Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

EMMA BONINO E' UN OGM.....FACCIA IL PRESIDENTE DELLA MONSANTO

Pubblicato su 7 Aprile 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

Riceviamo dal Prof. Giuseppe Altieri e volentieri pubblichiamo. Claudio Marconi
24243430_emma-bonino-ottima-presidente-della-monsanto-0.jpg
Con grande preoccupazione abbiamo ascoltato della candidatura di Emma Bonino a Presidente della repubblica Italiana.
Rammento che Emma Bonino, nel periodo alla Commissione Europea e non solo si impegnò molto a favore degli OGM
1. introduzione delle soglie di tolleranza di OGM negli alimenti, senza etichettatura, che avviarono la contaminazione e commistione dellle derrate alimentari nei supermercati italiani e dell'ambiente, attraverso il Trasferimento Genico Orizzontale delle particelle di DNA transgenico nei batteri e nell'ambiente...
2. raccomandazioni per la coesistenza (impossibile) con le coltivazioni OGM...  per fortuna non applicata in Italia
3. promotrice della Marcia degli "Scienziati" Manipolatori del Dna, che volevano essere liberi di invadere l'Italia con gli OGM...
4. Interventi continui sulla stampa a favore della contaminazione con OGM senza eitchettatura anche dei prodotti Biologici...
cavillo di Troia che avrebbe dovuto consentire finalmente (per la Monsanto e le altre Multinazionali transgeniche), anche la semina di OGM in Europa e in italia
... e molto altro...
....insomma
un'ottima Presidente dellla "Repubblica secondo Monsanto"....
Prof. Giuseppe Altieri, Agroecologo
ACCADEMIA MEDITERRANEA PER L'AGROECOLOGIA E LA VITA (AMA la Vita)
------------
Studio AGERNOVA - Servizi Avanzati per l'Agroecologia e la Ricerca
Loc. Viepri Centro 15, 06056 Massa Martana (PG)
tel 075-8947433, Cell 347-4259872

La Bonino, in un articolo su repubblica del 2009 (riportato di seguito), confonde ben bene le idee alla gente sulla Coesistenza con gli OGM  e necessità di contaminare il Biologico... Per quel motivo andai con Beppe Grillo al Parlamento Europeo, ospiti di Giulietto Chiesa, cercando di scongiurare l'approvazione della contaminazione dei prodotti biologici con OGM ... senza etichettature... e partecipai con interventi allo show di Beppe Grillo "reset" a Rieti... ma non ci fu nulla da fare... passò la soglia di "intolleranza" di 9 grammi di OGM per kg di ingrediente (0,9%) , quale "Cavillo di troia" per consentire poi le coltivazioni di OGM... come si può capire facilmente dall'articolo della Bonino.

Ora il M5S deve chiedere con forza che l'Italia applichi la tolleranza zero OGM sul Biologico e in tutti gli alimenti, come tutela della sicurezza ed informazione corretta dei consumatori, ai sensi del codice dei consumatori ed utenti... con tests Presenza /assenza di OGM ed etichette obbligatorie per i prodotti importati... visto che in Italia gli OGM non si possono coltivare.

PS: Nel gioco delle Parti, come potete leggere dall'articolo della Bonino, Carlin Petrini, Presidente di Slow Food, chiedeva una tolleranza di OGM nel Biologico di solo 1 grammo per Kg di ingrediente (0,1%)... ?!! ... prendendo in giro gli Italiani con un "Cavillo di Troia" un pò più piccolo... ma sempre (in) tolleranza di OGM nel Biologico si tratta... 

Per fortuna oggi c'è Il M5S e una promessa di Beppe Grillo al tempo di aiutarci a fermare gli OGM in Italia: Forza Ragazzi !!

