Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

DIVIETO DI SCIOPERO IN GRECIA

Pubblicato su 13 Maggio 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

 Ma in Italia chi indice più scioperi? I sindacati ormai si sono messi a " pelle d'orso" rispetto al Governo, non si fanno più sentire, desaparecidos. Hanno sposato in pieno la causa dei tecnocrati europei e nostrani, dei lavoratori non gliene frega più nulla, l'importante, per loro, è mantenere le rendite di posizione. Claudio Marconi

download25.jpg

 

di Monia Benini -  2013. Nella Grecia dilaniata dal memorandum di intesa imposto dalla troika (Banca Centrale Europea, Commissione Europea, Fondo Monetario Internazionale) accade anche questo. Il primo ministro vieta lo sciopero agli insegnanti, ancora prima che questo venga convocato. Una vera e propria misura di repressione preventiva, giustificata con ragioni di ordine e sicurezza pubblica. Peccato che la Costituzione greca preveda la possibilità di vietare gli scioperi solo in caso di disastro, di coscrizione o di guerra. Appunto. Guerra. Anche da questo è oggi possibile vedere che i cittadini greci sono vittime di questa guerra silenziosa dell’Europa condotta delle banche e della grande finanza internazionale. La scuola, l’istruzione, la formazione costituiscono il futuro di un paese e quando vengono fatti a brandelli, con la chiusura di un numero impressionante di istituti (oltre 2000 dall’inizio della crisi), è il segnale evidente che lo Stato sta morendo. Fra l’altro, giusto per la cronaca, un articolo del 12 maggio sul Messaggero portava questo titolo: “Da settembre altre 485 scuole cancellate”. Nel corpo della notizia si leggeva che negli ultimi tre anni in italia sono stati chiusi ben 2600 istituti, per ottemperare all’obbligo di creare scuole con un minimo di 1000 alunni per ridurre la spesa pubblica. E’ l’austerity baby, e un popolo di ignoranti può essere condotto più facilmente al macello dalla dittatura finanziaria globale. L”Italia è sempre più vicina alla Grecia.

Tratto da: campagnadisobbedienzacivileedimassa.blogspot.it

Commenta il post