Blog di frontediliberazionedaibanchieri

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

" ENTITA' EUROPEA" AVVISATA, MEZZA SALVATA ?

Pubblicato su 7 Maggio 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

Crociati dell'economia che deve dirigere tutto -nel senso dei cinque dogmi di Mastricht- predicati dalla Chiesa Globalista dei Santi Liberisti ai loro Ultimi Giorni.

Sarkozy va a casa, i greci spazzano i sadici partiti del rigorismo e della resa al totalitarismo dell'interesse esponenziale posticipato ed eterno. Battuta d'arresto per il fondamentalismo globalista imposto dagli emissari liberisti che si sono impossessati abusivamente della dirigenza dell'Europa. La loro marcia trionfale è ora coperta da cori di fischi e lanci di verdure marce. Non di pomodori (sono ormai un lusso). E' uno scossone, da cui si evidenzia l'avanzata di chi fa pollice verso ai liquidatori dello Stato-sociale ed ai becchini della sovranità nazionale. Pernacchie ad una elite cooptata o
autonominata che ha usurpato la direzione dell'economia e monetaria. In particolare, si fanno largo quelli che imboccano l'uscita di sicurezza dall'euro e dal non-Stato europeo.

"Entità europea" avvisata, mezzo salvata? Magari... Zapatero, Papandreu, quelli di Lisbona, cedettero rapidamente agli ultimatum estremisti, ritenendo di potersi muovere con agio nelle vesti del "neoliberismo di sinistra". Impossibile. Tra l'aumento generale della diserzione elettorale, li sostituirono dei ruspanti gallinacci dell'adiacente pollaio concorrente, i quali stanno somministrano posologie più massicce della stessa medicina. Questa classe dirigente che si è fatta espropriare di tutto a cambio di nulla, è oggi minimizzata al ruolo di sceriffo ed esattore di tasse da spedire oltrefrontiera. Privi di bussola, mappe, etica, dignità, e senza un "modello" minimalista emergenziale. Sarebbe troppo pretendere da loro un modello-Paese, economico o sociale. Devoti ed ostaggi dell'economia che deve dirigere tutto -nel senso dei cinque dogmi di Mastricht- predicati dalla Chiesa Globalista de Santi Liberisti ai loro Ultimi Giorni.

Se Hollande ripercorre questi passi -limitandosi a rinnovare gergo e posologie- i risultati saranno analoghi. Ha il compito di recuperare alla Francia -e agli Stati nazionali- maggiore autonomia e potere sull'economia, quindi dovrà delimitare la libertà di manovra del "governo ombra" dell'entità europea. Costoro non rispondono più ai cittadini d'Europa a cui negarono la possibiltà di votare la Costituzione, dopo che in Olanda e Francia venne bocciata. Hollande deve ricordare quest'ultimo dettaglio, e che l'intruppamento nella NATO azzera il ruolo nazionale francese e strozza la possibiltà d'un polo europeo equidistante, votato alla pace ed al multipolarismo.

Dubitiamo che ciò possa avvenire senza una mareggiata di proteste sociali dilaganti, autorganizzate dal basso e tasversali alle residuali burocrazie politiche e sindacali. Contro una regressione sociale senza precedenti nell'ultimo mezzo secolo, hanno sfoderato una manciata di ore di sciopero.Il liberismo moderno venne partorito in Cile, con le cure del ginecologo-generale Augusto Pinochet, al prezzo di una feroce dittatura gorillesca. Il ciclo che ha portato i Paesi sudamericani verso l'uscita dalle dittature neoliberiste, è stato preceduto dalla disintegrazione dei partiti, antipolitica, diserzione elettorale, e poi dalla germinazione di anticorpi che si materializzarono in movimenti, in cui gli esclusi storici acquisirono peso specifico e protagonismo.

Il famoso "populismo" -che provoca spasmi e brufoli ad un arrogante ceto politico al capolinea- non è altro che questa forza sismica quando perviene a conformare ampie alleanze sociali, che divengono anche convergenze politiche. E' stata un'arma che ha modificato profondamente l'andazzo globalista. L'Argentina e la Bolivia -che hanno appena nazionalizzato (con indennizazione) gas ed energia elettrica- dopo aver estromesso il FMI hanno pagato il debito, aumentato la riserva monetaria, ampliato i servizi per l'educazione, salute, alimentazione e previdenza sociale.L'entità-europea va rigogliosamente in senso opposto. Il suo governo-ombra, in piena fregola neocoloniale, vorrebbe promuovere sanzioni e rappresaglie per il delitto di "leso liberismo". A Bruxelles sapranno che la Cina, India e Russia sono felici di prendere il loro posto?

Fonte: vocidallastrada - Scritto da: Tito Pulsinelli   sar-ko.jpg

Commenta il post
Condividi questa pagina Facebook Twitter Google+ Pinterest
Segui questo blog