Saluti,

Prof. Giusepep Altieri

tel 075-8947433

OGM, PERCHE' LA NORMA UE GARANTISCE I CONSUMATORI

La Repubblica - 25 novembre 2008 di Emma Bonino* 

Caro Direttore, Ho letto con attenzione l'articolo di Carlin Petrini sugli Ogm e il loro supposto "assalto" al biologico (La Repubblica, 20 novembre). Posso dissentire con le sue tesi, nonostante la nostra comune età ed origine braidese? 1) Per Petrini il 1° gennaio 2009 sarà una giornata di lutto perché segnerà la scomparsa definitiva dell'agricoltura biologica. Tranquilli: quella fatidica data non cambierà una virgola della normativa europea per quel che riguarda la soglia di presenza accidentale di Ogm nel biologico. Il regolamento comunitario che entra in vigore il 1° gennaio prossimo è la mera applicazione di quanto già previsto dalla Commissione europea con la sua Raccomandazione del 2003 (556/2003) sulla coesistenza tra colture transgeniche, convenzionali e biologiche, e il Regolamento dello stesso anno (1829/2003) sugli Ogm, dove viene indicato che la presenza accidentale di Ogm dei prodotti alimentari, sia convenzionali che biologici, non deve essere segnalata sull'etichetta se il livello è e resta al di sotto della soglia del 0,9%. Nulla di nuovo sotto il sole, quindi. 2) Petrini chiede di fissare la soglia a 0,1%, cioè la percentuale minima rilevabile. Segnalo che neppure la federazione mondiale per l'agricoltura organica (IFOAM) è su una posizione così integralista (e isolata: in Europa solo 4 Stati membri su 27 la sostengono). L'IFOAM è per un totale divieto dell'ingegneria genetica ma realisticamente sostiene, tenuto conto che prodotti Ogm sono già in circolazione, sugli scaffali come nei campi, che qualsiasi soglia, anche de minimis, non può che essere decisa arbitrariamente ed è quindi di per se in contrasto con i principi della coltivazione organica. Meglio quindi una legislazione meno stringente che non obblighi i produttori di biologico a costose analisi: diversamente, agli occhi dell'IFOAM, al danno si aggiungerebbe la beffa. 3) Nessun Consorzio di tutela ha un prodotto che si vende perché biologico. Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Prosciutto di Parma, Prosciutto di San Daniele vendono per miliardi di euro ed esportano in tutto il mondo, come prodotti di punta del Made in Italy, perché sono sani, certificati, controllati e buoni, anche se provenienti da allevamenti che usano mangimi contenenti fino al 60% di soia da Ogm. E non può sfuggire ad alcun consumatore avvertito che il biologico che si vende nei supermercati è nella stragrande maggioranza impresso con il marchio dello stesso supermercato (GS ha ScelgoBio, Coop ha il suo...). Insomma, gli azionisti di riferimento del "Biologico Spa" sono le grandi catene di distribuzione dell'alimentare che hanno appena finito di affamare Parmigiano Reggiano e Grana Padano costringendoli a vendere le loro forme ad un euro sotto il prezzo di costo. 4) Ultimo punto, quello della sicurezza. Quante altre volte dovremo leggere notizie come quella della settimana scorsa proveniente da Pisa, dove ad una kermesse alimentare sul cibo naturale ci sono stati 9 intossicati, tra cui 3 bambini? Sono anni che mi batto contro l'equazione un po’ semplicista "prodotto senza Ogm uguale prodotto sicuro", che oltretutto suona come pubblicità ingannevole. Invece c'è forse una lezione da trarre dall'esperienza del mais Bt (l'unico Ogm coltivato in alcuni paesi europei), più sicuro per l'ambiente perché non usa pesticidi, più sicuro per il consumatore perché ha meno fumonisine, sostanze altamente tossiche alla salute umana abbondanti nel mais tradizionale ma ancor di più in quello biologico, e più conveniente per i coltivatori che arrivano a guadagnare fino a 400 euro in più per ettaro. Invece di nascondere a se stessi tutte queste criticità volando eccessivamente alto, a me pare più serio dire: facciamo un prodotto sano e garantito, sicuro per il consumatore indipendentemente dal suo metodo di coltivazione. Pensare di garantire solo quel 2% di italiani che acquistano biologico è a dir poco elitario. E chiedere di aumentare i prezzi dei prodotti alimentari convenzionali del 2-4%, come propose Petrini l'anno scorso, per agevolare una migrazione al biologico è una scelta irrispettosa della gente che già ha difficoltà a fare la spesa e, soprattutto, non garantisce maggiore sicurezza alimentare. *Vicepresidente del Senato

-----------------
ulteriori informazioni sulla Bonino... 

