Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

DI QUALI ELEZIONI STIAMO PARLANDO ?

Pubblicato su 26 Settembre 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.  Ndr 

 

Un ingannevole psicodramma

La campagna elettorale è iniziata, si dice. Tutto lo spettro politico fibrilla. L'incertezza su quale sarà la legge elettorale aumenta l'agitazione e la confusione. Le primarie del Pd, il subbuglio in seno al Pdl (il Cavaliere si ricandida o no?), Monti entrerà in politica? E con chi eventualmente?

Lo spettacolo è già uno psicodramma nazionale. Un gran caos. Che esso sia iniziato a ben otto mesi dalla scadenza, non può non suscitare un sospetto, quello per cui questo caos sia funzionale alle forze dominanti, preoccupate assai dall'esodo dei cittadini "dalla politica", che non si rechino alle urne voltando le spalle a tutti i concorrenti, o che si "rifugino nel populismo". Il potere, spalleggiato dai suoi ammennicoli, farà tutto il possibile per portare i cittadini alle urne, e per questo deve rendere avvincente la contesa.

Il fatto è che questa contesa, a ben vedere, non è una contesa ma una pantomima, una sceneggiata. Una cosa oramai è chiarissima: chiunque vada al governo dovrà proseguire sulla strada tracciata dalla Ue e dalla Bce, in ossequio ai mercati finanziari globali. La politica economica italiana è oramai sovraordinata, imposta da poteri esterni, la sovranità nazionale scippata. In altre parole la democrazia, la facoltà del popolo di eleggere un Parlamento effettivamente sovrano, evaporata.

Tuttavia le classi dominanti malgrado abbiano oramai addomesticato il grosso dei partiti, (che hanno assecondato il Golpe bianco di Napolitano), sono preoccupate. Se l'astensione dovesse crescere in maniera consistente e se in parallelo "il populismo" ottenesse un successo nelle urne, sarebbe per l'establishment un enorme disastro. Per quanto truccata, la partita elettorale, ha una sua straordinaria importanza: malgrado tutto è infatti attraverso le elezioni che questo establishment ottiene legittimazione formale, il mandato a guidare il paese.

L'establishment teme che la forzatura compiuta mettendo in sella Monti, ovvero l'accettazione del protettorato europeo e la sovranità esterna, possa rivelarsi un boomerang letale. La recessione che avanza invece di indietreggiare ha fatto aumentare, a livelli inediti, un trasversale malcontento popolare, un malcontento che non riguarda più solo i soliti, ma anche amplissimi strati di ceto medio e di borghesia tradizionalmente conservatori. L'establishment e i suoi partiti-cinghia-di-trasmissione sono così in apprensione, presi dal panico. Per questo si agitano e preparano un secondo golpe, una legge elettorale super-truffa, che possa assicurargli il governo anche se venissero sconfitti.

In questo contesto cosa debbono fare i rivoluzionari? Quale esito elettorale dovrebbero augurarsi e quindi incoraggiare?

Abbiamo ripetuto a iosa che non si esce da questo marasma senza una sollevazione popolare. Essi debbono dunque, pur con le loro modeste forze, agire per aiutare la sollevazione a farsi strada. E come la sia aiuta? Anzitutto costruendo uno schieramento di alternativa, quello che chiamiamo, con un termine forse troppo antico, Fronte popolare. Un Fronte che domani sappia non solo incrociare la rivolta, ma indirizzarla a buon fine. Inutile farsi prendere dalle fregole azioniste e movimentiste, dalla smania di accelerare la sollevazione popolare. Nessuna rivolta sociale che si rispetti scoppia a comando. Ma quando quel momento giungerà noi dovremo aver saputo costruire la forza politica pronta a rappresentarla.

In questa prospettiva va inquadrata la posizione elettorale. Se l'orizzonte è la sollevazione a noi andrà bene qualsiasi risultato che azzoppi le forze che hanno dominato il paese, che l'hanno portato alla sfascio e quindi sottoposto a protettorato esterno. Molti giochi devono ancora essere fatti in vista delle elezioni, non tutti gli attori hanno scoperto le loro carte, ma possiamo già dire che l'esito più favorevole sarebbe la combinazione di due fattori: la crescita dell'astensionismo, da una parte e, dall'altra, l'affermazione delle liste che, chi in un modo, chi in un altro, non solo si oppongono a Monti, ma alla dittatura europea.

Tradotto in numeri: la situazione diventerebbe drammatica se i partiti di sistema non ottenessero il 50% dei voti degli aventi diritto, ovvero se, più del 50% fosse composto dalla somma delle astensioni (comprese schede bianche e nulle) e dei voti alle liste anti-Monti. Per questo dobbiamo aspettarci, da parte delle forze di potere, un'offensiva, già iniziata ma che diventerà più incalzante, contro il cosiddetto "populismo". Il nuovo spauracchio per intimorire i cittadini per non farli uscire dal recinto sistemico. Non cadiamo in questa trappola.

Fonte: antimperialista.it   psicodramma_corrado_sorbara.jpg

Commenta il post

Koenig m.b. 09/26/2012 15:48


Niente,l'inghippo del voto aldilà di quel 33-35%che già non vota,non lo vogliono capire.Di questi una piccola parte ostinatamente continua a farlo,per convinzioni che se mai siano state
valide,ora sono a dir poco passate.La rimanenza,i più numerosi continuano a farlo perchè,chi più,chi meno,hanno il loro tornaconto.Soluzioni?Una estrema sarebbe presidiare le urne,con le
inevitabili conseguenze.Si ma da chi?A questa non ho risposta.Purtroppo!