Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

ESPOSTO INVIATO ALLA COMMISSIONE EUROPEA PER LA SOPPRESSIONE DELLE ACCISE SCADUTE

Pubblicato su 5 Agosto 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

Esposto inviato il 29 Luglio 2012 alle ore 15:42 alla mail: SG-PLAINTES@ec.europa.eu

L’invio di un esposto alla CE è possibile anche tramite mail: leggere questa pagina.

 

ESPOSTO


Io sottoscritta Emilia Urso Anfuso, cittadina Italiana, contribuente e giornalista, residente a Roma, contattabile alla mail: emilia.ursoanfuso@gliscomunicati.coma mio nome e per conto dei cittadini italiani aderenti tramite petizione nazionale – allegato link alla petizione da me creata che continua a registrare centinaia e centinaia di firmatari –

 

 

espongo


una violazione del diritto Comunitario non ottemperato dalla Repubblica Italiana:
attualmente in Italia paghiamo diverse Accise calcolate sul costo del carburante per autotrazione. Le Accise che come si sa, sono imposte di scopo: hanno una data di entrata in vigore e una data di scadenza.

 

 

La data di scadenza, deriva dal fatto che – appunto – una imposta “di scopo”, venga generata al fine di creare cassa per un particolare scopo: terremoto, eventi avversi, motivi di ordine sociale…

Generato l’importo previsto per un determinato scopo, l’Accisa finisce naturalmente la motivazione per cui è stata generata, rimanendo comunque in essere fino alla data di scadenza che deve essere dichiarata dallo Stato italiano attraverso il Governo affinché essa abbia efficacia giuridica.

Ciò che accade invece da tempo immemore, è che in Italia vengono generate imposte di scopo (Accise) calcolate sul costo dei carburanti per autotrazione che hanno una data di entrata in vigore ed una data di scadenza. Detta data di scadenza però, NON viene mai messa in vigore, contrariamente alle normative vigenti ed alla stessa peculiarità fondamentale delle Accise in quanto imposte di scopo temporanee.

Chiediamo coralmente, che vengano verificate attentamente le modalità attraverso le quali in Italia a partire dall’inizio del secolo scorso, sono state calcolate varie accise sul costo del carburante per autotrazione e chiediamo che, quelle già scadute, vengano immediatamente soppresse e quindi scalate dall’attuale prezzo al consumo dei carburanti per autotrazione.

Rammento peraltro, le accise già scadute al 31 Dicembre 2011 fra le più recenti applicate:
10,6 centesimi d’euro per la missione in Libano del 1983;
1,1 centesimi d’euro per la missione in Bosnia del 1996;
2,0 centesimi d’euro per il rinnovo del contratto degli autoferrotranviari nel 2004;
0,5 centesimi d’euro per l’acquisto d’autobus ecologici nel 2005;
da 0,71 a 0,55 centesimi d’euro per il finanziamento alla cultura (per la parte scaduta nel 2011);
4,0 centesimi d’euro per l’emergenza immigrati a seguito della crisi libica del 2011 (di cui solo una parte minoritaria è stata effettivamente destinata allo scopo);
0,89 centesimi d’euro per l’alluvione in Liguria e Toscana del novembre 2011 (al raggiungimento della cifra preventivata).

Oltre, ovviamente, alle Accise risalenti addirittura a scopi relativi ad eventi di inizio secolo scorso:
1935 +1,90 lire per la guerra di Abissinia
1956 +14 lire per la crisi di Suez
1963 +10 lire per il disastro del Vajont
1966 +10 lire per l’alluvione di Firenze
1969 +10 lire per il terremoto del Belice
1976 +99 lire per il terremoto del Friuli
1980 +75 lire per il terremoto dell’Irpinia
1982 +100 lire per la missione in Libano

Inoltre, va ricordato che la normativa vigente NON permette di calcolare l’imposta i.v.a. sulle Accise, poiché secondo le normative vigenti in Italia in materia di Fisco, non è possibile calcolare una imposta su un’altra imposta, cosa che invece accade metodicamente sul calcolo delle aliquote – Accise – sui costi dei carburanti

In considerazione del periodo storico così critico economicamente parlando, noi cittadini italiani chiediamo che venga posta una particolare attenzione alla questione appena posta al fine di poter generare nel minor tempo possibile, le soluzioni che meglio possano condurre al taglio di aliquote obsolete ed ormai fuori norma che ancor oggi gravano pesantemente sul prezzo finale di un bene – il carburante per autotrazione – che è uno degli elementi fondamentali di una nazione industrializzata come la nostra.

Certi che i fatti esposti prendano la Vostra attenzione, attendiamo fiduciosi la risoluzione – in tempi brevi – della questione che grava sull’economia di ogni singolo cittadino italiano

In fede
Emilia Urso Anfuso
Cittadina italiana, contribuente, giornalista
Portavoce dei cittadini aderenti all’esposto in questione

Firmatari in evoluzione aderenti all’esposto:
http://www.firmiamo.it/accise–hanno-una-scadenza–denunciamolo-alla-ce#petition

Esempi e riferimenti normativi in vigore:
A l link che copio di seguito , è possibile leggere il termine di scadenza di una delle ultime Accise applicate al costo dei carburanti per autotrazione allo scopo di finanziare gli aiuti nei confronti delle popolazioni colpite dal tragico sisma in Emilia. In questo caso, la scadenza dichiarata all’interno del Decreto Legge 6 giugno 2012 n. 74 “Interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dagli eventi sismici che hanno interessato il territorio delle province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo, il 20 e 29 maggio 2012”

All’articolo 2 comma 3, è possibile leggere:

“Al predetto Fondo affluiscono, nel limite di 500 milioni di euro, le risorse derivanti dall’aumento, fino al 31 dicembre 2012, dell’aliquota dell’accisa sulla benzina e sulla benzina con piombo, nonché dell’aliquota dell’accisa sul gasolio usato come carburante di cui all’allegato I del testo unico delle disposizioni legislative concernenti le imposte sulla produzione e sui consumi e relative sanzioni penali e amministrative, di cui al decreto legislativo 26ottobre 1995, n. 504. La misura dell’aumento,pari a 2 centesimi allitro, e’ disposta con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle dogane. L’articolo 1, comma 154, secondo periodo, della legge 23 dicembre 1996, n. 662, è abrogato.

Link al DL 6 giugno 2012 n. 74:

Altri riferimenti normativi:

Testo Unico sulle Accise. Decreto Legislativo 26 Ottobre 1995, n. 504.

 

http://www.stampalibera.com/?p=49947

 

copertina.jpg

 

Tratto da: Esposto inviato alla Commissione Europea per la soppressione delle Accise SCADUTE | Informare per Resistere http://www.informarexresistere.fr/2012/08/04/esposto-inviato-alla-commissione-europea-per-la-soppressione-delle-accise-scadute/#ixzz22gODZySg
- Nel tempo dell'inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario!

 

Commenta il post