Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

COMUNE DI PESCARA SI TOGLIE CAPPIO USURA BANCARIA

Pubblicato su 22 Febbraio 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

 

Comune paga

 

 

 E' senz'altro la notizia del momento. Il Comune di Pescara è riuscito a togliersi il cappio dell'usura bancaria dei mutui derivati, i cosidetti Credit Default Swap tanto osannati negli anni precedenti la bolla finanziaria come gli strumenti per trovare risorse per le amministrazioni locali. Il Comune di Pescara non è nuovo a scelte del genere. Ricordiamo, infatti, che la giunta insediatasi nel 2009 aveva già tolto alla SOGET il servizio di riscossione degli affitti sugli immobili di residenza popolare: http://www.assoterranostra.org/2011/01/il-comune-di-pescara-si-riprende-la.html .

La stessa giunta ha intentato causa contro i due maggiori istituti bancari detentori dei contratti di SWAP, Unicredit e BNL: http://www.assoterranostra.org/2011/08/il-comune-di-pescara-fa-causa-ad.html

Comune-causa.jpg

Ma ripercorriamo le tappe di quest'ultima scelta.

 

Nel gennaio 2008 chiedemmo all'allora giunta comunale a guida D'Alfonso ( poi arrestato il 15 dicembre 2008 e dimessosi per cause sanitarie mentali permanenti ed ingravescenti ) un resoconto dell'esposizione totale della pubblica amministrazione pescarese dei contratti di mutui derivati accesi con i suddetti istituti bancari. Fu infatti quella stessa amministrazione a contrarre oltre 80.000 milioni di euro di mutui e swap che negli anni dal 2003 al 2008 ha freneticamente più volte rinegoziati per liberare risorse monetarie con benefici immediati ma che nel contempo prolungavano ( swappavano ) la scadenza dei cosidetti derivati fino a portarla dal 2015 al 2030. Una bella spada di Damocle sulla testa della cittadinanza in quanto non si è mai saputo in che modo fossero strutturati questi derivati e sopratutto perchè i tassi di interesse , attualmente bassi, in futuro sarebbero aumentati creando una leva sull'indebitamento e risarcimento degli interessi dovuti agli istituti bancari a scadenza. Sempre nel 2008 , la stessa giunta che aveva stipulato gli SWAP intentò causa alle banche presso la Procura di Pescara che, ovviamente, rigettò la denuncia per INCOMPETENZA GIURISDIZIONALE. La stessa giunta che stipulò i mutui derivati si accorse dopo 4 anni che c'erano dei problemi su tali contratti. La domanda da porsi è se tali politici fossero coscienti o competenti in materia finanziaria. Il loro INCAUTO ACQUISTO, dimostrato con l'intento di fare successivamente causa, avrebbe provocato gravi dissesti finanziari per le casse comunali negli anni a venire. E sappiamo che l'incauto acquisto è penalmente condannato con l'art.712 del Codice Penale. Sopratutto bisognerebbe chiedersi che ruolo abbiano avuto i dirigenti comunali nella stipula di tali contratti e quali siano stati i motivi che gli hanno fatto cambiare opinione. Se prima consideravano gli SWAP uno strumento per la finanza pubblica perchè hanno cambiato opinione? Sono davvero competenti i dirigenti comunali in materia finanziaria oppure hanno legami con il sistema bancario ? Art. 712 del C.P. anche per loro.

 

Appena si insediò la nuova giunta comunale nel 2009 mettemmo a conoscenza del documento in nostro possesso http://digidownload.libero.it/Terra_Nostra/Swap-Pescara001.pdf  il neo presidente della commissione finanze, Renato Ranieri, ed il neo assessore al bilancio , Eugenio Seccia.

 Comune-atto.jpg

 

 

L'attuale giunta è arrivata, dopo una nuova denuncia al foro COMPETENTE di Milano, alla decisione di scendere a compromesso con gli isitituti bancari. Unicredit ha accettato la proposta di concordato di 95.000 euro per rescindere i contratti di SWAP in essere mentre per BNL , al momento, si procederà per via giudiziale. Nel protocollo di intesa del Comune di Pescara del 11-11-11 sono descritti tutti i passaggi per giungere a questa soluzione con le banche

 http://digidownload.libero.it/Terra_Nostra/Comune%20Pescara-%20estinzione%20DERIVATI.pdf

Un "segnale" contro l'USURA BANCARIA e la Finanza creativa a nostro avviso molto FORTE che non può che far piacere a chi, come la nostra associazione, denuncia da sempre lo strapotere bancario nella pubblica amministrazione. Come già detto, i cittadini pescaresi non rischiano di pagare milioni di euro di interessi fino al 2030 ma le nostre domande restano ancora sospese: " Sono competenti i dirigenti comunali in materia finanziaria? Chi ha guadagnato le commissioni con le dette transazioni e rimodulazioni dei contratti di mutui derivati? Siamo certi che non ci siano connivenze e consanguineità tra i dirigenti della pubblica amministrazione e funzionari degli istituti bancari interessati? " . Solo il tempo potrà dirlo perchè il tempo ha un grande valore: la VERITA'.

Associazione Terra Nostra

  Gianluca Monaco

Commenta il post