Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

DIETRO A CIPRO, LA GUERRA: MA PUTIN SVENTA IL COMPLOTTO

Pubblicato su 25 Marzo 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in EUROPA

In apparenza la posta in gioco è quella dei miliardi degli “oligarchi”, ma il vero obiettivo di Putin – nei panni di “salvatore” di Cipro – sarebbe ben più serio: salvare la pace nel Mediterraneo e allontanare la guerra che, attraverso la Siria, l’Occidente sta armando contro l’Iran. Lo sostiene un attento osservatore della politica russa, John Helmer: «Usa, Germania, Turchia e Nato pensano di avere quasi tutte le munizioni che servono per rovesciare il regime in Siria, come avevano già fatto in Libia, ma sembra che non trovino i 5 miliardi di euro necessari». Soldi indispensabili per «ripetere il trucco» finanziando la guerra coi depositi russi confiscati a Cipro. Inattesa contromossa di Putin: rifinanziare interamente le banche cipriote, emarginando l’Unione Europea e piazzando la Russia al centro del Mediterraneo. Con buona pace di Londra, che ha anch’essa manovrato per provocare il collasso di Cipro, cioè del maggior concorrente europeo dei paradisi fiscali britannici

 

Vladimir Putin

 

 

 

 

 

 

 

Con un’imperizia clamorosa, l’alleanza occidentale ha offerto a Putin «l’opportunità per mettere in atto una strategia dipotere nel Mediterraneo con un costo minimo e con un rischio controllato», sostiene Helmer su “Atimes”: «E’ una lezione obiettiva su quanto possa influire il denaro nella grande strategia degli armamenti». Analizzare la portata degli interessi russi, spiega il giornalista internazionale in un servizio ripreso da “Come Don Chisciotte”, rivela la possibilità che il Cremlino possa davvero “rovesciare il tavolo”, incuneando la potenza economica di Mosca nel “ventre molle” dell’Eurozona. Illuminante l’estrema prudenza dei media russi, così come il lungo silenzio del premier Medvedev, che ha atteso il “pronunciamento” di Putin, primo capo di Stato al mondo a condannare frontalmente l’operazione prospettata dalla Troika a Cipro, cioè il prelievo forzoso dei capitali in cambio del solito prestito della Bce. Di quei miliardi di euro, lascia intendere Putin, i ciprioti potranno fare a meno, se accetteranno l’aiuto di Mosca, destinato a spiazzare l’Occidente, da Bruxelles a Washington.

“Moody’s” pubblica un rapporto di Evgeny Tarzimov, secondo cui il prelievo sui depositi farebbe scattare una fuga di fondi dalle banche russe di Cipro, che a sua volta potrebbe obbligare le banche di Mosca a rifornire di contanti le loro controllate a Cipro. Ma le strutture finanziare russe ostentano tranquillità. Secondo Uralsib, l’eventuale “prelievo forzoso” dei miliardi stivati nei forzieri dell’isola mediterranea non farebbe “soffrire” il settore bancario russo: si parla dello 0,1%. Per Ivan Tchakarov di “Renaissance Capital”, il rischio-Cipro è pari allo 0,24% del Pil russo, percentuale «insignificante» dal punto di vista macroeconomico. Danni più rilevanti, invece, in caso di default di Cipro: Mosca potrebbe perdere 40 miliardi di dollari, prestiti concessi a società cipriote. Se Cipro dovesse imporre controlli sui capitali, le banche russe potrebbero affrontare perdite significative, pari a quasi il 2% del Pil. Una grande banca come la Vtb di Cipro, però, non vive la crisi come una vera minaccia: se le cose dovessero precipitare, annuncia l’amministratore delegato Sergej Dubinin, Mosca procederebbe ad un programma “in stile sovietico” per la nazionalizzazione del salvataggio: «Se saremo costretti a cedere il controllo allo Stato, il Nicos Anastasiadesgoverno russo potrebbe essere in grado di rifinanziare il governo cipriota, ma con una garanzia sovrana e non commerciale».

Già diversi mesi fa, aggiunge Helmer, nei negoziati con il governo di Nicosia alcuni colossi russi come Gazprom avevano gettato sul tavolo un’offerta clamorosa: acquistare e ricapitalizzare lebanche di Cipro. Allora, i ciprioti esitarono temendo di dover affrontare una valutazione realistica del loro portafoglio-prestiti, spaventati anche dall’ipotesi di pre-pagare l’operazione in termini di forniture energetiche. Oggi invece gli stessi businessman ciprioti, impossibilitati a rimborsare i prestiti bancari dopo il crollo del valore degli immobili, sarebbero più favorevoli all’opzione russa. Importante risvolto politico: si tratterebbe di un potente sostegno al neopresidente Nicos Anastasiades, al quale Germania e Olanda hanno teso una trappola: «Vogliamo proprio vedere se Nicos pensa ancora che Berlino e la Merkel sono amici suoi», dicono fonti cipriote. «Il sentimento dominante a Cipro – aggiunge Helmer – si sta spostando verso la nazionalizzazione dellebanche, per chiedere di uscire dall’Eurozona e rinegoziare un sistema completamente diverso nelle sue relazioni con Mosca».

La “battaglia di Cipro” è motivata da sufficienti interessi da parte russa? Probabilmente sì, ragiona Helmer, anche perché il piano finanziario dell’Unione Europea, organizzato in prima battuta contro Cipro, è in realtà «un attacco voluto contro gli interessi russi». Il salvataggio delle banche e dei loro correntisti a Cipro, dice il Cremlino, non serve a proteggere chi viola la legge in Russia. Come Medvedev, anche Putin vede la possibilità di una soluzione a breve termine, in un negoziato sul trasferimento dei dati e sulle responsabilità tra i russi e le autorità di controllo cipriote. Se invece Cipro dovesse finire ko, il crollo di Nicosia sarebbe un regalo straordinario per «il più grande centro di riciclaggio di denaro al mondo: Londra». Anche così, aggiunge Helmer, si spiega la dura campagna che la stampa inglese – John Helmerdal “Financial Times” all’“Economist” – ha condotto contro la Russia e Cipro, «tenendo ben nascosti gli interessi inglesi».

E a proposito di disinformazione: la rivista londinese “Private Eye” accusa entrambi i quotidiani di aver trasferito i loro conti in Lussemburgo ed evaso le tasse con l’approvazione delle autorità fiscali del Regno Unito. Proprio dal Lussemburgo – da soggetti come “Luxembourg Finance”, “Embankment Finance” e “Luxembourg Holdings” proviene l’attacco mediatico contro i depositi russi a Cipro. «Quello che farà adesso Putin – conclude Helmer – non sarà andare né a Londra né a Lussemburgo». Al contrario: «Se ne avrà la possibilità», il presidente russo tamponerà il crac di Nicosia e poi addirittura «salverà i greci dall’annegamento, mettendoci i soldi». In questo modo, il Cremlino darebbe scacco matto all’Eurozona, piazzando Mosca al centro degli interessi strategici del Mediterraneo. Soldi pronta cassa, grazie alla sovranità della banca centrale russa: e questo, per il futuro della pace, «conterà molto più che avere una flotta di sei fregate e incrociatori nel Mar Nero pronte ad entrare nel Mediterraneo per pattugliarlo permanentemente».

Tratto da: libreidee.org

Commenta il post