previsione.
Io però farei un'altra domanda circa opportunità,convenienza e sopratutto costi,e cioè; quanto ci é costato,quanto ci costa e ci costerà in futuro permanere in questo baraccone traballante europeo?
Sicuramente,molto di più che uscirne.

Ora si parla di intervento BCE,ma per noi non cambierà nulla,saremo sottoposti sempre allo strozzinaggio, pur con interesse inferiore sui bond.Il meccanismo perverso resta in funzione.
Questo di Draghi é solo un'ulteriore regalo agli amici per liberarsi di titoli spazzatura e metterli in pancia alla BCE,che non potrà mai essere come la FED (vietato dallo statuto),se non temporaneamente.....un contentino....(Draghi ha detto che la BCE interverrà "nei limiti del ns mandato".Pochi han fatto caso a questa frase...beh..leggetevi questo mandato e si capirà che non potrà mai essere una misura definitiva.).
Potete scordavi una BCE prestatore in ultima istanza!
Immaginatevi se poi i tedeschi e loro amici intendono socializzare ad libitum il debito europeo! Perderebbero tutti i vantaggi.Non vogliono infatti uscire dall'euro,ma mantenere la situazione così com'é (pur con qualche concessione ai Piigs per non uccidere la gallina dalle uova d'oro),una situazione che fa loro molto comodo.
Insomma,non segherebbero mai il ramo su cui stan comodamente seduti,ma non ne vogliono certo scendere.

Molti si chiedono perchè solo ora questo intervento,quando fatto prima ci avrebbe evitato tanti guai,Monti compreso...
Il signor Draghi lo conosciamo....interviene ora perchè si stava sfasciando il giocattolo usuraio,e non come credono i grulli per favorire gli Stati,ma solo per favorire gli amici strozzini nel continuare a spremerci.
Cosa può accadere, dunque? Il rischio,ma più una certezza, è che la Bce voglia solo guadagnar tempo, durante il quale assisteremo a una lunga agonia e a un consolidamento della cosiddetta “mezzogiornificazione” degli Stati periferici europei.
Con il risultato finale di vedere a un certo punto comunque implodere l’attuale zona euro.

Il funerale é solo rimandato.
Fonte: stavrogin2  tre-carte.jpg

Commenta il post