Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

I PAESI DELL'EST NON ADERISCONO ALL'EURO: " NON CONVIENE PIU' "

Pubblicato su 10 Settembre 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in MONETA -BANCHE - VARIE

Polonia, Lituania, Lettonia e Bulgaria rinviano a tempo indeterminato la loro adesione all’euro. La devastante crisi economica che ha colpito Portogallo, Spagna, Grecia, Irlanda ed anche Italia ha smorzato gli iniziali entusiasmi e gettato ombre su tenuta e convenienza della moneta unica.
Le ultime dichiarazioni, in ordine di tempo, sono quelle del presidente bulgaro Bojko Borisov e del ministro delle Finanze Simeon Djankov, i quali hanno fatto sapere di voler rinviare a tempo indeterminato l’adesione all’euro da parte della Bulgaria. A rivelarlo a Bruxelles è stato Simon O’Connor, portavoce del commissario Ue agli Affari economici e monetari Olli Rehn.
In un’intervista al “Wall Street Journal”, Borisov e Djankov hanno infatti chiarito che tale decisione è dovuta all’appurato “deterioramento delle condizioni economiche” e “all’aumento dell’incertezza sulle prospettive del blocco comunitario”, oltre che “a un deciso cambio nell’opinione pubblica in Bulgaria sull’argomento”.
Parole forti, talmente forti che la Commissione Europea ha preferito non commentarle.
Ancor prima della Bulgaria, la Polonia aveva già cominciato a mostrare i primi segni di insofferenza: non a caso il ministro degli Esteri polacco Radoslav Sikorski ha fatto sapere che Varsavia aderirà all’euro solo se e quando la crisi sarà finita.
Identico proclama da parte della Lituania: “Si accetterà la moneta comune solo quando l’Europa sarà pronta”, parole del premier Andrius Kubilius. La Lettonia, dal canto suo, ha optato per una vera e propria marcia indietro: già impegnatasi ad adottare l’euro per il 2014, ha avvertito che potrebbe cambiare idea in seguito ad un’attenta analisi nel 2013.
Attualmente i Paesi dell’Ue che non hanno ancora aderito all’euro sono i seguenti: Bulgaria, Danimarca, Lettonia, Lituania, Polonia, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Svezia e Ungheria.
Con il Regno Unito che verosimilmente non aderirà mai, i dietro-front di Bulgaria, Lettonia, Lituania e Polonia rappresentano un serio campanello d’allarme.
Chi ancora non ha adottato la moneta unica sembra intenzionato a guardarsi bene dal farlo. Chi invece vorrebbe uscirne, avrà il coraggio di compiere il grande passo?

di Riccardo Ghezzi © 2012 Qelsi - Fonte: qelsi.it   bce-asta
Commenta il post