Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

FAMIGLIA SUICIDA, LA FORNERO: " HANNO SENTITO IL PESO DELLA CRISI"

Pubblicato su 7 Aprile 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

AI FUNERALI I PARENTI DELLA FAMIGLIA SUICIDA CONTRO LA BOLDRINI. LA CGIL ACCUSA LA FORNERO: "TRAGEDIA LEGATA ALLA SUA RIFORMA". MA IL MINISTRO: "HANNO SENTITO IL PESO DELLA CRISI".

 

CHI NON DIVULGA LA VERITA' E' COMPLICE

E NEMICO DELL'ITALIA E DEGLI ITALIANI.

 

2012-11-fornero.jpg

 

La crisi economica continua a mietere vittime. Il tragico elenco dei suicidi si allunga di giorno in giorno in quella che ha sempre più i contorni di una tragedia di Stato a cui il governo Monti non riesce a mettere la parola "fine". 

 

La pressione fiscale da record, gli ingenti debiti contratti dalla pubblica amministrazione con le imprese, le riforme sbagliate che hanno indebolito il mercato del lavoro e la crisi finanziaria che sta mettendo in ginocchio l'intera Eurozona colpiscono indiscriminatamente pensionati, imprenditori, liberi professionisti e giovan

 

Ieri l'ennesimo suicidio: tre persone si sono tolte la vita a Civitanova Marche. Oggi, durante i funerali, i parenti delle vittime hanno criticato la presidente della Camera Laura Boldrini: "Faceva meglio a non venire...".

"È l'ennesima tragedia legata alla crisi del lavoro e del reddito delle famiglie", ha commentato a caldo il sindacato guidato da Susanna Camusso puntando il dito contro il ministro del Welfare Elsa Fornero e contro la sua riforma del mercato del lavoro. Lui, Romeo Dionisi, 62enne senza alcuna entrata economica; lei, Anna Maria Sopranzi, 68 anni, un assegno mensile di pensione minima. Un residuo di futuro buio, senza soldi, un futuro collassato dalla crisi. E hanno scelto di morire: si sono impiccati nel garage di casa, nascondendosi ancora una volta alla gente. Un dramma originato dalla crisi economica nelle Marche, già simbolo di sviluppo, e che a sua volta ha generato un altro dramma: il fratello di lei, ex operaio di 73 anni, appresa la notizia, non ha retto al dolore e si è tolto la vita anch’egli, gettandosi in mare. Nelle precarie condizioni economiche in cui vivevano i Dionisi, si trovano numerosi italiani. Secondo le ultime rilevazioni dell’Eurispes, il 60,6% degli italiani (tre su cinque)  è costretto a intaccare i propri risparmi per arrivare alla fine del mese; il 62,8% ha grandi difficoltà ad affrontare la quarta (quando non la terza) settimana. I dati non dicono che Anna Maria, Romeo, Giuseppe sono morti per questo. "Questo caso è ancora più grave perché coinvolge un lavoratore esodato che si è trovato nella condizione di non avere più né un lavoro né una pensione a causa della riforma Fornero", ha commentato la Cgil invitando i tecnici a "intervenire con misure efficaci per affrontare i temi del lavoro, della difesa dei redditi e di risolvere definitivamente la vergognosa situazione degli esodati".

Nel corso delle ore le accuse alla Fornero si sono moltiplicate. Accuse che, però, il ministro del Welfare ha subito respinto al mittente. "Sono profondamente addolorata per questo fatto tremendo e per la solitudine che devono aver vissuto queste tre persone - ha spiegato - evidentemente hanno sentito troppo forte il peso della crisi che stiamo vivendo". Davanti a questa tragedia, tuttavia, la titolare del Welfare invita a onorare la memoria dei tre suicidi lavorando in modo costruttivo. "Questo drammatico episodio - ha continuato - aggiunge dolore al mio stato abbastanza pesante di questi giorni in cui ho continuato a lavorare con il massimo impegno. E sia chiaro: non per creare problemi, ma per risolverli". La Fornero non ci sta a finire sul banco degli imputati e respinge le accuse che le sono state mosse dalla Cgil. A chi punta il dito contro di lei e il governo Monti, accusandoli di "eccessiva rigidità", ha replicato spiegando che se non avesse innalzato l’età per la pensione, sarebbe stata attaccata "per inefficienza". Sulle riforme del lavoro e delle pensioni, il ministro ha infatti voluto confermare la linea portata avanti in tutti questi mesi: "Ho sempre salvaguardato il bene non dell’Italia ma delle famiglie italiane che ho avuto e che ho a cuore. Perchè se non ci fossimo impegnati in quella direzione, se non avessimo fatto quelle scelte sarebbe stato un disastro per tutte le famiglie del nostro Paese".

 

FONTE: http://www.ilgiornale.it/news/interni/famiglia-suicida-fornero-hanno-sentito-peso-crisi-904051.html

 

*****

 

Chi ha permesso la nascita del Governo Monti?

 

Chi ha votato la fiducia ad un governo 

frutto di un colpo di stato plateale?

 

Chi ha voluto la Fornero al Governo? 

 

Chi l'ha eletta questa maestrina saccente e ipocrita,

 questa serva delle banche e boia a piede libero?

 

E la Cgil perché non denuncia la truffa del debito pubblico

invece di mentire e parlare di argomenti secondari?

 

E la Presidente della Camera di cosa parla?

E' ignorante o in mala fede?

 

CHI NON DIVULGA LA VERITA' E' COMPLICE

E NEMICO DELL'ITALIA E DEGLI ITALIANI.

 

Scritto da: Elia Menta - Tratto da: perchiunquehacompreso.blogspot.com

Commenta il post

Orazio 04/07/2013 19:05


La Cgil, deve obbligatoriamente fare il solito teatrino, perchè questo è quello che c'é stato in questi 30 anni, deve far vedere che è dalla parte del povero operaio, ben sapendo che di loro non
importa nulla.


Altro che forza di sinistra, è una sinistra forza.............

frontediliberazionedaibanchieri 04/08/2013 09:34



La CGIL, come dici tu ne ha fatte di cotte e di crude, ma la cosa peggiore  è che non fa più sindacato ma è diventata una cinghia di trasmissione politica del PD. C.M.