Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

CARO BOLLETTE, CON L'EURO E' STATO DEL 75%. E IL TREND E' ANCORA IN ATTO NONOSTANTE LA CRISI

Pubblicato su 9 Giugno 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

Il caro bollette di elettricita', gas, acqua e rifiuti continua a zavorrare il potere di acquisto delle famiglie. Lo rileva il Centro Ricerche della Federconsumatori, nel sottolineare che per l'energia elettrica, il gas, l'acqua ed i rifiuti la spesa complessiva nel 2013 ammontera' a 2.488 euro, per un balzo del 75% rispetto al 2000.

caro-bollette.png

Due anni prima dell'ingresso nell'euro una famiglia sborsava 600.000 lire per la luce, 1.608.000 lire per il gas, 368.000 lire per l'acqua;172.000 lire per i rifiuti, per un totale di 2.750.000 lire, circa 1.420 euro. Nel 2013 la spesa per la luce passera' a 517 euro, con un aumento di 206 euro e un +67%; il costo per il gas sara' pari a 1.320 euro, con un rincaro di 489 euro (+59%); l'acqua costera' 356 euro, con un +87% e un aumento di 165 euro; mentre la stangata maggiore sara' per i rifiuti, con l'introduzione della Tares, che da 89 euro del 2000 passa a 295 euro (+231%), con un aumento di 206 euro. Gli aumenti medi per queste quattro voci importanti per le famiglie e' pari al 75% a fronte di una inflazione del 32,6%, ossia il 115,1% in piu'. In Italia - commentano Adusbef e Federconsumatori - ''la crisi sistemica, resa ancor piu' grave dall'assenza assoluta di concorrenza e da norme basilari di trasparenza in settori vitali come banche, assicurazioni, elettricita' ed energia, ha saccheggiato le tasche delle famiglie italiane al ritmo di 1.155 euro l'anno dal 1 gennaio 2002, con un conto finale in 11 anni di 12.700 euro a carico di ogni nucleo familiare''. Adusbef e Federconsumatori chiedono al governo di intervenire con una serie di provvedimenti a tutela delle famiglie e tra le altre cose si chiede un rinvio della nuova Tares al 2014, ''disponendo tariffe sociali omogenee e piani tributari sostenibili per i bilanci delle famiglie''.

Tratto da: controlacrisi.org

Commenta il post