Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

CON LA NUOVA MANOVRA FISCALE PRESTO LA FAME

Pubblicato su 11 Ottobre 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

Cari signori, ricordatevi bene questo giorno perché, da qui in avanti, il processo di impoverimento di questa nazione e soprattutto delle classi più deboli, subirà un salto di qualità impressionante.
In barba a quanto segnalato proprio ieri dall'ISTAT, che ha denunciato che in Italia, nel secondo trimestre del 2012, il potere di acquisto delle famiglie si è ridotto del 4.1% rispetto alla stesso periodo dell'anno precedente, nella notte, il Governo ha varato l'ennesima stangata che andrà a colpire proprio le classe più debole e quella media del Paese, determinando un ulteriore impoverimento generalizzato.
Con la manovra di stabilità varata dal Governo e propedeutica (secondo la loro visione) al raggiungimento del pareggio di bilancio nel 2013, vengono ridotte di un punto percentuale le aliquote IRPEF più basse (dal 23% al 22% e dal 27% al 26%). Questo provvedimento solo apparentemente produrrà degli effetti positivi nelle tasche degli italiani poiché, già dal prossimo luglio, l'IVA che come è noto colpisce i consumi, verrà aumentata dell'1% e quindi l'aliquota al 10% passerà all'11%, mentre quella al 21% raggiungerà il 22%.
Questo provvedimento, andrà a colpire ancora una volta le classi meno abbienti del paese e soprattutto quelle più bisognose, costrette a vivere con i redditi più bassi (pensionati e lavoratori dipendenti). In Italia, i redditi più bassi (ad esempio quelli riconducibili al livello delle pensioni più basse), sono già completamente detassati per effetto delle detrazioni da pensione e/o lavoro dipendete, che annullano il prelievo fiscale a carico del contribuente. Quindi, con questa manovra, il pensionato o chi vive di basso reddito, non troverà alcun giovamento per il taglio dell'Irpef praticato dal Governo. Allo stesso tempo, subirà l'impatto dell'aumento dell'IVA che colpirà i consumi di beni che sconteranno le nuove aliquote poste all'11% e al 22%, comprimendo ancora di più la capacità di spesa delle famiglie, già ridotta all'osso. Ma l'aumento dell''Iva non è l'unica beffa che subiranno le classi meno agiate, poiché gli aumenti delle imposte indirette (IVA), determineranno degli effetti inflattivi dovuti anche agli arrotondamenti (in eccesso) che la catena di distribuzione e commercializzazione dei beni praticheranno sui prezzi dei beni, colpendo il consumatore finale che si vedrà diminuito il potere di acquisto.
Inoltre, il Governo, nello stesso provvedimento, ha previsto anche un aumento delle franchigie per le detrazioni di imposta e introdotto un tetto massimo alle deduzioni, che farà aumentare il carico fiscale anche per i redditi superiori ai 15.000, favorendo un ulteriore impoverimento della classe media, che accelererà la discesa verso il disagio economico, sociale e verso gli inferi della povertà. Fonte: vincitori e vinti - Scritto da: Paolo Cardenà     povero_sacchetto.jpg
Commenta il post