Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

IL SERVIZIO DE LE IENE: LE BANCHE APPLICANO TASSI DI USURA SUI MUTUI

Pubblicato su 6 Giugno 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in MONETA -BANCHE - VARIE

Nella puntata di ieri de Le Iene è andato in onda un servizio di Pelazza dal titolo "Quando le banche sbagliano".
Il tema centrale del servizio era quello sui tassi d'interesse applicati dalle banche sui prestiti, interessi così alti da poter essere tranquillamente considerati interessi d'usura.

Cos'è il tasso d'usura?
Ogni 3 mesi la Banca d'Italia stabilisce il tasso massimo d'interesse, detto tasso soglia, che le banche possono applicare quando i clienti chiedono un mutuo o un fido.
Se si supera il tasso soglia, si parla di usura e i clienti, per via legale, posso chiedere indietro i soldi.
Come capire se sul vostro conto sono stati applicati interessi usurari?
Per prima cosa dovete richiedere alla vostra banca l'estratto conto(per legge è obbligata a darvi i documenti degli ultimi 10 anni); poi vi servirà il contratto di apertura di credito in conto correnteche avete firmato all'inizio del rapporto con la banca e il contratto di fido o del finanziamento che avete stipulato.
Si possono controllare tutti i conto correnti, anche quelli già chiusi, purchè il rapporto con la banca non sia terminato da oltre 10 anni, altrimenti c'è la prescrizione.
Tutti questi documenti la banca è obbligata a fornirli.
Gli interessi usurari sono soprattutto presenti sui mutui ipotecari per l'acquisto della casa.
In questa tipologia di contratto, c'è un'anomalia nel tasso di mora,ovvero nel tasso che la banca si fa pagare in aggiunta nel caso in cui il cliente non riesca a pagare qualche rata.
Tutto questo non è illegale, ma lo diviene nel momento in cui sommando il tasso di mora al tasso nominale annuo del mutuo si supera il famoso tasso soglia, finendo così nell'usura.
Per esempio: supponiamo che il tasso soglia sia dell'8,04%. Sul nostro contratto abbiamo un tasso nominale del 5,6% e un tasso di mora del 3%.
Bene, se prendessimo in considerazione solo quello nominale, tutto sarebbe corretto, ma se sommiamo a quest'ultimo il tasso di mora, raggiungiamo un tasso dell'8,3% che  è maggiore del tasso soglia di 8,04%.
In questo caso, il contratto è nullo perchè usurario sin dall'origine.
L'art. 1815 comma 2 del codice civile dice:
"Se sono convenuti interessi usurari , la clausola nulla e gli interessi sono dovuti solo nella misura legale".
Quindi, anche se la banca non ha mai applicato o fatto pagare il tasso di mora, questi contratti sono illegittimi e in questo caso la banca deve restituirvi gli interessi pagati sino a questo momento e non dovrete pagare più interessi per il futuro.
Per vedere il tasso soglia di ogni anno e quindi sapere se il vostro contratto è usurario o no, ecco il link della Banca d'Italia.
Fonte: elisacarriero.blogspot.it
Commenta il post

SiamoTuttiProfessori 11/13/2013 18:55

Questo articolo è pieno di errori: non ci si improvvisa su un materia così complessa.
1. per la soglia non va considerato il tasso nominale annuo ma il TEG
2. e' sbagliato l'esempio: il tasso di mora non può essere un tasso inferiore al tasso nominale annuo (altrimenti nessuno pagherebbe la rata alla scadenza)
3. quel 3% a cui fate riferimento è la differenza tra la mora e il TAN
4. la differenza del punto 3. (il 3%) non può superare i punti 2,1 (tasso di mora in usura)
5. in tutto l'articolo non si parla del tasso di mora in usura (il 2,1 del punto 4.)
6. il tasso soglia (8,04% - con questo valore stiamo di un mutuo a tasso variabile) per definizione non include la mora

Quindi per capire che si era in usura non serviva alcun calcolo, bastava considerare quanto riportato nel punto 4. (il delta di 3% è oltre il 2,1%) e non confrontare il tasso soglia (che per quanto detto al punto 6 non considera la mora) con il TAN + il delta: quel calcolo non ha senso perché mischia capre e cavoli.

AntiUsura 07/02/2013 08:59


Per verificare se il tasso applicato al mutuo supera il tasso soglia!


Per il calcolo offline L'Aduc ha predisposto un foglio excel scaricabile qua'


oppure online qua'


saluti