Il giorno 06/apr/13, alle ore 01:13, Livio Giuliani ha scritto al fatto quotidiano:
Caro Direttore 
il collega Prof. Giuseppe Altieri, noto agroecologo, esprime in calce il suo disappunto per questa campagna di stampa favorevole che sostiene la candidatura di Emma Bonino alla Presidenza della Repubblica. Candidatura nefasta, per le ragioni che il Prof. Altieri spiega bene.
Aggiungo che la famosa campagna per le presidenziali che Emma Bonino fece anni fa è stata pagata da noi. Perché fu pagata con 6 dei miliardi versati dalla RAI a Radio Radicale  per acquistare:
1) il diritto a svolgere un servizio, quello delle riprese delle sedute del Parlamento, che era ed è sempre stato della RAI;
2) le stazioni radio fatiscenti di Radio radicale, con la motivazione, all'apparenza,  truffaldina, che trattavasi delle stazioni radio dedicate alle riprese del Parlamento, mentre Radio Radicale tratteneva nel suo patrimonio le stazioni radiotrasmittenti efficienti. Dopo una segnalazione dei sindacati RAI, per i quali le stazioni cedute da Radio Radicale non erano praticabili perché in contrasto con le norme del d.lgs. 626/1994 -, come  mi fu riferito allora  da un tecnico addetto al Centro RAI di Pescara - San Silvestro durante una mia verificazione disposta dal TAR Abruzzo Sez. Pescara - la RAI affidò proprio a Radio Radicale la "gestione" delle stazioni in tal modo acquisitate; di fatto per le trasmissioni parlamentari vennero utilizzati gli impianti costruiti dalla RAI e le altre, in generale, non vennero piu' utilizzate, salvo la corresponsione da parte della RAI di un esoso canone di gestione.
Segnalo che la pretesa titolarità dei diritti di ripresa delle sedute parlamentari fu rivendicata da Radio Radicale, non senza manifestazioni degli attivisti del partito Radicale, e riconosciuta dal Presidente del Consiglio Ciampi che inopinatamente riconobbe 10 miliardi l'anno per tali servizi. Di lì la pretesa radicale divenne un titolo cedibile e fu, come sopra ceduto ... a carico nostro.
Segnalo altresì che la sbandierata stima europea di cui godrebbe Emma Bonino è pura invenzione della stampa che la sostiene: emma Bonino fu Commissaria europea dell'unica Commissione che fu cacciata anzitempo per le imponenti manifestazioni dei belgi che manifestavano contro la corruzione di quella Commissione (la prima cui prese parte Monti come commissario).
Segnalo inoltre che Emma Bonino, con il suo sodale Pannella,  è l'unica ad aver battuto il record di voltagabbana parlamentare, conquistato la prima volta da Gabriele D'Annunzio che, eletto deputato, passò dai banchi della sinistra a quelli estremi della destra. Emma Bonino è passata dai banchi della sinistra (si ricorderà quando i radicali  ingaggiarono una lotta con i comunistiper occupare i banchi di sinistra del Parlamento)  a quelli della destra, nel 1994, in maggioranza con Berlusconi, che la premiò con la nomina a Commissario europeo di quella  Commisione corrotta che fu sostituita dalla Commissione, dove dei due commissari italiani fu confermato il solo Mo; per passare di nuovo nei banchi della sinistra con il secondo Governo Prodi, dopo che il Partito aveva assunto la connotazione contraria alle istituzini europee di partito per gli Stati Uniti di Europa. Si ricorderà pure l'endorsement di Emma Bonino ad ognni avventura militarista: dal Kossovo, all'Afganistan, all'Iraq, dopo aver fatto credere per decenni agli italiani di essere pacifista e seguace di Gandhi. Appetto a lei scilipoti è un monumento di lealtà e coerenza.
Un caro saluto.
Livio Giuliani
Commenta il post

Orazio 04/07/2013 19:50


Se ben ricordo, ma il tempo ha sbiadito il ricordo, ma su internet lo si può ritrovare, la Bonino, era stata pescata con le mani nella marmellata a Bruxell e da li rispedita a casa.


Un nome ed UNA GARANZIA.


Non trovate?

frontediliberazionedaibanchieri 04/08/2013 09:37



Mi sembra anche a me di ricordare qualcosa del genere, vedremo di fare qualche ricerca. C.M.