Blog di POPOLI LIBERI e COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Giulietto chiesa v/s il gov. monti e il silenzio sulla speculazione

Pubblicato su 6 Giugno 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in MONETA -BANCHE - VARIE

il video risale al mese scorso. giulietto chiesa dipinge un quadro fosco sul quadro economico italiano ed internazionale. il sistema bancario mondiale ha creato il debito. ciononostante l'europa concede alle banche 2000 miliardi di euro di prestiti al tasso dell'1% in nome di una futura crescita. chiesa contesta aspramente le previsioni e le misure che adotterà il governo monti saranno un ulteriore motivo di recessione. chiesa prevede una grande rivolta popolare nel nostro paese. 
Commenta il post

francesco miglino 07/06/2012



ANDREW JACKSON – ABRAMO LINCOLN – JAMES ABRAM GARFIELD –
WILLIAM McKinley – JOHN FITZGERALD KENNEDY SONO STATI RICORDATI OGGI
4 GIUGNO 2012
GIORNO PROCLAMATO ANNIVERSARIO DELLA LIBERAZIONE DEI POPOLI DAL PARASSITISMO FINANZIARIO.


I 5 PRESIDENTI DEGLI U.S.A. SONO STATI INCORRUTTIBILI E FEDELI ALLA COSTITUZIONE ED ELEVATI A SIMBOLI DA CONTRAPPORRE AI POLITICI INDEGNI CHE, PER DENARO, TRADISCONO LE COSTITUZIONI ED I LORO
POPOLI E SPALANCANO LE PORTE DEI LORO PAESI ALLA FINANZA PREDATORIA .


Il Gruppo San Francesco al completo, gli invitati e Francesco Miglino, hanno reso omaggio con commozione e riconoscenza:
al settimo presidente U.S.A. ANDREW JACKSON;
al sedicesimo presidente U.S.A. ABRAMO LINCOLN;
al ventesimo presidente U.S.A.  JAMES ABRAM GARFIELD;
al venticinquesimo presidente U.S.A. WILLIAM McKINLEY;
al trentacinquesimo presidente U.S.A. JOHN FITZGERALD KENNEDY.


Questi cinque presidenti americani non corrotti e fedeli alla Costituzione hanno smascherato ed avversato le devastanti pretese autoreferenziali di autentici predoni che, senza alcun consenso
popolare ed alcuna garanzia, si sono autoinvestiti del potere di emettere carta moneta (dal valore intrinseco della carta filigranata più il costo del bozzetto grafico e della stampa) e di
quello di addebitarne il valore nominale ai governi ed ai popoli. Cioè: io ti consegno una banconota di 100 € che mi è costata 5 centesimi e tu t’indebiti per 100 € più gli interessi.
I giovani americani, che hanno identificato nella grande finanza il loro vero nemico, debbono battersi per imporre ai nuovi politici il recupero della sovranità monetaria U.S.A., sia per
riscattare quelle fasce popolari sulla cui pelle sono state compiute operazioni finanziarie che le hanno ridotte in miseria, che per costruire il proprio avvenire.


 La libertà del popolo americano inizierà quando il prossimo coraggioso presidente emetterà la moneta con la scritta:  THE UNITED STATES OF AMERICA
francesco miglino
segretario partito internettiano

Condividi questa pagina Facebook Twitter Google+ Pinterest
Segui questo blog