Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

DARE UNA CASA AI ROM: MA SENZA CANI, CHIARO!

Pubblicato su 8 Agosto 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

Pubblichiamo queste due notizie che sembrano venire da un altro mondo: a voi le conclusioni. Claudio Marconi

kyenge3.jpg

Gli italiani? Non le importano. Continua l’incredibile serie di dichiarazioni strampalate del Ministro Kyenge. Ora tocca ai rom

La maggiore richiesta che mi è venuta dai rom è quella di uscire dai campi. Ascolteremo il vostro grido, non vi lasceremo soli

La delegazione rom che ha incontrato a Torino le ha chiesto: cittadinanza, casa, lavoro, scuola.. Tutto… e lei ha preso l’impegno di aiutarli. Come se aiutare chi, nella realtà, non vuole integrarsi sia una priorità…

Un ministro per gli stranieri… fino a quando dovremo sopportarla?

Tratto da: ilradar.com

FOLLIA A ROMA: ZINGARI GIOCANO A PALLONE CON UN CUCCIOLO

INTEGRAZIONE – Gli zingari hanno utilizzato un cane di un mese per giocare a pallone, per poi buttarlo nell’immondizia. Adesso il povero cucciolo avrebbe danni permanenti.

Ennesimo episodio allucinante da parte degli zingari del campo rom di Castel Romano. Le associazioni animaliste hanno più volte denunciato episodi di maltrattamento sugli animali nella zona, ma quanto successo negli scorsi giorni è semplicemente aberrante.

Gli zingari hanno utilizzato un cagnolino di un mese per giocare a pallone, prendendolo a calci. Quando poi il “pallone si è rotto” è stato gettato mezzo agonizzante nell’immondizia. Alcuni passanti hanno sentito le grida strazianti del piccolo animale e sono state allertate le associazioni animaliste, che hanno recuperato il cucciolo e lo hanno trasportato al canile di Muratella, prestando i primi soccorsi.

Pare infatti che il cane abbia riportato danni neurologici e ortopedici permanenti, ma il cane è ancora troppo piccolo per stabilire se potrà mai riprendersi. C’è di buono per il cucciolo che adesso sarà affidato a una famiglia vera e non avrà più a che fare con personaggi del genere.

MS

Tratto da: mattinonline.ch

Commenta il post

Orazio 08/08/2013 22:52


Rom senza patria, senza morale... la ministra correrà loro incontro per sorreggerli...


Non il cane ovviamente....

barbara 08/08/2013 22:38


Spett.le Carola,


il problema è che personalmente da animalista quando denuncio maltrattamenti su animali da parte di italiani va tutto bene, se si toccano stranieri o rom le cose si complicano.


Diventa un diritto dello straniero torturare animali mentre per l'italiano è un reato perseguibile per legge. Gli antirazzisti hanno davvero uno strano senso dell'eguaglianza

barbara 08/08/2013 22:36


Onorevole Kyenge, 


lei davvero non conosce nessuna famiglia italiana sfrattata che vorrebbe avere un tetto?


Lei è razzista. Profondamente. Riguardo all'integrazione inoltre, ritiene che il maltrattamento sugli animali SIA DA CONSIDERARE TOLLERABILE onde RISPETTARE la cultura ROM?


 

carola 08/08/2013 22:24


Sei mai stato a Napoli? Degli Isdrealiani cosa diciamo?Quali sono i geni dei mafiosi?L'elenco potrebbe essere lungo usiamo un'antica frase per farla breve "scagli la prima pietra chi non ha
peccato".


Non credo che sia un problema di razze ma di società.
Per quanto mi riguarda io attacco anche le multinazionali


 


 

carola 08/08/2013 20:12


Se è per questo so anche di persone che non sono  che hanno giocato a pallone con cani e gatti.


Bruciato,torturato,ucciso animali, eppure non erano tutti rom.


Smettiamola con i crimini di genere e razza, gli uomini sono tutti uguali alcuni buoni altri cattivi. E non si vada a cercare in alcuni i colpevoli di tutti i peccati del mondo ,sappaimo tutti
bene che i più criticabile e sporchi gli abbiamo in casa e gli italiani li hanno pure eletti.


E poi aggiungo solo che anche gli italiani hanno bisogno di casa,che i loro figli studino e di un lavoro, quindi smettiamola anche con la patetica e pietosa solidarietà di "razza", di meritevoli
e immeritevoli.


Non dovremmo essere tutti uguali?

frontediliberazionedaibanchieri 08/08/2013 21:23


No, non siamo tutti uguali, se non altro per una questione genetica, mia madre potrebbe fare un altro figlio, ma non lo farebbe uguale a me, e fin qui la natura.Che certi popoli ( o razze ) siano
più portati a delinquere di altri credo sia fuori di dubbio: personalmente, ma sarò sfortunato, non ho mai visto nessun italiano, e nessun altro immigrato comportarsi come i rom. Una genia che
costringe i bambini ad andare a chiedere l' elemosina credo che si giudichi da sola, e potremmo continuare a lungo. In Romania, al campo di Calarasi, gli anziani insegnano ai bambini a borseggiare,
dimmi chi altro lo fa come " sistema di vita". Ed in ultimo credo sia molto meglio prima dare una casa, un lavoro ed una famiglia agli italiani in Italia e poi, se rimane qualcosa, aiutare gli
altri. Ma perché nessuno attacca mai le multinazionali politicamente e pubblicamente che stanno depredando l' Africa delle sue ricchezze naturali ? Il multiculturalismo o la società multietnica
sono il primo passo per distruggere i popoli, amalgamandoli con un unico gigantesco frullatore, ed instaurare il NWO. Claudio Marconi